Cosa vedere a Parigi in 3 giorni - Itinerario giorno per giorno con mappe

Itinerario dettagliato per visitare Parigi in 3 giorni

Vedere Parigi in 3 giorni è un'impresa ardua. Questa città maestosa ed elegante richiede più di una visita fugace per apprezzare veramente ciò che ha da offrire. Ho trascorso più di due settimane in città e posso attestare il fatto che per immergersi veramente in tutto ciò che Parigi ha da offrire, servirebbero non meno di 7 giorni. Tuttavia, se 3 giorni è tutto il tempo che avete a disposizione, non temete, poiché ho elaborato una guida che vi assicurerà di assaporare l'essenza di Parigi anche se avete poco tempo.

Questa guida è pensata per aiutarvi a muovervi nella città con disinvoltura visitanto i luoghi principali. Anche se è ambizioso tentare di catturare lo spirito di una città così vasta in sole 72 ore, questo itinerario è progettato per mostrare il meglio di Parigi, garantendovi una visita molto soddisfacente.

Il post è molto lungo, prima di arrivare all'itinerario giorno per giorno troverete alcune raccomandazioni e consigli pratici, ma se non vi interessano (o avete poco tempo) e volete andare direttamente all'itinerario cliccate qui. Per completare la pianificazione consiglio di leggere anche i post sui 27 posti da vedere a Parigi e dove dormire a Parigi

Alcune raccomandazioni per vedere Parigi in pochi giorni

Per poter seguire questo itinerario di 3 giorni a Parigi ci sono alcune raccomandazioni che vorrei fare:

  • Siccome il tempo è poco e le distanze sono grandi consiglio di comprare alcuni biglietti di ingresso in anticipo, come per esempio ingresso al Louvre, Musee d'Orsay. la Torre Eiffel, Versailles ed il Parco Disney (se avete in piano di andarci).
  • Comprate il carnet biglietti mezzi pubblici (10 viaggi) perchè userete la metro ed i bus molto. Per il mio stile di viaggio non ho trovato convenienti i pass giornalieri e mi piaceva alternare complice delle belle giornate, l'utilizzo delle biciclette visto che Parigi ha tantissime piste ciclabili. Le carte dei trasporti si fanno velocemente in ogni stazione metro.
  • Cercate di dormire in aree centrali, vi consiglio la lettura del post su dove alloggiare a Parigi dove troverete i migliori e alcuni consigli su dove alloggiare. In linea generale cercate di scegliere una struttura in un quartiere lungo la Senna. Così siete sicuri di essere in zona centrale e ben collegta
  • Paris Museum Pass - L'itinerario che segue prevede l'ingresso a numerose attrazioni. Se pensate di visitarle tutte consiglio l'acquisto del Parigi City Pass (a partire da €75 per 2 giorni) che include l'ingresso a tantissime attrazioni (tra cui il museo del Louvre, Musee d'Orsay, Centro Pompidou, l'Arco di Trionfo). Compra il Parigi Museum City Pass
  • Nel post sui 24 posti da vedere a Parigi menziono tutti quelli che vale la pena visitare, ma considerate che servirebbe almeno una settimana per poterli vedere tutti. In questo post menziono solo quelli che per questioni di tempo potrete realisticamente vedere avendo appena 3 giorni a disposizione
Parigi dal Centro Pompidou

Consigli pratici per visitare Parigi

Come sempre prima di entrare nel vivo dell'itinerario ci tengo a darvi alcuni consigli utili per la pianificazione viaggio.

Da come arrivare dagli aeroporti e come muovervi in città a dove dormire e quali i biglietti da comprare in anticipo per evitare lunghe file o, ancora peggio, di non trovare slot disponibili.

Come arrivare dall'aeroporto di Parigi al centro

Parigi ha tre aeroporti: Charles de Gaulle, Orly e Beauvais.

Da Charles de Gaulle (CDG) a Parigi:

  • Treno (RER B): Questa è l'opzione più economica e veloce. Il costo del biglietto è di circa 11,80€ e il viaggio dura circa 50 minuti.
  • RoissyBus shuttle: Il RoissyBus shuttle collega l'aeroporto con la fermata Opera a Parigi. Il viaggio impiega circa 60 minuti. Il biglietto costa 16,60€. I bus partono ogni 30 minuti. I biglietti si possono comprare direttamente a bordo.
  • Taxi: Un taxi dal CDG a Parigi può costare dai 50 ai 70€, a seconda del traffico, e impiega circa 45 minuti.

Da Orly (ORY) a Parigi:

  • Treno: Questo è il percorso consigliato. Bisogna prendere la navetta Orlyval fino alla stazione Antony RER e da lì prendere il treno fino a Gare du Nord. Il costo è di 12.10€ e il viaggio dura da 45 a 60 minuti.
  • Autobus: Il bus pubblico 183 collega l'aeroporto di Orly con il centro di Parigi al costo di 2€, impiegando circa un'ora.
  • Taxi: un viaggio in taxi da Orly a Parigi costa 32€ (sponda sinistra della Senna) o 37€ (sponda destra della Senna).

