You are currently viewing Come visitare i musei Vaticani, la Cappella Sistina e la Basilica di San Pietro – Guida completa al Vaticano (Roma)
  • Categoria dell'articolo:Europa / Italia
  • Tempo di lettura:19 mins read
  • Ultima modifica dell'articolo:27/07/2021

Il Vaticano, quindi i Musei Vaticani, la cappella Sistina e la basilica di San Pietro, rientra sicuramente in qualunque itinerario per chi visita Roma per la prima volta e a cui si dedica solitamente un giorno intero.

Il piccolo stato del Vaticano, enclave nel cuore di Roma, è la città religiosa più carica di storia del mondo a cui solo Gerusalemme , forse, può avvicinarsi in termini di portata storico/religiosa, che combina la storia della chiesa a quella dell’impero romano.

L’apoteosi della visita del Vaticano sicuramente si raggiunge all’interno dei Musei Vaticani, che rientrano nella rosa dei musei più belli e popolari del mondo, e che valgono da soli il viaggio a Roma.
I Musei Vaticani con la Basilica di San Pietro sono le due attrazioni principali di Roma e rappresentano l’abbinamento perfetto tanto che in genere un giorno si dedica solo a questo angolo di Roma piuttosto circorscritto ma incredibilmente emozionate.
Le due icone del Vaticano però pur trovandosi nello stesso luogo sono da considerarsi delle attrazioni distinte con propria struttura e propri biglietti di ingresso.

In questo post scoprirete come visitare i Musei Vaticani, cosa vedere all’interno, la Cappella Sistina ma anche le opere e le sale da non perdere, come comprare i biglietti e tanti consigli per pianificare al meglio la visita dei musei più belli di Roma, e del mondo, e come abbinarci anche la visita della Basilica di San Pietro e la cupola.

Se è la vostra prima volta a Roma leggere anche: Cosa vedere a Roma (itinerario completo di 3 giorni) ed i 10 migliori tour (gratuiti e non) da fare a Roma

Disposizioni Covid ai Musei Vaticani – Update 2021

Al momento di scrittura del post, Luglio 2021, ci sono alcune novità ai Musei Vaticani.

  • È sospesa l’apertura e l’ingresso gratuito l’ultima domenica del mese
  • È obbligatorio comprare i biglietti di ingresso in anticipo
  • Il numero di persone ammesse all’interno dei Musei è contingentato su fasce d’ingresso di 30 minuti, per questo motivo a momento di prenotazione dovete scegliere un orario d’ingresso e presentarvi a quell’ora e non oltre i 30 minuti dell’orario prenotato (quindi se prenotate per le 16 potete presentarvi all’ingresso massimo alle 16,30 o vi potrebbe esser negato l’ingresso)

I Musei Vaticani – Uno dei musei più visitati al mondo

Nel 2019 Musei Vaticani hanno registrato quasi 7 milioni di visitatori diventando, dopo il Louvre di Parigi ed il National Museum di Pechino, il terzo museo più visitato del mondo in cui si fa un viaggio vero e proprio dall’ascesa alla caduta dell’Impero Romano, lungo la storia della Chiesa Cattolica fino alla nascita del Rinascimento e l’arte contemporanea.

I musei si trovano nelle ex ali del Palazzo Vaticano, la loro nascita nel 1506 si deve a Papa Giulio II, il Papa guerriero, che ha lasciato un’eredità sbalorditiva e a cui si deve anche la costruzione della Basilica di San Pietro, la realizzazione della Cappella Sistina a cura di Michelangelo e le Stanze di Raffaello.

