Cosa mettere nello zaino – Viaggiare il mondo zaino in spalla e leggeri

Cosa mettere nello zaino di viaggio

Viaggio da ormai quasi 10 anni quasi ininterrottamente e man mano che il tempo passa il peso del mio zaino va via via diminuendo.

Mi stupisco ogni volta che devo rifare lo zaino di viaggio di quanto sia diventata minimalista e di quanto velocemente riesca a farlo anche se devo partire per 6 mesi.
Io che quando andavo via per 7 giorni portavo con me bagagli di 20 chili sono arrivata al punto di stare via per un anno e fare pesare il bagaglio meno di 15kg! 

Certo mi piacerebbe avere delle belle scarpe o una bella borsa ogni tanto ma quando si sceglie di viaggiare in questo modo e per lunghi periodi è necessario fare delle rinunce e tenere sempre in mento che Meno è Meglio.

Lo so, è un concetto difficile da comprendere, o meglio è semplice da comprendere ma difficilissimo da mettere in pratica.
Ci sono passata anche io e non solo una volta.
Soprattutto una donna credo abbia più difficoltà a fare uno zaino di viaggio. Anzi non credo, ne sono sicura.
Ho visto uomini viaggiare con uno zainetto talmente tanto piccolo che mi chiedevo come potessero fare.
Eppure se si vuole partire zaino in spalla e si vuole stare in viaggio per lunghi periodi la questione zaino di viaggio è una delle più importanti.

Uno zaino ben calibrato e non troppo pesante potrebbe essere un elemento fondamentale non per la riuscita del viaggio, ovviamente, quanto piuttosto per la nostra felicità e comodità.
Viaggiare con uno zaino di 20 chili quando all’ombra ci sono 40 gradi vi farà ripensare a quante cose inutili avete lì dentro e quanto sarebbe stato meglio lasciare questi chili inutili in più a casa.
Imparare come fare uno zaino di viaggio è importante, capire cosa mettere, in quali quantità e come scegliere le cose è un processo che non durerà una sola ora ma, a me per esempio, prende qualche giorno.

backpcking
Viaggiare zaino in spalla

Trolley o Zaino? Dipende!

Ho pensato spesse volte che avrei preferito avere un grande trolley al mio seguito piuttosto che uno zaino pesante sulle spalle
Ma ci sono situazioni nelle quali mi rendo conto che uno zaino è la scelta migliore, più pratica, comoda e rende i miei movimenti più veloci.

Gesti che sembrano banali ma che diventeranno consuetudine giornalieri quali, salire e scendere da autobus, da treni, scale mobili, rischiano di diventare degli impedimenti.

In molte occasioni mi sono trovata su isole dove non esistevano strade, in città durante le stagioni delle piogge dove era necessario fare lo slalom tra le pozzanghere, ho dovuto camminare a lungo su strade non asfaltate ed in salita per circa 20 minuti, in Asia  o Africa invece dei taxi macchina usavo i motorini, per non parlare poi di ostelli o alberghi senza ascensore.

In tutti questi momenti ho pensato che senza zaino mi sarei trovata in enorme difficoltà o avrei dovuto chiedere aiuto a qualche baldo giovane più prestante di me.

In altre invece, come per esempio un road trip negli Stati Uniti, preferisco viaggiare con una valigia, ormai da anni utilizzo le valigie Eastpack in quanto pratiche, morbide e comodissime, in quando viaggiando con la macchina è più comoda rispetto uno zaino. 
In entrambi i casi, che viaggi con lo zaino da 80 litri o con la valigia, con me viene sempre lo zaino trolley della Samsonite dove ripongo l’attrezzatura elettronica e che si abbian bene ad entrambe le soluzioni. 

Lo zaino trolley invece mi ha salvata la vita in tante occasioni perchè avendo le ruote posso trascinarlo e non devo caricarmi di peso anche con uno zaino appeso al petto. Facile da fare diventare zaino quando necessario, è qui dove metto computer, macchina fotografica, guida e kindle.