Da Beauvais (BVA) a Parigi:

  • Treno: Non lo consiglio ma l'ho dovuto fare perchè ero a Parigi quando le strade della città era bloccata dagli agricoltori. Dall'aeroporto di Beauvais si può prendere il bus (€1 che si può pagare con carta a bord) o un taxi (€15) per la stazione ferroviaria di Beauvais da cui prendere il treno regionale TER per la stazione Gare du Nord a Parigi. Il costo del treno è di 17€ e il viaggio totale dura circa un'ora e 15 minuti.
  • Autobus: Il servizio navetta dall'aeroporto di Beauvais non ha orari fissi ma è programmato in base all'orario di arrivo dei voli. Il viaggio dura circa 75 minuti e il costo del biglietto è di 16,90€. Il bus vi lascerà a Porte Maillot a Parigi, vicino alle stazioni della RER (linea C) e della metropolitana (linea 1). Prenota il bus navetta.
  • Taxi: L'opzione taxi è la più costosa (oltre 170€) e il viaggio dura da 60 a 90 minuti.
Centro di Parigi

Come muoversi a Parigi

Muoversi a Parigi è veloce e molto pratico grazie all'eccellente e capillare servizio di trasporti pubblici. Potete scegliere tra differenti mezzi:

  • La Metropolitana: La rete metropolitana parigina conta 14 linee che coprono ben 214 chilometri di percorsi, è sicuramente il mezzo più veloce ed immediato e copre davvero tutta la città.
  • Il sistema ferroviario RER: Il treno attraversa la città con alcune fermate srategiche (per esempio io stavo al quartiere Latino alla fermata Austerlitz e ho trovato molto comodo il treno che collegava direttamente alla Torre Eiffel). Questo stesso treno collega anche il centro di Parigi con i vari aeroporti e con Disneyland Paris.
  • Gli autobus: Gli autobus urbani sono piuttosto comodi. Alle fermate ci sono i pannelli che indicano i minuti di attesa per il prossimo. In orari di punta possono essere piuttosto pieni ma passano con frequenza.
  • La funicolare di Montmartre - Se andate a Montmartre e non volete fare le scale potete prendere la funicolare di Montmartre. La tratta si paga con la tessera dei mezzi pubblici.
  • I tram sono stati reintrodotti negli anni '90, non si vedono molto al centro ma più nelle aree periferiche.
  • La bicicletta - Parigi ha anche una eccezionale rete di piste ciclabili e numerosi operatori di bike sharing operano nella città. Io l'ho usata tantissimo, ho fatto il pass di 30 giorni €10 che mi permetteva di pagare €1 per sblocco bici e 30 minuti (poi si torna a pagare a minuto). Perfetto per piccole tratte.

CONSIGLIO - LA MIGLIORE APP PER CALCOLARE I PERCORSI
Un'amica di Parigi mi ha consigliato di usare la App CityMapper per calcolare i percorsi con i trasporti pubblici. È aggiornata ed è più affidabile di GoogleMaps

Metropolitana Parigi

Accessibilità dei mezzi pubblici di Parigi

Da quando mio padre a seguito dell'incidente ha una mobilità ridotta, sono diventata particolarmente sensibile riguardo l'accessibilità. Dovunque vada mi chiedo: se qui con me ci fosse mio padre potrebbe usare i mezzi? Potrebbe dormire in questo posto?

Questo è accaduto anche a Parigi dove la maggior parte delle stazioni metropolitana non è accessibile a persone con difficoltà a deambulare.

Nella gran parte delle stazioni mancano scale mobili e ascensori, in compenso ci sono tantissime scale, rendendone impossibile l'utilizzo a chi su una sedia a rotelle o che non può camminare molto. Se rientrate in questo gruppo di persone la soluzione migliore è prendere i bus evitando quasi del tutto le metropolitane. Parigi sta cercando di rendere accessibili alcune stazioni ma la strada è ancora lunga.

Ho trovato questo link in cui sono indicate le stazioni metro accessibili per linea. Le riassumo qui in breve.

  • RER A: Auber, Bry-sur-Marne, Bures-sur-Yvette, Bussy-Saint-Georges, Champigny, Charles de Gaulle-Etoile, Châtelet-Les Halles, Chatou-Croissy, Fontenay-sous-Bois.
  • RER B: Antony, Arceuil Cachan, Bagneux, Bourg-la-Reine, Cité Universitaire, Denfert-Rochereau, Fontaine Michalon, Fontenay-aux-Roses.
  • Metro Linea 14: Châtelet, Bercy, Cour Saint-Emilion and Bibliotheque Francois Mitterand.
  • Metro Linee 1 e 2: Barbes-Rochechouart on Line 2, Esplanade de La Défense on Line 1.

Un modo pratico per capire se le stazioni sono accessibili è calcolare il percorso sul sito ufficiale selezionando "Itineraries accessible for persons with reduced mobility". Come da immagine sotto

Pianificare tragitto mezzi pubblici a Parigi

Dove dormire a Parigi

Soprattutto quando si hanno pochi giorni a disposizione la zona in cui alloggiare a Parigi diventa fondamentale. Parigi ha un sistema di trasporti pubblici molto efficiente, ma è pur sempre una città molto grande, quindi dormire in uno dei quartieri centrali, quelli lungo la Senna, vi permetterà di muovervi senza perder troppo tempo.

Ho scritto un post dettagliato su dove alloggiare a Parigi dove trovate referenze da considera quartiere per quartiere. In questo caso mi limito a consigliare un paio di strutture in ottime posizioni e molto centrali.

  • Les Marais - Il quartiere che preferisco. Da qui si può raggiungere a piedi la maggior parte dei posti di interesse della città. Mi piace tantissimo la vitalità e il grande numero di bar e ristoranti.
  • Quartiere Latino - Il quartiere centrale dove trovare alloggi meno costosi rispetto gli altri quartieri centrali. Essendo il quartiere della Sorbona è un quartiere studentesco.
  • Torre Eiffel - Chic ed elegante, più centrali di così non si può. È sicuramente uno dei quartieri più costosi in cui dormire.

CONSIGLIO
Parigi è una meta molto popolare dove dormire è piuttosto costoso. Consiglio di prenotate con largo anticipo per ottenere migliori prezzi e soprattutto maggiori opzioni. Se non siete sicuri, prenotate più alloggi (cancellabili) e mantenete poi quello che ritenete essere il migliore.

trocadero Parigi da Torre Eiffel

Quando andare a Parigi - Il periodo migliore

Parigi è sempre Parigi, con il caldo e il freddo con il bello e con il cattivo tempo. Tuttavia non tutte le stagioni sono uguali e ognuna ha i suoi pro ed i suoi contro.