Il percorso di visita è praticamente uno solo, con qualche deviazione, quindi non sarà difficile orientarsi al suo interno, e culmina molto probabilmente alla Cappella Sisitina, verso fine percorso, e che è la sala più visitata del museo intero.

statua nella stanza delle carte geografiche musei vaticani

Musei Vaticani orari e migliore momento della giornata in cui andare

I musei sono aperti dal lunedì al sabato con diversi orari di apertura:

  • Dal lunedì al giovedì dalle ore 8:30 alle 18:30 (ultimo accesso alle 16:00).
  • Il venerdì ed il sabato dalle 8:30 alle 22:30
  • L’ultima domenica del mese è aperto dalle 8,30 alle 14:00 (ultimo accesso alle 12:30) e l’ingresso è gratuito. Il resto delle domeniche è chiuso. *** Per il 2021 l’apertura dell’ultima domenica del mese è sospesa.
  • I museu sono chiusi il 1 e 6 gennaio, 11 febbraio, 19 marzo, 12 e 13 aprile, 1 e 21 maggio, 29 giugno, 16 agosto, 8, 25 e 26 Dicembre

Consiglio di evitare la domenica gratuita se avete poco tempo a Roma perchè rischiate di entrare tardi, a meno che non arriviate prestissimo la mattina, se apre alle 8,30 cercate di essere lì anche verso le 7 per essere tra i primi in fila, e di scegliere l’ingresso la mattina presto oppure il pomeriggio.

Il Venerdì ed il Sabato che i musei chiudono alle 22.30 potete entrare per le 18 ed avrete tutto il tempo per poterli girare per intero, ricordate che alcune sale chiudono alle 21.30, chiedete alla biglietteria maggiori informazioni a riguardo.

statue musei vaticani

I biglietti per i Musei Vaticani – Quanto costano e dove comprarli

L’acquisto del biglietto online è al momento obbligatorio. Anche se non lo fosse considerando che la fila per entrare al Musei Vaticani può essere insopportabilmente lunga vi consiglierei di acquistarlo online comunque.

Le opzioni di ingresso ai Musei Vaticani sono numerose, da quelle standard, ingresso con fila regolare, i salta la coda, l’ingresso prima dell’apertura ufficiale con colazione o pomeridiana con happy hour.

Il mio consiglio è di evitare il biglietto standard perchè per risparmiare qualcosa rischiate poi di aspettare ore prima di poter entrare. Se quindi dovete scegliere per quale museo spendere qualcosa in più per comprare un biglietto salta la coda il museo giusto è questo.

Ma vediamo insieme i biglietti per i musei vaticani, quanto costano e dove comprarli (per una panoramica completa dei biglietti e dei costi vi consiglio di acquistare su Tiqets sito che utilizzo frequentemente e che ha tantissimi biglietti di ingresso tra cui scegliere).

Le file eterne per entrare ai Musei Vaticani e come evitarle

Il Vaticano sarà sicuramente tappa del viaggio a Roma per chiunque la visiti la prima volta. Aspettatevi lunghe file, folla e code, in particolare quella per i Musei Vaticani è a dir poco allucinante.

Per questo motivo se dovessi dare un solo consiglio davvero utile a chiunque voglia visitare i Musei Vaticani è di dotarvi di un biglietto salta la coda, decidere l’orario di ingresso e semplicemente arrivare 15 minuti prima. Pagando poco di più vi risparmiate una fila di cui vi pentireste, ve lo garantisco.

A questo link trovate tantissime tipologie di biglietti ed alternative (con e senza guida, apertura del mattino prima dell’apertura ufficiale, biglietto combinato con la visita di San Pietro e molti altri).

Se volete aggiungere all’ingresso prioritario ai Musei Vaticani e l’audioguida anche la visita guidata di San Pietro vi consiglio il Vatican Pass (che include anche una guida interattiva da scaricare su smartphone di Roma)

Se potete, vale la pena arrivare ai Musei Vaticani molto presto la mattina o visitarli nel tardo pomeriggio (considerate che il tempo minimo per vederli è due ore ma consiglio di calcolarne anche 3 o 3 e mezza se fate il percorso completo).


Biglietti ingresso Standard

Il biglietto di ingresso standard ai Musei vaticani costa €17 per adulti e €8 scontato per bambini e ragazzi tra i 6 ed i 18 anni e gli studenti tra i 19 ed i 26 anni.
La Domenica i musei sono chiusi mentre l’ultima domenica del mese l’ingresso è gratuito (ma con una fila mostruosa). Il costo d’ingresso non include l’audio-guida che si può comprare a costo extra €7.