Organizzare lo zaino – Scegliere cosa portare e cosa no

Abbiamo deciso se preferiamo lo zaino o il trolley ma il problema rimane. Cosa portare?
Meno è meglio, chiaro. Ma come scegliere? Portare e non portare quella maglietta che ci piace tanto? Un vestito elegante per una eventuale festa non lo mettiamo? E se si, che scarpe dovremmo portare?

Ho appena fatto un esempio di cose inutili e che per prime andranno fatte fuori dalla lista.

L’organizzazione del mio zaino di viaggio comincia qualche giorno prima della partenza.
Metto su un letto vuoto tutto quello che credo mi possa servire.
Ogni qual volta entro in quella stanza tolgo qualcosa.

Il mio limite di peso senza prodotti da bagno (che poi sono quelli che contribuiscono ad appesantire di un bel pò) è 12 chili.

Una volta quindi messo sul letto tutto quello di cui abbiamo bisogno scriviamo una lista dalla quale aggiungeremo, toglieremo o sostituiremo. 

Cosa non può mancare nello zaino di viaggio

Scopri cosa porto con me in viaggio

Dispositivi elettronici di viaggio

Scopri quali dispositivi elettronici non possono mancare nel tuo bagaglio

Organizzare lo zaino – Scegliere cosa portare e cosa no

Abbiamo deciso se preferiamo lo zaino o il trolley ma il problema rimane. Cosa portare?
Meno è meglio, chiaro. Ma come scegliere? Portare e non portare quella maglietta che ci piace tanto? Un vestito elegante per una eventuale festa non lo mettiamo? E se si, che scarpe dovremmo portare?

Ho appena fatto un esempio di cose inutili e che per prime andranno fatte fuori dalla lista.

L’organizzazione del mio zaino di viaggio comincia qualche giorno prima della partenza.
Metto su un letto vuoto tutto quello che credo mi possa servire.
Ogni qual volta entro in quella stanza tolgo qualcosa.

Il mio limite di peso senza prodotti da bagno (che poi sono quelli che contribuiscono ad appesantire di un bel pò) è 12 chili.

Una volta quindi messo sul letto tutto quello di cui abbiamo bisogno scriviamo una lista dalla quale aggiungeremo, toglieremo o sostituiremo. 

Come scegliere cosa portare e cosa no

Una cosa è si sta andando in Centro America un’altra se si sta andando negli Stati Uniti in inverno.
Una cosa è se si viaggerà in Africa un’altra se si sta andando in Nuova Zelanda.

E’ necessario avere più o meno chiaro quali sono le temperature che si affronteranno. Su internet si trovano molti siti che registrano le temperature e le precipitazioni anno per anno. In questo modo si potrà prevedere in linea di massima quanto caldo/freddo farà e regolarci di conseguenza.

Ma non solo. Se viaggeremo in Centro America significa mare (non sempre ma per la maggior parte del tempo), servirà un pareo che viene utilizzato come telo e anche come vestito per raggiungere la spiaggia. 2 in 1. 
Assolutamente no ai teli da mare sì al pareo ed ai teli in microfibra. Delle infradito, dei pantaloncini, canottiere, io porto anche la maschera e il tubo.

Ma se si sta andando in Nuova Zelanda a maggio nessuna di queste cose appena elencate servirà. Farà freddo e i pantaloncini devono diventare pantaloni, le canottiere dei lupetto e maglioni di lana, la pashmina per coprirsi dalla possibile brezza serale un giubbotto o un piumino.

Meglio poco che troppo, e se ho troppo poco allora compro sul posto

Per una serie di motivi il mio arrivo in Nuova Zelanda è stato spostato di ben 2 mesi rispetto il piano principale. Invece di arrivare nel bel mezzo dell’estate sono arrivata in autunno.
In 4 ore di volo sono passata dai 30 gradi delle Fiji ai 7 di Christchurch. Uno shock per il mio corpo che non era preparato a questo freddo.