Le stagioni ideali per pianificare un viaggio a Parigi sono la primavera e l'autunno. In questi mesi il clima è favorevole alle escursioni turistiche e ci sono meno visitatori rispetto ai mesi estivi, tipicamente più affollati. Di seguito trovate un'analisi stagionale su ciò che potete aspettarvi:

  • INVERNO: L'inverno a Parigi può essere particolarmente freddo con temperature medie massime che si muovono dai 5 ai 7°C e minime che si mantengono appena sopra lo zero. La prevalenza di pioggia è leggermente superiore rispetto alle altre stagioni, registrando mediamente 8 giorni di pioggia al mese in inverno. Il cielo è spesso nuvoloso.
  • PRIMAVERA: Con l'arrivo della primavera, le temperature diventano più piacevoli ed il cielo più limpido. Aprile è ancora un mese piuttosto fresco, in genere le temperature si aggirano attonro ai 16 gradi. A Maggio intorno ai 20.
  • ESTATE: L'estate porta con sé caldo e cieli limpidi. La temperatura massima media si attesta sui 24°C, ma durante le ondate di calore può spingersi fino a 38°C. Anche se non si verifica ogni anno, è un'eventualità da considerare e molte strutture potrebbero non avere aria condizionata. È il periodo con il maggior numero di visitatori.
  • AUTUNNO: Durante l'autunno, il clima inizia a rinfrescarsi e le probabilità di pioggia aumentano leggermente rispetto ai mesi estivi. Ottobre si rivela un altro periodo incantevole per esplorare Parigi, grazie al tempo fresco e ai primi cenni dei colori autunnali.

Il periodo migliore: I mesi migliori per visitare Parigi sono aprile e ottobre, quando il clima si mostra in tutto il suo splendore e il numero di turisti non ha ancora raggiunto il picco massimo.

Strade isola di Parigi

Cosa vedere a Parigi in 3 giorni - Itinerario consigliato

Questo itinerario di tre giorni a Parigi vi permette di visitare tutti i principali siti e attrazioni della città. Naturalmente è modificabile e potete aggiungere o rimuovere luohgi in base alle vostre esigenze.

Vi consiglio inoltre di verificare gli orari e i giorni di apertura di ogni attrazione. Ad esempio, il Louvre è chiuso il martedì come la maggior parte dei musei (ma il Museo d'Orsay è aperto), quindi a seconda di quando prevedi di andare a Parigi, potreste dover riorganizzare i giorni per riuscire a visitare tutto.

Centro di Parigi

Cosa vedere a Parigi - Giorno di arrivo

Oggi arrivate a Parigi e potreste non avere la giornata libera. Il mio consiglio è di esplorare il quartiere in cui soggiornate (nel post su dove alloggiare a Parigi ho menzionato i principalie) e cominciare ad assaporare un po' di vita parigina prendendo confidenza con le metropolitane, la disposizione dei quartieri e la grandezza della città.

Prendete un caffè in uno dei tanti bar della città e magari prenotate una crociera sulla Senna. Un modo carino e rilassante per godere della città da un punto di vista privilegiato.

Itinerario a Parigi (Giorno 1): Torre Eiffel - Champ de Mars -Piazza del Trocadero - Museo del Louvre - Champs Elysee - Arco di Trionfo

La prima giornata di visita coprirà alcuni dei luoghi più famosi di Parigi tra cui la Torre Eiffel ed il museo del Louvre. Consiglio di partire la mattina presto perchè la giornata sarà molto lungha.

Considerate di dedicare almeno 4 ore al museo del Louvre, e pianificate con attenzione la visita selezionando in anticipo le sale di vostro interesse.

itinerario di 3 giorni a Parigi - Giorno 1
Clicca sulla mappa per l'itinerario completo

Torre Eiffel

Cominciate la visita di Parigi dalla Torre Eiffel. Non c'è modo migliore di iniziare il viaggio a Parigi che con una visita alla Torre Eiffel. Questo è il simbolo più emblematico di Parigi e la sua visita è un obbligo.

Prenotate l'ingresso e scegliete a quale piano arrivare, primo, secondo o la punta. Sebbene il tramonto sia molto bello, anche vedere la città con la luce del giorno è meraviglioso.

APPROFONDISCI - Se vuoi sapere qualcosa in più sulla Torre Eiffel leggi questo post

Torre Eiffel a Parigi da campo di Marte
Come vedere la Torre Eiffel

Ci sono diversi modi per godersi la Torre Eiffel. Ootete ammirare la vista della torre dai Giardini del Trocadero al di là del fiume, o dai Giardini del Champ de Mars proprio dietro la Torre.

Potete anche salire all'interno della Torre Eiffel fino a uno dei vari piani, per avere una vista panoramica della città. L'esperienza di salire sulla torre è da fare anche se non credo che da qui si abbia la vista più bella di Parigi (visto che manca appunto la torre). Tuttavia, se questa è la vostra prima visita a Parigi, vi consiglio vivamente si salirci.

Salire sulla Torre Eiffel - Consigli

Orari di apertura: Dalle 9:30 alle 23:00
Costo di ingresso: €18.80 con ascensore e €11,80 con le scale
Per prenotare il biglietto: Prenotate i biglietti in anticipo sul sito: Toureiffel.paris/it . Le file per i biglietti qui possono essere molto lunghe, e con un biglietto prenotato in anticipo puoi evitare l'attesa.

Vista dalla Torre Eiffel

Champ de Mars

Prima di lasciare la Torre Eiffel fermatevi ai giardini del Champ de Mars, un ampio spazio verde tra la torre Eiffel e l’École Militaire che offre un'oasi verde ed inaspettata nel cuore della città, anche se a Parigi non mancano enormi e bellissimi spazi verdi.

Il nome Champ de Mars deriva dalle sue origini. Inizialmente era un campo di addestramento militare dedicato a Marte, il dio romano della guerra. Oggi, è un luogo di ritrovo popolare sia per i parigini che per i turisti che vi si recano per ammirare da vicino la Torre Eiffel, per fare picnic sull'erba, jogging o semplicemente rilassarsi sotto il cielo della città.