Biglietto salta la coda *** Altamente consigliato

Questa è la soluzione che consiglio e che personalmente prediligo. Il biglietto costa €21 per persona e permette di scegliere giorno, orario di ingresso e non c’è rischio di aspettare ore interminabili.

A meno che non si visitino i musei con tour guidato, vi consiglio di aggiungere l’audio-guida.
L’ultima volta che ho visitato i Musei Vaticani, Luglio 2021, ho comprato i biglietti su Tiqets pagando €29 ingresso prioritario ed audio-guida (da aggiungere a momento di acquisto biglietto), qui trovi maggiori dettagli sui costi e le opzioni extra.

Sono anche disponibili i biglietti ingresso VIP alle 7.30 del mattino, quindi prima dell’apertura delle porte al pubblico che vi regalerebbe una ora da soli all’interno del museo, cosa di incredibile valore e che vale il costo (è inclusa anche la colazione).

I migliori biglietti e tour ai Musei Vaticani

I musei Vaticani sono giganteschi e possono essere difficili da visitare in maniera autonoma.

Per questo motivo se vi sconsiglio di gironzolare senza avere una meta, dall’altro non voglio demonizzare la visita autogestita purchè abbiate una audio-guida, davvero importantissima per apprezzare le meraviglie del museo, che si può comprare per un piccolo extra in aggiunta al costo del biglietto.

Considerate almeno 3 ore per seguire il percorso principale, di più se volete vanche vedere i giardini vaticani. Ricordo che la domenica i musei sono chiusi.

Se non sapete che biglietti scegliere questi sono quelli che vi consiglio:

sarcofago al museo egizio dei musei vaticani

Cosa vedere ai musei Vaticani – Le sale e gallerie da non perdere

Il Vaticano è un luogo vasto, intimidatorio e bellissimo. Potete rimanere una giornata intera e sentire di non averli visti come avreste voluto. Arte, cultura e storia qui si fondono in un percorso museale eccezionale.

Ma cosa si dovrebbe vedere all’interno dei Musei Vaticani? I musei sono composti da oltre 54 gallerie distribuite su 7 chilometri, e 70.000 opere d’arte .

Nonostante la grandezza orientarsi all’interno dei musei è semplice perchè troverete un percorso museale che comincia al Museo Egizio e termina alla scala elicoidale con solo due deviazioni (la prima è al Cortile della Pigna, la Galleria Chiaramonti e Braccio nuovo, mentre la seconda alle Stanze di Raffaello e gli Appartamenti Borgia).
Anche se si segue il percorso breve comunque si arriva alla Cappella Sisitina, che a differenza di quanto molti si aspettano, si trova verso la fine del percorso.

Il mio consiglio è di dedicare l’intero pomeriggio al museo e seguire il percorso completo. Ma vi state chiedendo cosa non dovete assolutamente perdere queste le sale che vi consiglio di non perdere:

  1. Museo Egizio – Il percorso comincia in questo museo ed è incredibilmente affascinante. Il museo espone enormi sculture egize e sarcofagi risalenti al III secolo a.C.
  2. Museo Chiaramonti – La galleria è stata creata da Pio VII Chiaramonti e espone bellissime sculture di imperatori e divinità.
  3. Braccio Nuovo – Una galleria di 68 metri voluta da Papa Pio VIII per riordinare le collezioni pontificie al rientro dalla Francia delle opere confiscate a Napoleone. Qui si trova la meravigliosa statua del Nilo, ma è la galleria stessa, adornata dai bellissimi marmi provenienti da edifici di epoca romana, a rendere questo musei meraviglioso.
  4. Cortile della Pigna – Il nome si deve all’enorme pigna in bronzo che troneggia guardando il cupolone di San Pietro. In questo ampio spazio all’aperto di 300mq vedrete anche l’opera di Arnaldo Pomodoro chiamata la Sfera nella Sfera, donata dall’artista al Musei, e che simboleggia il senso del museo stesso: un insieme ricco di opere che appartengono ad epoche differenti.
  5. Museo Pio-Clementino – Questo museo è stato creato dai papi Clemente XIV e Pio VI ed espone le opere greche più importanti del Vaticano.
  6. Museo Etrusco – Questo museo espone pezzi in bronzo, oro e ceramica risalenti agli etruschi.
  7. Galleria dei Candelabri – Questa è un’altra galleria stupenda in cui si cammina circondati da statue romane, copie di statue greche ed enormi candelabri del II secolo d.C. che con le colonne in marmo delineano le 6 sezioni espositive.
  8. Galleria degli Arazzi – In questa galleria sono esposti tantissimi arazzi fiamminghi che risalgono all’epoca che va dal 1523 al 1534.
  9. Galleria delle carte geografiche – Forse questa è la mia preferita perchè colorata e brillante. La galleria è stata realizzata in 5 anni, dal 1580 al1585, ed espone mappe che rappresentano le regioni d’Italia ed i possedimenti della Chies, affrescate sui muri le bellissime mappe affrescate sui muri.
  10. Sala Sobieski e dell’Immacolata – Questa sala è stata dipinta dal pittore polacco Jean Mateijko la cui tela rappresenta la vittoria del re d Polonia, Giovanni III Sobieski, conto i Turchi. Nella Sala dell’Immacolata si trova una enorme vetrina in cui sono esposti libri donati a Pio IX in occasione dell’istituzione del dogma dell’Immacolata concezione. In entrambe le sale sono esposte tele dell’Ottocento italiano.
  11. Stanze di Raffaello – Si tratta di 4 stanze scelte da Giulio II della Rovere come residenza i cui affreschi sono stati realizzati da Raffaello e i suoi discepoli.
  12. Appartamento Borgia – L’appartamento è composto da 6 stanze fatte ristrutturare e decorare da Papa Alessandro VI Borgia. Oggi qui è esposta la Collezione d’Arte Religiosa Moderna.
  13. La Cappella Sistina – Probabilmente per molte persone Musei Vaticani è sinonimo di Cappella Sistina che in effetti rappresenta l’opera d’arte per eccellenza di questo viaggio nell’arte. La Cappella Sistina prende il nome da Papa Sisto IV della Rovere che l’ha creata facendo ristrutturare l’antica cappella Magna.
    Eseguita inizialmente da pittori quali il Perugino, Botticelli, Rosselli e Ghirlandino, è stata poi modificata da Giulio II della Rovere, nipote di Sisto IV, che affidò l’incarico a Michelangelo Buonarroti che ha dipinto la volta e le lunette.
    I nove riquadri della volta rappresentano la storia della Genesi, dalla creazione ad Adamo ed Eva, il Diluvio universale e la rinascita dell’umanità con la famiglia di Noè. All’interno della cappella NON si possono fare foto e si deve mantenere il silenzio essendo un luogo di culto.
  14. Padiglione delle Carrozze – In questo padiglione sono esposte carrozze, automobili ed anche la prima locomotiva di Città del Vaticano.
  15. Pinacoteca – Un percorso di 18 sale in cui sono esposti dipinti dal Medioevo all’Ottocento. Oggi la pinacoteca espone 460 dipinti distribuiti nelle sale secondo un ordine cronologico. Qui vedrete lavori di Caravaggio, Raffaello, Leonardo da Vinci, il Perugino e Tiziano.
  16. Museo Gregoriano Profano – Le sale di questo museo espongono culture greche e romane che risalgono al I e III secolo d.C.
  17. Museo Pio Cristiano: La collezione di antichità cristiane si compone di statue, sarcofagi e resti archeologici del VI secolo.
  18. Museo Etnologico Missionario: Contiene opere d’arte da tutto il mondo di tutte le missioni pontificie, come gli oggetti provenienti dal Tibet, l’Indonesia, l’India, l’Estremo Oriente, l’Africa e l’America.
Statua del Nilo ai Musei Vaticani
Cortile della Pigna Musei Vaticani

Come visitare la Basilica di San Pietro e la Cupola di San Pietro

Visto che siete al Vaticano non mancherà di certo una visita alla Basilica di San Pietro il cui ingresso è gratuito anche se le file possono essere lunghe.
Per evitare questa lunga attesa vi consiglio di prenotare un tour guidato che include anche la salita alla cupola di San Pietro da cui ammirare Roma dall’alto. Questo tour in italiano per esempio include la cupola ma anche le grotte sotterranee e la tomba di San Pietro.