Avevo solo maglione e un cappottino comprato in Vietnam. Non sufficienti per ripararmi dagli 0 gradi notturni di Queenstown.
Volente o nolente avevo bisogno di qualche vestito. Non ci facevo molto con il pareo, i pantaloncini e le canottiere.

Il kit di sopravvivenza – Oggetti da non dimenticare quando in viaggio

Ci sono oggetti piccoli ed essenziali che vi salveranno in momenti di vita selvaggia

  • Coltellino svizzero. Tornerà utile in molte occasioni
  • Adattatore, io ho quello universale con diverse uscite. Dovunque vado c’è sempre quella giusta
  • Mascherina per dormire (ve la daranno in aereo ma prendetela) soprattutto quando si viaggia la notte in autobus aiuterà a dormire meglio senza doversi coprire la faccia come uno zombie
  • Kindle paper white
  • Antibatterico per le mani
  • Lucchetti. Io ne ho sempre più di uno. Per chiudere la zip dello zaino quando viaggio in bus e anche da utilizzare in lockers forniti dagli ostelli. Non tutti gli ostelli forniscono infatti illucchetto. Lo spazio si ma non il lucchetto, sempre bene averne uno in più per le emergenze
  • Occhiali da sole.
  • Sacco a pelo da arrotolare ed attaccare alle cinghie inferiori dello zaino
  • Sacca da Viaggio da potere chiudere con lucchetto quando in viaggio. Per la protezione del bagaglio quando imbarcato in stiva o sui bus. 

 

Packing List di viaggio 

Quindi detto che meno è meglio e che non bisogna mai prendere sottogamba il clima dei Paesi in cui si va ecco la mia packing list:

  • Magliette maniche corte
  • Magliette a maniche lunghe (io porto quelle molto lunghe che posso indossarle con leggings o in estate anche come vestiti)
  • Felpa o pile
  • Giacca a vento
  • Calzini ed intimo
  • Costume da bagno (se si va al mare)
  • Pareo (conviene comprarlo in loco)
  • telo da bagno in microfibra, occupa poco spazio e si asciuga velocemente
  • Leggings (lungo e sotto il ginocchio)
  • Pantaloncini
  • Vestitini estivi (leggeri e pratici)
  • Infradito
  • Scarpe da trekking
  • Marsupio sottile da mettere dentro i pantaloni dove riporre quando in viaggio i propri (pochi) averi.
  • Busta pieghevole da bagno dove riporre prodotti da bagno e toiletteria.
  • 1 zainetto leggero per il trekking e le escursioni
  • 1 borsetta a tracolla – Utilizzo da ormai 5 anni la comodissima e resistente Kipling Gabbie 
  • Medicinali: se avete bisogno di medicinali speciali prendetene in quantità più che sufficiente. Antidolorifici, antipiretici, pillole per mal di mare/bus, antidiarrea, aspirina.
  •  

Documenti di viaggio

  • Passaporto con almeno sei mesi di validità. Se si vuole stare via un anno quindi almeno 1 anno e sei mesi
  • Fotocopie dei documenti e quando fuori usare queste e non i documenti originali.
  • Patente di guida internazionale che si può richiedere per 10 euro alla motorizzazione
  • Carte di debito e di credito – Consiglio di munirsi delle eccellenti carte ricaricabili ideali per i viaggiatori: Revolut ed N26 
  • 1 carta di credito
  • Fotocopie di tutti i documenti
  • ASSICURAZIONE MEDICA
  • Stampa dell’assicurazione di viaggio
  • Patente internazionale di guida se si vuole guidare una macchina o anche un motorino