Durante l’anno, Champ de Mars diventa teatro di vari eventi, tra cui concerti, manifestazioni culturali e festeggiamenti nazionali come il celebre spettacolo pirotecnico del 14 luglio, la Festa Nazionale francese.

campo di marte e Torre Eiffel a Parigi

Piazza del Trocadero

Proseguendo la camminata da Champ de Mars a Piazza del Trocadero, vi imbatterete in una delle passeggiate più affascinanti di Parigi.

Lasciate alle spalle la torre, attraversate il Pont d’Iéna, un elegante ponte che regala viste panoramiche sulla Senna, e raggiungete Piazza del Trocadero passeggiando prima nei Jardins du Trocadero, un altro incantevole spazio verde con vista sulla torre Eiffel.

Il Trocadero, conosciuto ufficialmente come Place du Trocadero et du 11 Novembre, ospita il Palais de Chaillot che a sua volta custodisce alcuni importanti musei di Parigi, tra cui il Musée de l'Homme (Museo dell'uomo) e il Musée national de la Marine (Museo nazionale della Marina).

Ciò che rende il Trocadero una meta irrinunciabile per chi visita Parigi è, senza dubbio, la sua straordinaria terrazza panoramica. Da qui potrete godere di una delle viste più belle della Torrei Eiffel (di giorno e di notte).

trocadero Parigi da Torre Eiffel

Berges de Seine e Museo del Louvre

Lasciate Piazza del Trocadero per raggiungere il Museo del Louvre. Il percorso verso il Louvre può cominciare con una passeggiata lungo il fiume Senna. Questa camminata non solo offre splendidi panorami sul fiume stesso ma permette anche di apprezzare alcuni dei ponti più caratteristici di Parigi.

Attraversando il ponte di Iéna o Pont de l'Alma, tornate sulla riva sinistra della Senna, dove si trova la passerella pedonale Berges de Seine. Quest’area è stata trasformata per fornire uno spazio rilassante e ricreativo lungo il fiume, con luoghi per sedersi, giardini galleggianti e spazi dedicati a arte di strada e esibizioni temporanee.

Superando il Musée d’Orsay (che visiterete domani) si continua fino a raggiungere il suggestivo Pont des Arts. Attraversatelo ed accedete al meraviglioso palazzo che ospita il museo più famoso (e secondo me più bello con i Musei Vaticani di Roma) del mondo: il Museo del Louvre.

Prima di immergersi nell'arte e nella storia che il Museo del Louvre ha da offrire, poco prima dell'ora di pranzo, potrebbe essere il momento ideale per una sosta gastronomica. Nelle vicinanze del Louvre si trovano varie caffetterie e ristoranti che offrono la possibilità di gustare un pasto veloce o un picnic da consumare nei Jardin des Tuileries adiacenti.

APPROFONDISCI - Se vuoi sapere qualcosa in più sul Museo del Lovre leggi questo post

Piramide Museo Louvre
Visitare il Museo del Louvre

Entrando nel Museo del Louvre, ci si immerge in un viaggio attraverso secoli di arte e civiltà. Dato che visitare l’intero museo potrebbe richiedere giorni, si consiglia di selezionare in anticipo le sezioni o le opere che si desidera ammirare maggiormente.

Il tempo stimato per la visita varia tra le 3 e le 5 ore, sufficiente per cogliere l'essenza del Louvre, dalla Gioconda di Leonardo da Vinci alla maestosa statua della Venere di Milo e le stele del Codice di Hammurabi. Il museo è gigantesco, prima di entrare prendete una mappa dove trovate tutte le sezioni e pianificate in anticipo le sale che volete visitare. A questo link potete scaricare la mappa del Louvre.

Monnalisa Louvre

Place de la Concorde

Dopo aver trascorso un pomeriggio esplorando le meraviglie del Museo del Louvre, l'itinerario prosegue verso uno degli spazi urbani più significativi di Parigi: Place de la Concorde. Questa storica piazza sorge all'estremità orientale degli Champs-Élysées, fungendo da connessione tra l'estetica dei giardini formali del Jardin des Tuileries e l'inizio del magnifico boulevard.

Attraversando il Jardin des Tuileries, una vera oasi di verde e di arte con i suoi viali alberati, le statue e le due fontane, si avanza verso occidente fino a raggiungere la grande Place de la Concorde, la seconda piazza più grande di Francia e una delle più grandi d'Europa, rinomata tanto per la sua imponente scala quanto per la sua turbolenta storia.

La piazza è stata commissionata da Luigi XV e progettata da Ange-Jacques Gabriel ed è stata completata nel 1772. Originariamente erachiamata "Place Louis XV" perchè ospitava una statua del re a cavallo. Nel corso della Rivoluzione Francese, il sito fu ridenominato "Place de la Révolution", e la statua del sovrano fu sostituita con la ghigliottina. Tra il 1793 e il 1795, fu teatro dell'esecuzione di migliaia di persone, tra cui Luigi XVI, Maria Antonietta e Robespierre. È stata infine rinominata Piazza della Concordia alla fine del Regno del Terrore.

Al centro della piazza svetta l'Obelisco di Luxor, un antico monumento egizio che risale a oltre 3.000 anni fa e che fu regalato alla Francia nel 1829.

Sul lato nord si possono ammirare i due magnifici palazzi in stile classico che una volta ospitavano l'Hôtel de la Marine e l'Hôtel de Crillon, quest'ultimo ora trasformato in un hotel di lusso. Inoltre, la piazza è ornata da statue che rappresentano le città di Francia e da due fontane monumentali, la Fontaine des Mers e la Fontaine des Fleuves, che simboleggiano la marina e i corsi fluviali della Francia.

obelisco parigi

Champs-Élysées

Superando Place de la Concorde, l'itinerario prosegue lungo una delle strade più famose e vivaci del mondo, gli Champs-Élysées. Questo iconico boulevard di Parigi si estende per circa due chilometri da Place de la Concorde fino a Place Charles de Gaulle, dove si trova l'Arco di Trionfo.