La basilica è stupenda ed al suo interno rimarrete a bocca aperta di fronte alla Pietà di Michelangelo, il Baldacchino del Bernini e la Statua di San Pietro in cattedra e l’enorme cupola sull’altare maggior e sulla tomba di San Pietro.
La Basilica è aperta tutti i giorni dalle 7:00 alle 18.30 da Ottobre a Marzo e fino alle 19:00 da Aprile a Settembre.

Prezzo d’ingresso alla cupola di San Pietro

Se decidete di visitare la Cupola di San Pietro dovrete pagare un biglietto d’ingresso che costa €10 euro se prendete l’ascensore e concludere poi a piedi l’ultimo tratto. Se invece volete fare tutti i 551 gradini l’ingresso costa €8. Alla cupola si accede tutti i giorni dalle 8:00 alle 17:00 da Ottobre a Marzo e fino alle 18:00 da Aprile a Settembre.

Piazza San Pietro Roma

Dove si trovano i Musei Vaticani e come arrivare

Città del Vaticano è appena a nord del centro della città di Roma, facilmente accessibile dal centro storico e dal quartiere Prati.
Se arrivate dal centro storico molto probabilmente visiterete prima San Pietro, la piazza e la basilica, arrivando da via della Conciliazione per poi proseguire verso Piazza risorgimento, costeggiando le mura vaticane fino ad arrivare all’ingresso dei musei.
La stazione metro più vicina è Ottaviano a circa 10 minuti a piedi da San Pietro.
Se arrivate in treno la stazione è Roma S. Pietro, a circa 10 minuti a piedi da Piazza San Pietro e 20 dall’ingresso dei Musei Vaticani.
Gli autobus che servono San Pietro sono il 64 ed il 40 che collegano la stazione Termini con San Pietro. Scendete alla fermata subito dopo il tunnel dopo aver passato al fermata Santo Spirito, oppure scendete a Santo Spirito per arrivare a San Pietro da via della Conciliazione.

Consigli essenziali per trarre il massimo dalla tua visita in Vaticano

Siamo arrivati quasi alla fine di questo lungo post. Voglio però lasciarvi con alcune raccomandazioni.

  • Prenotate in anticipo l’ingresso ai Musei Vaticani, non ve ne pentirete visto che le file possono essere davvero infinite. Si paga poco di più ma ottimizzati i tempi che a Roma non sembrano mai abbastanza.
  • Usate un’audioguida o, ancora meglio, fate un tour guidato (date un occhio a questo in italiano). I Musei Vaticani sono così grandi e pieni di tesori incredibili che una guida migliorerà sicuramente la vostra esperienza.
  • La mattina presto e il tardo pomeriggio sono i momenti migliori per visitare i musei ad eccezione del mercoledì mattina quando si tiene l’udienza papale.
  • Dedicate una giornata intera al Vaticano combinando i Musei Vaticani con la Basilica di San Pietro. Probabilmente non avrete tempo per fare altro.
  • Non indossate abiti inappropriati o vi verrà negato l’ingresso. Non sono permessi pantaloncini, top, magliette senza maniche, gonne che non coprono il ginocchio. Se fa caldo portate qualcosa per coprirvi e una volta all’interno e non avrete problemi.

Visitare i Musei Vaticani – Domande Frequenti

Sharing is caring!

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America viaggio ininterrottamente dal 2011 e lavoro esclusivamente online. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America ma anche di SEO e SEO Copywriting

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.