Un aiuto pratico per fare il tuo zaino

Pensi che siano troppe le cose da ricordare e che nella selezione possa dimenticare qualcosa di davvero importante?
Buone notizie per te!
Tirendo.it ha creato una applicazione che ti aiuta passo passo nella composizione dello zaino di viaggio non solo proponendo  miriade di opzioni ma anche distinguendo per tipologie di viaggi.
Seleziona quello che stai per portare con te e assicurati di non aver dimenticato nulla e poi stampa la lista definitiva (ti servirà man mano in viaggio per accertarti di avere sempre tutto con te)

Piu facile a farsi che a spiegarsi!
Quindi CREA LA TUA LISTA DI VIAGGIO. Una di quelle idee che semplificano la vita del viaggiatore zaino in spalla.

lista viaggio
 

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 24 commenti.

  1. Giorgia

    Ciao Giulia,
    leggo sempre con attenzione i tuoi post che mi forniscono ottimi consigli…ho però un dubbio. Da quello che ho capito te utilizzi uno zaino da trekking + un trolley zaino. In quest’ultimo riponi l’attrezzatura tecnologica. Non hai paura che si possano creare danni alle attrezzature trasportandole con un trolley, che sicuramente subisce tutte le vibrazioni del terreno? Grazie per la tua risposta Giorgia

    1. Giulia Raciti

      Ciao Giorgia,
      ovviamente sia macchina fotografica che computer sono ben protetti. In 7 anni di utilizzo dello zaino trolley ho solo trovato pro e mai dei contro. La macchina fotografica ovviamente ne ha risentito un pò ma perchè per 12 mesi ho vissuto nella polvere quindi era piena di polvere.
      Il computer, poverino l’ho fatto lavorare dai posti meno puliti della terra. Quindi i problemi li ho avuti ma non a causa dello zaino che anzi ha risolto un problema per me ben più grave ovvero il peso (calcola che questo zaino pesa più di quello che ho in spalla).
      Quindi, no nessun problema purchè per macchina e per computer utilizzi le dovute precauzioni (copricomputer e ora ho una bellissima busta che contiene macchina ed obiettivo che mi permette di metterle ad occorrenza in zainetto in spalla o borsa a tracolla) per proteggerle.
      La mia più grande nemica è la polvere!
      ciao!

  2. Alessandra

    Ciao Giulia! Ottimo post! mi stai aiutando non poco a preparare il mio zaino, insieme anche a Francesca di Viaggiare da Soli. Il primo viaggio zaino in spalla non si scorda mai 🙂 Una cosa…andrò un mese in thailandia a breve, parto con Thai Airways, prenderò poi due voli interni (uno credo con Air Asia, il secondo con Bangkok Airways) ho uno zaino di 50 litri, tu consigli di mettere lo zaino in stiva? Se si, come? Lo dovrei proteggere con una sacca? grazie mille

    Alessandra
    appuntidiconsapevolezza.blogspot.it

    1. Giulia Raciti

      Questo dipende da te e dalla misura consentita dalle compagnie aeree, ovviamente se può rientrare nella misura bagaglio a mano io non lo imabrcherei ma se due compagnie su 3 non sono delle low cost, AirAsia lo è quindi mi chiedo piuttosto se il bagaglio da stiva non debba essere pagato come aggiuntivo (funziona come la nostra Ryan).
      Io quando imbarco o metto sui bus chiudo sempre lo zaino in una sacca, più per non farlo sporcare che per sicurezza.

      ciao e buon viaggio
      giulia

  3. Chiara

    Ciao scusate il disturbo ma per caso sapete quanti soldi circa bisogna portarsi dietro? E per le lingue? Dove caricate il cellulare o macchine fotografiche? Grazie e buon viaggio a tutti

    1. Viaggiare Low Cost

      Dipende di quanto tempo parliamo. Per le lingue, io credo che bisogna saper parlare l’inglese in linea di massima per qualsiasi parte nel mondo, in latino america ovviamente è importante lo spagnolo. Le cose si caricano in hotels ed ostelli.
      Ciao!