Noti anche come "la più bella via del mondo", gli Champs-Élysées sono un simbolo di eleganza e prestigio. Questo ampio viale, fiancheggiato da platani, inizia come un elegante striscia di verde con il Grand Palais e il Petit Palais sulla sua destra, due edifici neoclassici che ospitano musei e spazi espositivi. Man mano che si procede verso ovest, il boulevard diventa più commerciale, con negozi di alta moda, cinema, teatri e caffè.

Arco di Trionfo

Concludere la giornata a Parigi raggiungendo l'Arco di Trionfo è un'idea magnifica. Situato all'estremità occidentale degli Champs-Élysées, in Place Charles de Gaulle, l'Arco sorge al centro di una stella formata dall'incrocio di dodici grandiose avenue.

L'arco di Trionfo è riconosciuto come simbolo dell'identità nazionale francese. Napoleone I ordinò la costruzione dell'arco nel 1806, dopo la sua vittoria nella Battaglia di Austerlitz, per celebrare i successi militari delle armate francesi. Sono serviti 30 anni per completarlo.

Salire sull'Arco di Trionfo

Consiglio di salire sull'Arco di Trionfo perchè dalla terrazza si ha una delle più belle viste di Parigi (soprattutto la notte). Dalla terrazza dell'arco di Trionfo vedrete:

  • Gli Champs-Élysées, con il suo mix vibrante di cultura, commercio e splendida architettura, che si allungano verso l'est.
  • Place de la Concorde, i Giardini delle Tuileries, e lo sfondo del Musée du Louvre.
  • Verso nord, la silhouette del Sacré-Cœur di Montmartre che spicca orgogliosa sullo skyline.
  • A sud, la Torre Eiffel, che al tramonto suscita ancora più emozioni, dando inizio al meraviglioso spettacolo di luci serali.
  • Verso ovest, la prospettiva porta lo sguardo fino al quartiere della Défense, con la Grande Arche che incornicia l'orizzonte.
Come accedere alla terrazza dell'Arco di Trionfo

L'accesso all'Arco di Trionfo si effettua dal lato inferiore dell'avenue de la Grande-Armée, attraverso un passaggio sotterraneo che conduce al monumento. Bisogna essere preparati a salire 284 gradini, poiché l'edificio non dispone di un ascensore fino alla sommità (un ascensore è presente solo per coloro che hanno esigenze specifiche fino a metà del percorso). Il biglietto costa €16 (puoi prenotarlo online qui. Non devi selezionare l'orario)

CONSIGLIO
Fate in modo di essere sulla terrazza poco prima del tramonto per poter vedere Parigi con la luce e al buio quando tutte le luci della città si accendono.

Arco di trionfo Parigi (notte)

Itinerario a Parigi (giorno 2) - Île de la Cité - Notre Dam - Sainte Chapelle - Lungosenna - Musee d'Orsay (o l'Orangerie) - Montmarte ed il Sacro Cuore - Spettacolo al Moulin Rouge

La seconda giornata a Parigi comincia dalle isole di Parigi, in particolare da Île de la Cité dove si trovano la Cattedrale di Notre Dam, la Conciergerie e la Sainte Chapel.

Passeggiate lungo la Senna per raggiungere il Museo d'Orsay dove ammirare alcune delle opere impressioniste più famose del mondo o l'Orangerie, dipende dai vostri gusti personali. A fine visita prendere i mezzi pubblici, e raggiungete la stazione metro di Abbesses (qui consiglio di prendere l'ascensore per uscire dalla metro perchè altrimenti c'è un'infinità di scale da fare!), e camminate per poco più di 10 minuti per arrivare ai piedi del Sacro Cuore.

Visitate il quartiere più romantico di Parigi, Montmarte e finite la giornata a Pigalle con uno spettacolo al Moulin Rouge.

CONSIGLIO - Spettacolo del Moulin Rouge
Se stasera volete prenotate lo spettacolo al Moulin Rouge prenotate lo spettacolo con largo anticipo perchè i biglietti si esauriscono molto velocemente. Prenota il biglietto per lo spettacolo al Moulin Rouge.

Itinerario a Parigi giorno 2
Clicca sulla mappa per l'itinerario completo

Île de la Cité: Notre Dame, Sainte Chapelle e la Conciergerie

Cominciate la giornata ad Île de la Cité, una delle isole fluviali di Parigi (l'altra è Île de Saint Louis) , famosa perchè nonostante le piccole dimensioni ospita tre straordinari tesori medievali:- la Cattedrale di Notre Dame, la Sainte-Chapelle e la Conciergerie. Tuttavia questa isola è più di uno scrigno di meraviglie. Questa isola è la culla di Parigi.

Le sue origini risalgono a quasi 2.300 anni fa, quando la tribù celtica dei Parisii fondò qui una piccola comunità. Nel corso dei secoli, queste terre sono state testimoni dei conquistatori romani, del regno dei primi monarchi francesi, delle imprese artistiche di maestri costruttori medievali e rinascimentali, e del tumulto della Rivoluzione Francese.

Oltre ai tre gioielli medievali più noti, quest'isola è anche sede di un popolare mercato dei fiori, dal lunedì al sabato dalle 7:00 alle 18, e la domenica il mercato è quello degli uccelli, che anima la zona dall'inizio del XIX secolo, un memoriale della Seconda Guerra Mondiale, un sito archeologico che svela i vari strati della storia parigina ed una deliziosa piazzetta circondata da eleganti edifici.

Île de la Cité Parifi

Notre Dame

Anche se al momento non è accessibile, visto che è sotto ristrutturazione a causa dell'incendio del 2019, una visita all'Ile de la cite non può mancare di una fermata alla cattedrale di Notre Dame, eccellente esempio di architettura gotica, anzi di questa la ha anticipata visto che sono stati necessari 3 secoli per terminarla. Una sorta di Sagrada Familia di Barcellona la cui costruzione sembra non giungere mai ad un termine.

