I migliori zaini da viaggio (2020) – Come scegliere quello giusto ed i miei preferiti

I migliori zaini da viaggio (2020) – Come scegliere quello giusto ed i miei preferiti

Zaino da viaggio - Consigli per scegliere quello giusto

Forse hai scoperto da poco l’amore per i viaggi zaino in spalla, o semplicemente hai realizzato che uno zaino da viaggio sia la scelta migliore per la destinazione che hai scelto. 

In entrambi i casi la scelta dello zaino è importante quanto potrebbe essere quella per la giusta assicurazione e l’itinerario.
Alla fine i chili sulle spalle dobbiamo portarli noi ed uno zaino che non rispetti alcune caratteristiche rischierebbe di farci arrivare a fine serata stanchi e con dolori alla schiena!

Lo zaino da viaggio è sicuramente uno degli accessori che dobbiamo considerare con attenzione. 

Che ci si stia preparando per lunghi viaggio o brevi escursioni il giusto zaino deve adattarsi al  nostro corpo, deve poter contenere carichi pesanti in maniera efficiente e, soprattutto, confortevole.

La scelta di uno zaino può intimidire, soprattutto se è il primo che state per comprare.

Molti prodotti sul mercato sono abbastanza tecnici e alcuni termini potrebbero confonderci. 
Ecco perchè ho pensato di scrivere un post che possa indirizzarci alla scelta del giusto zaino o delle valide alternative.

Devi preparare lo zaino e non sa da dove cominciare? Hai paura di portare troppo (o troppo poco)?
Leggi i post Cosa portare per un viaggio zaino in spallaAttrezzatura elettronica da portare in viaggioZaino da viaggio la check list 

Tabella dei Contenuti

Zaino, trolley o valigia?

Utilizzo tutti e tre a seconda del viaggio che sto per affrontare.
Se infatti per weekend o qualche settimana di viaggio in Europa prediligo il trolley, per road trips, come per esempio i viaggi negli Stati Uniti – in cui quindi guido un mezzo e non ho problemi di spazio- prediligo una valigia con le ruote (utilizzo da anno la Eastpack Tranzvert – Dimensione M).
Per i viaggi più lunghi, dove utilizzo mezzi pubblici e mi devo muovere molto a piedi scelgo sempre gli zaini.

Prova a portare una valigia su cinque rampe di scale, o prova a trascinare una valigia anche per soli 200 metri su strade in terra battuta, o ancora peggio, accidentate e fangose.  Non è divertente, lo so. 

Proprio in questi casi arrivano in nostro aiuto gli zaini che sono più versatili di una valigia, più facili da trasportare in condizioni poco comode, sono più morbidi e facili da sistemare negli autobus, penso per esempio a tutti i miei viaggi in Africa, e nel complesso rendono la nostra vita in viaggio, soprattutto quelli più spartani ed avventurosi, più semplice.

Se quindi è chiaro che non demonizzo le valigie (anzi, ho la mia preferita), in questo post voglio raccontarvi dei miei compagni di viaggio di oltre 20 anni: gli zaini!

Caratteristiche del perfetto zaino da viaggio

Come prima cosa nello scegliere lo zaino da viaggio dobbiamo assicurarci che abbia le seguenti caratteristiche: 