  4. Anthony

    P.S.

    …”I voli aerei diventano sempre meno, gli autobus una seconda casa. Le strade con le buche o non asfaltate la norma, le file e le attese una regola, i passaggi una fortuna in cui si spera, i ristorantini locali l’Eldorado.”

    Wow, mi hai fatto cogliere la sensazione in pieno. Pura poesia.

  5. Anthony

    Ciao Giulia
    Bel post complimenti, tra 3 mesi termino il mio contratto di lavoro che grazie alla crisi non verrà rinnovato così ho deciso di riprendere lo zaino che non toccavo dal 2006 e ripartire all’avventura anche se…. il pensiero di non essere più giovanissimo mi suggestiona un po’, ho posato lo zaino che avevo ancora 27 anni, ora a 36 sonpo troppo vecchio :), scherzo.
    Per i visti oggi giorno come funziona??? Amici mi hanno detto che in questi ultimi anni è sempre più difficile procurarsi i visti direttamente in frontiera quindi si è obbligati ad andare prima nelle ambasciate/consolati dei paesi prima. Confermi???
    Per i voli low cost???? la tattica di supplicare in aereoporto ai receptionists delle compagnie che stanno per chiudere le prenotazioni dei voli funziona ancora?? 😉
    Come prima tappa ho la Cambogia, ho promesso ad un amico che gli avrei fatto visita e sinceramente rivedere la Cambogia non mi dispiace. Stsavo pensando invece visto che ho tempo di raggiungerla via terra. Che mi dici? consigli low budget?
    Ciao

    1. Viaggiare Low Cost

      AirAsia è la compagnia low cost d’asia…qui una lista di compagnie aeree low cost https://www.viaggiare-low-cost.it/migliori-compagnie-aeree-low-cost-nel-sud-est-asiatico/

      I visti si fanno quasi tutti in frontiera tranne Birmania e Vietnam, ma puoi sempre verificare sui siti delle ambasciate e se ne hai di bisogno vai direttamente li e te lo fai fare, ogni capitale (bangkok, Phom Phen..) hanno ambasciate e puoi fare li i visti senza alcun problema. quindi no, non confermo, dipende solo dove devi andare.

      Cosa intendi raggiungerla via terra? Dall’Italia? Non ho idea sono però sicura che ci vorrà tantoooo tempo!

      BUON VIAGGIO
      GIulia

  6. ideanomde

    Ciao,
    ottimo articolo,ma quanti litri sono i tuoi zaini richiamati nel post?

  7. Ideanomade

    Ciao,ottimo articolo!
    Quanti litri è il tuo zaino?

  8. Francesco Tognazzi

    4 bikini sono già troppi…. Le donne… La differenza la fa il Beauty case… Il mio pesa 500 g quello di mia sorella 3 kg eh eh.

  9. Debo Franco

    un altro consiglio, meno e piu… trovare un dispositivo che faccia le volte de mp3 player, lettore di libri, fotocamera con buona qualita, quindi un solo caricatore, un solo oggeto. (samsung galaxy s3, iphone, ipod touch… ecc). Poi anche il ottimo e avere il caricatore a USB port quindi un solo caricatore per tutto! meno peso…

  10. Debo Franco

    io suggerisco scansionare tutti I documenti (passaporto, biglietti, carta identita, ecc) e lasciarli nella posta elletronica o dropbox o drive ecc, cosi, se vanno smarriti anche le copie, uno puo entrare in internet e stamparle.