Il suo design esibisce una combinazione di stili gotico francese, rinascimentale e naturalista. Oltre alla sua sublime architettura, la sua importanza nella storia la rende una cattedrale molto speciale. Qui è stata beatificata Giovanna d'Arco da parte di Papa Pio X nel 1909.

Al momento della mia visita sembrava che mancasse molto per poterla riaprire al pubblico ma a quanto dice l'ufficio del turismo la cattedrale riaprirà al pubblico l'8 Dicembre 2024, esattamente 5 anni dopo l'incendio.

Notre dame Parigi

La Conciergerie

Uno dei tesori meglio preservati di Parigi è sicuramente la Conciergerie, un palazzo gotico Patrimonio dell'umanità. Il Palazzo è grandioso e gigantesco, ma quello che lo rende ancora più affascinante è la sua storia.

Il palazzo è stato costruito nel VI secolo per volere di Clodoveo, il primo monarca della Francia, per essere il "Palazzo della Città". Ma la sua fama si deve al fatto che sia diventato il tribunale e carcere della Rivoluzione Francese. Qui Maria Antonietta trascorse i suoi ultimi momenti prima di morire sotto le lame della ghigliottina.

CONSIGLIO
L'ingresso è a pagamento (€13) e potete acquistarlo qui.
Se pensate di visitare anche il Museo d'Orsay, come propongo in questo post, potrete trovare utile l'acquisto del biglietto cumulativo (€30). Acquista il biglietto combo qui.

Sainte Chapelle

La Sainte Chapelle è un altro capolavoro dell'architettura gotica e una testimonianza dell'artigianato medievale. Costruita a metà del XIII secolo su commissione del re Luigi IX, è stata progettata per ospitare una collezione di preziose reliquie, tra cui la Corona di Spine, si crede indossata da Gesù Cristo durante la sua crocifissione.

Quello che però rende unica e maestosa la Sainte Chapelle sono sicuramente le sue vetrate che costituiscono circa l'80% delle sue pareti. Queste 15 imponenti finestre alte 15 metri mostrano scene dettagliate della storia religiosa, trasformando la cappella in uno spettacolo vibrante di luce e colore. Le cappelle superiori e inferiori, distinte per la loro funzione e design, sono state meticolosamente restaurate nel XIX secolo, preservando la loro bellezza mozzafiato per le generazioni future

CONSIGLIO
L'ingresso è a pagamento (€13) e potete acquistarlo qui.
Se pensate di visitare anche la Conciergerie, potrete trovare utile l'acquisto del biglietto cumulativo (€20). Acquista il biglietto combo qui.

Sainte-Chapelle-Parigi

Lungosenna

È arrivato il momento di cominciare a camminare verso il Museo d'Orsay e lo farete passegiando lungo la Senna. Dall'Île de la Cité, cuore antico della capitale, passeggiate lungo il quai de la Mégisserie, dove troverete gli iconici bouquinistes che dispongono le loro bancarelle di libri usati.

Continuate lungo il Quai du Louvre e il Quai François Mitterrand. Attraversando il Pont des Arts, che offre una vista spettacolare della città, si giunge a Quai Anatole France. Lungo questa riva è possibile ammirare la maestosa Institute de France, la storica Monnaie de Paris e, non lontano, il Musée d'Orsay, custode di una straordinaria raccolta d'arte impressionista, e il meno conosciuto ma affascinante Museo della Legion d'onore.

bancarelle lungo la senna di Parigi

Musee D'Orsay

Siamo arrivati al Museo d'Orsay, che oltre ad esporre alcune delle opere più importanti degli artisti impressionisti, coprendo il periodo che va dal 1848 al 1914, si trova in una struttura che da sola merita di essere visitata.

Il museo si trova in una ex stazione ferroviaria ed espone alcune delle opere più rappresentative e celebri del movimento impressionista e post-impressionista. Tra le opere più famose troverete "La colazione sull'erba" di Édouard Manet, "Bal du moulin de la Galette" di Pierre-Auguste Renoir e la "Notte stellata sul Rodano" e "Il letto dell'ospedale a Arles" di Vincent van Gogh.

Il Museo è piuttosto grande, serviranno un paio di ore per visitarlo. Consiglio di pagare per l'audioguida.

I BIGLIETTI PER IL MUSEO D'ORSAY
Orari: Il museo è aperto dal Martedì alla domenica dalle 9:30 alle 18. Il museo è chiuso il Lunedì
Biglietti: Il biglietto costa €14 se preso all'ingresso o €16 se preso online (ma permette di saltare la fila). Se viaggiate in alta stagione consiglio di pagare un po' di più per entrare prima. Compra il biglietto online

Montmarte ed la Basilica del Sacro Cuore

Dopo aver visitato il museo dirigetevi alla metropolitana M12 (fermata Solferino) e raggiungete Montmarte (fermata Abbesses). Da qui camminando per 12 minuti, potete fare le scalinate o prendere la funicolare (qui in mappa) arriverete alla terrazza panoramica proprio ai piedi del Sacro Cuore.