  • Zaino da donna Vs zaino da uomo Vs Unisex – Può sembrare scioccco sottolinearlo ma quando si scegliere uno zaino si deve sempre considerare il proprio genere. La conformazione dello zaino infatti varia tra uomo e donna, quindi attenzione quando scegliete. In alternativa per non sbagliare scegliete un Unisex, sempre più modelli hanno anche questa variante
  • Zaino con materiale resistente all’acqua – Lo zaino non è impermeabile al 100%, anche se ci sono queste tipologie, assicurati che quello che sceglierai sarà semi-impermeabile, materiale che permetta di non fare passare l’acqua nel caso in cui si si trovi sotto la pioggia (pioggerella e non temporali!). In genere tutti gli zaini da viaggio sono dotati di teli che possano coprirlo lasciando lo schienale libero
  • Scomparti multipli – Una buono zaino deve avere più scomparti, questi permettono di organizzare il proprio guardaroba e gli effetti porsonali in maniera efficiente. Per esempio io metto gli abiti nella zona principali, la busta con intimo nella tasca superiore, le scarpe nelle tasche laterali ed il sacco a pelo nello scomparto inferiore
  • Telaio interno – Gli zaini da viaggio in vendita in questi ultimi anni hanno tutti il telaio interno,  che lo rendono più sottile, più leggero e quindi più facilmente adattabile sulla schiena
  • Attenzione alla cintura – Il peso dello zaino spinge verso il basso sui fianchi, è qui che dobbiamo sostenere il peso. La cintura quindi gioca un ruolo fondamentale perchè fornisce supporto e distribuisce il peso sulla schiena. La cintura deve essere regolabile, infatti ogni volta dovrai assicurarti che il peso sia ben bilanciato e quindi non senta tutto sulla schiena. 
  • Spallacci imbottiti – Gli spallacci dotati di imbottitura aiutano a portare lo zaino senza farci sentire il peso sulle spalle. Assicurati che l’imbottitura sia molto spessa e di un solo materiale per evitare che si spacchi o si scomponga.
  • Schienale imbottito e sagomato – Uno zaino a forma lombare rende il trasporto più comodo, poiché aiuta a distribuire il peso in modo più uniforme. Uno schienale di questo tipo crea uno spazio tra la nostra schiena e lo zaino permettendo all’aria di passare. Movimenti più facili e maggiore freschezza
  • Caricamento frontale – Uno zaino a caricamento frontale permette di aprire lo zaino dandoci la possibilità di accedere a tutte le tue cose, che io organizzo poi in categorie così da facilitare l’apertura e soprattutto la chiusura.
    Nel passato ho usato uno a caricamento dall’alto ma questo faceva sì che dovevo ogni giorno disfare lo zaino. Da quando ho provato quello a caricamento frontale non cambio! 

Di quanti litri deve essere lo zaino da viaggio?

Anche in questo caso dipende dal tipo di viaggio che si sta per affrontare. Se si viaggerà per qualche settimana o mese, allora lo zaino ideale secondo me deve essere almeno di 65litri. Io viaggio con un Ferrino 75litri che non riempio mai anche in considerazione di eventuali cose che comprerò. È sempre consigliato non abusare dello spazio a disposizione perchè si sà, quanto più spazio hai quante più cose vorrai portare. In verità poi strada facendo ci si rende conto che molte delle cose portate non servono e sono, haimè, un peso che dobbiamo portarci appresso. Alcune semplici regole da ricordare. In genere si consiglia di riempire lo zaino in base al 15/25% del proprio peso. Se quindi pesi 60kg idealmente il massimo chili da tenere in spalla sarebbero 15 chili. Per semplificare la scelta dei litri dello zaino in genere si consigliano le seguenti opzioni:
  • Per escursioni semplici – Zaino di 25/35 liti (come il Deuter Trail 30 Backpack)
  • Per escursioni di un giorno – Zaino di 35/50 litri (come il Ferrino Altavia 45 Litri)
  • Per escursioni di più giorni/viaggio zaino in spalla – Zaino da 60/80 litri (come quelli che menziono più sotto)

Zaino da viaggio con le ruote. Si o no?

Ho provato lo zaino da 60 litri con le ruote e personalmente non lo ho trovato particolamente comodo. Lo zaino è molto rigido, è pesante e la sezione ruote, a lungo andare, mi causava dolori alla schiena. Più che uno zaino è una valigia che in casi estremi si trasforma in zaino. Se acquistato come valigia da usare eventualmente come zaino allora è sicuramente una bella soluzione. Se interessati a questa soluzione trovo i Kathmandu degli zaino davvero eccezionali, come per esempio l’Hybrid 70 Trolley. Dovendo però viaggiare sempre con molta attrezzatura elettronica e di valore (pc, macchina fotografica,obiettivi etc) ho trovato una soluzione che per me è vincente. Abbino allo zaino da 70litri un secondo, piccolo, zaino trolley dove metto tutta la attrezzatura che deve stare sempre a mio fianco (anche sui bus) e che sia facile da trasportare. Non vi nascondo che questo zaino è sempre più pesante di quello che ho in spalla e ha numerosi vantaggi. Prima di tutto trovo personalmente molto fastidioso avere uno zaino dietro ed uno avanti, ci ho provato per sei mesi ma non ha funzionato (per me almeno), preferisco avere il peso sulla schiena con un buono zaino e lasciarmi la parte frontale libera. Lo zainetto con le ruote mi perrmette di trascinarlo come fosse un trolley dove possibile e, dove non possibile, invece lo indosso come zaino. Non è comodissimo ma per le rare volte che ne ho avuto bisogno ha fatto il suo lavoro. Il secondo vantaggio è che quando sui bus o aerei o treni posso tenerlo sempre con me, qui ho le cose di valore, e quindi lo utilizzo come fosse uno zaino normale. Il contro è che a causa della sua struttura e delle ruote coperte da fasce di plastica potrebbe essere poco comodo, più pesante di uno zaino normale e meno pratico. Ma usandolo nel 90% dei casi come trolley si abbina molto bene con lo zaino più grande. Non lo userei come unico zaino per un viaggio ma solo in abbinamento ad altro (lo abbino alla valigia per esempio usandolo come zaino sulla schiena). La mia scelta è lo zaino trolley Samsonite GuardIT 2.0, lo uso da 5 anni, ha girato mezzo mondo, Africa inclusa, ed è ancora come nuovo!

I migliori zaini da viaggio - I miei zaini preferiti

Uno zaino è un investimento che dura molti anni, anche in situazioni estreme. Per questo motivo doppo averne provati molti intanto riduco la mia scelta a tre marchi principali: Deuter, Ferrino e 

Ottimo zaino di circa 2.5 kg ma dotato di spallacci e cintura comoda per aiutare il trasporto. Tra le caratterstiche che lo rendono un ottimo zaino menziono le differenti tasche (doppia sul cappuccio, di sicurezza, laterali, frontale, su fascia a vita), i porta bastoncini, i nastri di compressione laterali, il doppio accesso al corpo principale (inferiore con separatore interno e centrale) ed il coprizaino. Una ottima scelta ad un prezzo onesto, circa €116 Compra online
Questo zaino è stato pensato e realizzato per i trekker che richiedono essenzialità ma anche precisa organizzazione, data dalle sette tasche e l’accesso frontale che permette la gestione del contenuto in maniera pratica e veloce. Lo zaino pesa poco più di 2 kg ed include anche 2 asole porta bastoncini, porta materiali in nastro frontali, asole porta materiali sul cappuccio ed il copri zaino. Costo  circa €125 Compra online
Uno zaino pensato per i trekkers ed i viaggiatori zaino in spalla grazie al dorso ergonomico con sistema di regolazione “Double Ergo Adjustment”, che avviene mediante lo scorrimento della slitta spallacci, le numerose tasche (sul cappuccio, di sicurezza, laterali, frontale, su fascia a vita), regolabile dalla taglia da S alla XL, accesso inferiore al corpo dello zaino con separatore interno ed il coprizaino incluso. Uno zaino eccellente ad un costo assolutamente accessibile circa €100 Compra online
Deuter è una marca tedesca specializzata in outdoor. I suoi prodotti non sono sicuramente i più economici ma garantiscono qualità ed alte performances (i tedeschi si intendono di outdoor). Questo zaino di 75l+10 ha bretelle regolabili e spallacci mobili, per poter adattare lo zaino al proprio corpo, apertura frontale e scomparto inferiore con ripiano intermedio estraibile e la copertura antipioggia rimovibile con vano portaoggetti. Costa circa €200, in linea con la qualità del prodotto. Compra online
Costruito con materiali riciclati che si combinano con le componenti in metallo e il comodo sistema di supporto lombare, che aderisce bene al corpo ed in grado di sopportare carichi significativi senza pregiudicare il comfort, sono alcuni degli elementi che rendono lo zaino davvero speciale. L’apertura frontale permette di aprirlo e chiuderlo semplicemente. Lo zaino costa circa €200, prodotto di qualità di un brand eccezionale per l’outdoor Compra online Aether AG70 Uomo 

Come coprire lo zaino durante in viaggi in bus ed aereo

Che i bagagli vengano maltrattati negli aeroporti e alle stazioni dei bus non è una novità. Trovarsi quindi con zaino costantemente sporchi e polverosi è l’ultima delle cose che si vuole quando si viaggia. 
Da sempre utilizzo una sacca leggera ma molto pratica in cui posso chiudere con un lucchetto lo zaino durante i viaggi e che lo protegge dallo sporco degli aeroporti o dalla polvere dei viaggi in bus in Africa. 
I miei preferiti sono il Ferrino Two Way, eccellente chisura con zip, molto robusto e resistente ma un po’ pesante. Mi piace perchè quando in ostello chiudo sempre lo zaino dentrro la sacca e lo metto al sicuro.

Ultimamente ho anche provato la sacca Lowland che invece è molto leggera, ma più difficile da usare soprattutto se lo zaino è piuttosto pieno (si deve infatti inserire dalla parte superiore. Non permette una chiusa ermetica come il ferrino ma se ben chiuso anche con più lucchetti fa il suo lavoro.

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.