  11. Stefano

    Ciao Giulia, per l’argomento zaini sento continuamente parlare di kensigton lock e altri lucchetti per backkpack, ma una cosa mi lascia perplesso: a cosa serve chiudere le cerniere dello zaino con un lucchetto quando con un semplice taglierino un eventuale malintenzionato può tagliare la tela e aprirlo? Forse mi sfugge qualcosa :/
    Durante il mio primo backpack in Africa non ho mai chiuso lo zaino e mai avuto un problema, ora che sto partendo per l’Asia in un viaggio più lungo (1 anno) cerco di fare le cose per benino…:)

    1. Viaggiare Low Cost

      Ciao Stefano,
      con un semplice taglirino si può tagliare lo zaino è vero ma perché rendere le cose facili? Io lucchetto due volte tutto, poi se mi hanno preso di mira a vogliono rubare lo faranno ma serve un pò più di impegno rispetto all’aprire semplicemente uno zaino e prendere quello che ci sta dentro.
      Negli ostelli chi ruba sono prevalentemente altri backpackers, sugli autobus locali. Io lucchetto e quando sto sui bus e quando lascio le mie cose in camera. Semplicemente per non rendere le cose facili.
      Spero di avere risposto alla tua domanda
      Un saluto dal Perù
      Giulia

  12. Stefano

    A proposito di libri, ai lettori incalliti (come me) consiglio vivamente un ebook reader, tipo Kindle. 99 €, migliaia di libri caricati e a disposizione (comprese guide dei Paesi da visitare, può sempre tornare utile), sta nella tasca dei pantaloni e cosa importante la batteria può durare anche più di un mese.

    1. Viaggiare Low Cost

      Si, io non l’ho comprato prima della partenza e me ne sono pentita. Quindi ho optato per questa soluzione alternativa!
      Grazie per il tuo commento
      Un saluto

  13. Mary

    Ciao Giulia! post utilissimo! Io sono alla mia prima esperienza come backpacker..e ho portato troppa roba! me ne rendo conto soprattutto adesso che sono in SEA dove si trova qualsiasi cosa!
    Mi chiedevo quale sito usi per leggere i libri online! Grazie mille!

    mary

  14. Mary

    Ciao Giulia! Post utilissimo! Io sono alla mia prima esperienza come backpacker…e ho portato troppa roba! 17 kg, ma mi sto disfando delle cose in più strada facendo!

    Una domanda: non ho capito che sito usi per leggere i libri online!
    Grazie!

    1. Viaggiare Low Cost

      Ciao Mary,
      ecco il sito che uso http://www.scribd.com
      Qui trovi praticamente tutti i libri che vuoi e in tutte le lingue. certo leggi sullo schermo però hai una biblioteca gratis a tua disposizione.
      Puoi scaricare il libro se vuoi.
      UN abbraccio buon proseguimento
      Giulia

  15. irene

    Ciao Giulia! Che zaino usi, intendo che marca? Da quanti litri? E’ meglio che sia diviso in due parti? E’ utile avere delle tasche? Grazie 🙂

    1. Viaggiare Low Cost

      Ciao Irene il mio zaino è abbastanza vecchio. L’ho comprato nel 2004 e ancora regge che è una bellezza.
      La marca è Ferrino (credo che sia solo un negozio romano).
      I litri, 90 litri ma è riempito a metà.
      Le tasche sono utilissime. Io lò uso tutte.
      Dovessi ricomprarne uno nuovo punterei a quello che invece di aprirsi dall’altro (tipo sacca) si apre tipo valigia che rende comodo mettere e prendere le cose, quindi la zip è per tutta la lunghezza dello zaino.
      Mi raccomando di provare lo zaino e accertarsi che aderisce bene ed è comodo altrimenti ne va di mezzo la vostra schiena.
      NOn risparmiare agli eccessi per lo zaino, è importante e se lo compri di buona qualità come vedi potrà sopravvivere per anni!
      Spero di esserti stata di aiuto, se no, rimango a tua disposizione
      un saluto da Buenos Aires
      Giulia

      1. irene

        Ferrino: ottimo! Durato dieci anni, ora si è rovinato dentro ma da fuori è come nuovo.. non penso però producano zaini con apertura verticale 🙁

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.