Visitate la Bailica del Sacro Cuore, l'ingresso è gratuito ma se volete salire sulla cupola si paga il biglietto. Dopo la visita adentratevi nel cuore di Montmartre che ha il fascino di un piccolo villaggio francese. Non sembra di essere nella gigantesca Parigi. Dalla cima della collina cominciate la discesa verso Pigalle. Nel farlo ecco alcuni luoghi che non dovete perdere a Montmartre:

  • Place du Tertre: Questa piazza si trova a pochi passi dalla Basilica del Sacro Cuore ed è considerato il cuore pulsante artistico del quartiere. Questa piccola piazza è circondata da ristoranti e bistrot, ma è più famosa per i suoi pittori e i ritrattisti che, ogni giorno, mettono in mostra le loro tele. Una volta frequentata da artisti del calibro di Picasso e Utrillo, oggi questa piazza conserva un'atmosfera bohémienne.
  • Maison Rose: La Maison Rose, con la sua inconfondibile facciata dipinta di rosa, è un piccolo ristorante situato all'angolo di Rue de l'Abreuvoir e Rue des Saules. Questo luogo incantevole è una vera e propria istituzione a Montmartre e ha servito da sfondo per numerose opere d'arte. Famoso per essere stato il punto di ritrovo di artisti e poeti, oggi continua ad attrarre visitatori da tutto il mondo, offrendo loro un menu che miscela tradizione e innovazione in un'atmosfera accogliente e ricca di storia. Il locale è sempre affollato, conviene prenotare.
  • Au Lapin Agile: A pochi passi da la Maison rose si trova Le Lapin Agile, uno storico locale cabaret del quartiere. Questa taverna, le cui pareti esterne sono arancioni, è stata un tempo il cuore della vivace scena artistica di Montmartre. Nelle sue sale si sono esibiti musicisti, poeti e artisti, ed è stato luogo di ritrovo per artisti come Picasso e Modigliani. Ancora oggi, Le Lapin Agile offre spettacoli in un ambiente che mantiene il fascino e l'atmosfera della Belle Époque.
  • Café des Deux Moulins: Questo caffè è divenuto famoso grazie al film "Il favoloso mondo di Amélie", in cui era il luogo di lavoro della protagonista. Il Café des Deux Moulins prende il nome dai due mulini di Montmartre, il Moulin Rouge e il Moulin de la Galette. Il café mantiene la sua autenticità e offre un piacevole spazio dove gustare pasti tradizionali francesi e osservare la vita quotidiana di questo quartiere artistico.

A questo link trovi la mappa con tutti i posti di interessa da visitare a Montmartre.

vie di Montmartre Parigi

Pigalle ed il Moulin Rouge

Avete lasciato il tranquillo quartiere di Montmartre e vi siete catapultati nel vivace Boulevard de Clichy di Pigalle, un tempo quartiere a Luci Rosse di Parigi, dove comunque ancora oggi non mancano vari sexy shop e locali per adulti.

A Pigalle si trova il famoso Moulin Rouge, locale storico fondato nel 1889 inizialmente per essere un santuario per musica e danza e poi trasformatosi nel locale in cui gli uomini parigini si lasciavano ammaliare dalle ballerine di CanCan. Una cosa che forse non sapete è che tra le figure che gestivano il locale c'era Henri de Toulouse-Lautrec, che immortalò nelle sue meravigliose opere numerose scene e esibizioni del Moulin Rouge.

Il Moulin Rouge è tutt'oggi un locale in cui si tengono spettacoli 2 volte al giorno. È sicuramente un'esperienza turistica (e anche piuttosto costosa) ma che vale la pena fare per fare un salto nel tempo.

I biglietti per il Moulin Rouge

Ogni sera al Moulin Rouge si svolgono due spettacoli. Il primo comincia alle 21:00 ed il secondo alle 23:00. I biglietti dello spettacolo delle 23 costa meno di quello delle 21. In vendita ci sono diversi biglietti:

  • Spettacolo + cena delle 19:00 (lo spettacolo comincia alle 21) - A partire da €235 per persona
  • Solo spettacolo delle 21:00 - A partire da €155 per persona
  • Solo spettacolo delle 23:00 - A partire da €115 per persona

Consiglio di prenotare il biglietto con largo anticipo perchè si esauriscono molto velocemente. Prenota lo spettacolo al Moulin Rouge.

Itinerario a Parigi (Giorno 3): Castello di Versailles (+ altri posti a scelta a Parigi nel pomeriggio) o Disneyland Paris (tutto il giorno)

Ed eccoci al terzo giorno a Parigi. Il grosso della città lo avete visitato. In genere in questa giornata, per completare il quadro anche con qualcosa di diverso consiglio di dedicare la giornata alla reggia di Versailles o Disneyland Paris. La scelta è vostra. A me piacciono tantissimo entrambi quindi è difficile scegliere.

Una una prima scrematura conviene farla sulla base di quanto volete spendere. Se infatti visitare la Versaille è piuttosto economico, serve solo il biglietto del treno che costra €7, e l'ingresso alla reggia che costa €21, le cose cambiano per Disneyland dove il solo ingresso parte da circa €85.

Un'altra cosa che potrebbe aiutarvi a scegliere tra i due posti è se volete, o meno, usare il pomeriggio a Parigi per vedere altri posti che non siete riusciti a visitare nei primi due giorni, come per esempio il Centro Pompidou e Les Marais. Se infatti la visita a Versailles si può concludere in circa 3/4 ore, quindi se partite la mattina presto riuscite a rientrare a Parigi nel primo pomeriggio. Se si opta per Disneyland Paris richiederà tutto il giorno non lasciando tempo per fare altro (e sarete comunque stanchissimi).

Il Castello di Versailles

Situato alla periferia di Parigi, il castello di Versailles è un simbolo dell'eleganza reale, noto per la sua storia ricca di avvenimenti significativi ma anche per la sua grandiosità e splendidi giardini.

Nel 1682, il Re Luigi XIV trasferì la Corte Reale dal Louvre al Palazzo di Versailles, che divenne per oltre un secolo il fulcro del potere governativo in Francia, fino al declino del 1789 segnato dalla Rivoluzione Francese. Fu proprio nella sua celebre Galleria degli Specchi che si firmò il Trattato di Versailles, ponendo fine alla Prima Guerra Mondiale.

Una visita a Versailles offre la possibilità di esplorare il palazzo e di perdersi nei suoi magnifici giardini (sono talmente grandi che per chi non ce la fa più a camminare è offerto anche un servizio trenino (a pagamento).

La durata della visita dipende da voi. Chi ha poco tempo può visitare velocemente il palazzo ed una parte dei giardini in 3-4 ore. Se si vuole visitare l'intero complesso potrebbe servire mezza giornata. Potete quindi scegliere di dedicare l'intera giornata a Versailles o riservare solo la mattinata per poi esplorare altri tesori parigini nel pomeriggio.

Sala degli specchi Versailles
Come visitare il Castello di Versailles

Il palazzo è aperto dal Martedì alla Domenica (chiuso il Lunedì).
Orari: Il palazzo apre dalle 9:00 alle 17:30. I giardini e il parco sono accessibili tutti i giorni e l'ingresso è gratuito.
Biglietto: Il costo per una visita al palazzo è di €21 o €24 (se si vogliono visitare le tenute del Triaton che sono molto belle e che consiglio. Prenotate l'ingresso al castello di Versailles

Per arrivare a Versailles da Parigi, dovete prendere il RER C. Il viaggio dura circa 45 minuti. Essendo Versailles fuori dalla città bisogna comprare un biglietto a parte perchè le tessere di trasporto di Parigi non sono valide.

Se avete scelto Versailles... alcuni posti da visitare nel pomeriggio

Rientrati da Versailles nel pomeriggio, Parigi offre ancora molteplici possibilità per arricchire la vostra giornata. Qui alcuni consigli e suggerimenti tra cui scegliere.

Centro Pompidou

Tra i luoghi che menziono per questo ultimo pomeriggio consiglio di considerare come prima opzione il Centre Pompidou, la cui gigantesca struttura circondata dai tetti di Parigi è di per sè un'attrazione.

Questo edificio ospita anche una delle musei di arte moderna tra i più ricchi del mondo. Se siete però stanchi di visitare musei e non vi interessa accedere alla mostra vi consiglio comunque di pagare il biglietto di €5 per salire, tramite le scale mobili avvolte in tubi di vetro, alla terrazza panoramica dove la visita di Parigi è semplicemente spettacolare.

Siete anche nel quartiere secondo me più bello e vivace di Parigi, Les Marais, qui troverete tantissimi ristoranti. Se non avete mai provato la cucina tunisina vi consiglio di provarla al piccolo ma davvero ottimo: Lella Baya.

Parigi dal Centro Pompidou
Torre Montparnasse

Se volete salutare Parigi con una delle viste dall'alto tra le più belle dirigetevi alla Torre Montparnasse, che offre due affascinanti punti di vista: il 56° piano, completamente circondato da finestre, e la terrazza sul tetto, avvolta da pannelli di vetro.

Questo enorme e quasi fuori luogo palazzo nel cuore di Parigi, anche piuttosto brutto, garantisce una vista aerea della città praticamente imbattibile. L'ingresso è a pagamento (€18) ed è da prenotare in anticipo. Prenota l'ingresso alla torre di osservazione.

Le Catacombe di Parigi

Per chi cerca qualcosa di diverso, le Catacombe di Parigi offrono un'esperienza unica e poco ordinaria. Potete infatti partecipare ad un tour nel dedalo di tunnel sotterranei dove sono esposte le ossa di sei milioni di parigini.

Date le lunghe code, spesso fino a tre ore, è consigliato prenotare il biglietto in anticipo (€29) o optare per un tour con accesso prioritario.
Le catacombe sono aperte dal martedì alla domenica, dalle 9:45 alle 20:30 (ultimo ingresso alle 19:30). Consiglio di visitarle nelle ultime due ore di apertura, per evitare la folla.

Disneyland Paris

Se avete scelto di passare la giornata a Dineyland Paris preparatevi ad una lunga giornata tra giochi molto divertenti, e a volte file molto lunghe, per concludere con lo show di fuochi d'artificio e giochi di luce a chiusura.

Disneyland Paris è composto da due parchi: Walt Disney Studios e Disney Park. Potete compare il biglietto per entrambi i parchi o solo per 1. Il mio consiglio è di visitarli entrambi anche perchè alcuni giorni prevalentemente pensati per gli adulti si trovano nel parco degli Studios che però è più piccolo del Disney Park e manca della magia del mondo Disney che, soprattutto se non ci siete mai stati, vorrete vedere.

Nella guida per organizzare la giornata a Disneyland Paris trovate tutte le informazioni necessarie per organizzare la giornata al meglio, come quali biglietti comprare, come scegliere le attrazioni e anche alcuni consigli per evitare, quando possibile, le lunghe file.

montagna russa disneyland paris

I 3 giorni a Parigi sono volati e non avete visto tutto quello che questa splendida città offre ai suoi visitatori. Motivo in più per tornarci!

Aggiornato il: 3 Aprile 2024
Scritto da: Giulia Raciti

Disclaimer: In questo post, alcuni dei link forniti sono link di affiliazione, il che significa che posso guadagnare una commissione se si effettua un acquisto attraverso questi collegamenti. Tuttavia, ciò non comporta nessun costo aggiuntivo per te. Le commissioni che ricevo attraverso questi link di affiliazione aiutano a finanziare e supportare il mio blog, mantenendo così la sua indipendenza e la mancanza di sponsorizzazioni. Mi sforzo sempre di fornirti le migliori informazioni e consigli possibili, basati sulla mia esperienza e ricerca personale. Mi preme sottolineare che il tuo sostegno è fondamentale per mantenere vivo questo blog e continuare a fornirti contenuti di qualità. Grazie per il tuo supporto!

Scritto da Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio dal 2011. Attualmente a bordo di un van. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Scrivo delle destinazioni che visito. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America sul sito dedicato Kipepeo Experience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Alcune immagini pubblicate sono state tratte da Internet, nel caso in cui, il loro utilizzo, violasse diritti d’autore, mandateci una mail a [email protected] e verranno immediatamente rimosse.

Copyright © 2010 – 2024 All Rights Reserved
Viaggiare Low Cost - Di proprietà di Giulia Raciti - P. IVA 03630400830
cross chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram