Viaggio alle Isole San Blas (Kuna Yala) – Il Paradiso Caraibico di Panama

Viaggio alle Isole San Blas (Kuna Yala) – Il Paradiso Caraibico di Panama

Isole San Blas (Kuna Yala) a Panama – Il Paradiso selvaggio nel cuore dei Caraibi

Da poco sto scoprendo il magico mondo della fotografia, che mi affascina e che mi diverte ma che, dall’altro lato, mi fa rendere conto come a volte una foto possa catturare immagini che poi in realtà non sono proprio come vengono rappresentate dal risultato finale.

Ci sono pochi luoghi la cui bellezza reale è superiore a quella viste in foto. Ma esistono!
Uno di questi è l’arcipelago di San Blas, un arcipelago di 380 atolli appartenente a Panama ma con una propria giurisdizione casa degli indigeni KUNA YALA.

Sono approdata a San Blas la prima volta nel 2011, volando dalla Giamaica, avevo intravisto una foto delle isole su Google immagini, e anche se mi era stato sconsigliato di andare a Panama, questa immagine, una sola ma bellissima, decisi di scoprire questo arcipelago nel cuore dei Caraibi e di cui non avevo mai sentito menzionare il nome.

Arrivata a Panama, uno dei Paesi più piovosi del centro America, con il caldo soffocante di Febbraio, mi preparo per questa avventura che non sapevo bene cosa mi avrebbe riservato.

Faccio la spesa al supermercato, al tempo neanche le barche includevano la cambusa, compro la crema protezione 50, perchè mi dicono che il sole soprattutto lì picchia forte, comincio il lungo viaggio in quello che, ad oggi, rimane uno dei miei arcipelaghi preferiti, e che, al tempo, era realmente una perla per solo pochi pionieri, o in genere per i backpackers, nonostante i costi sensibilmente più alti rispetto il resto del Paese.

Se stai pianificando un viaggio a Panama leggi il post: Itinerario di tre settimane a Panama

San Blas islands

Dal diario di viaggio a Panama (Febbraio 2011)
Siamo nel mare dei Caraibi, tra Panama e Colombia, navigando tra 365 isolotti, proprio come i giorni dell’anno, e solcando acque che più azzurre non si può.

Le chiamano isole, ma questi piccoli atolli mi sembrano più degli “sputi” di sabbia bianca con palme la cui circonferenza è al massimo di qualche centinaio di metri.
Non ho un orologio, nemmeno un cellulare e così il tempo per misurare la circonferenza di una piccola isola l’ho calcolato con una sigaretta, ci sono voluti 3 minuti, circa, per tornare al punto di partenza e poterci rigettare in acqua tra delfini, aragoste e pesci tropicali facendoci cuocere da uno dei soli più forti che abbia mai temuto.

Il sole brucia, la protezione 50 spalmata accuratamente su tutto il corpo non blocca la rapida colorazione della mia pelle, in 48 ore non mi riconosco più e il bikini bianco fa risaltare ancora di più la pelle ormai nero pece.

La barca ondeggia, e le giornate passano tra snorkeling e pesca, leggendo libri circondata da un mondo che credevo esistesse dall’altro lato del globo, perchè era così che immaginavo la Polinesia.
Con l’unica differenza che qui per qualche giorno di puro relax non ho dovuto impegnarmi anche le mutande.

L’arcipelago di San Blas l’ho scoperto per caso su internet, quando indecisa se volando dalla Giamaica al Centro America valeva la pena soffermarmi o meno. Una intuizione, che con gli anni è diventata norma nella scelta delle destinazioni, mi fa digitare Panama su google immagini. E scorrendo un pò trovo le foto di questo luogo a me, e credo ai molti, sconosciuto.

“Devo andare li, costi quel che costi!” dico.
10 giorni dopo ero a Panama City, anzi al supermercato di Panama City a comprare una serie di creme solari per questo luogo in cui non piove mai e il sole batte imperterrito.

E lì, proprio in quel supermercato dove per la prima volta nella mia vita ho comprato una crema con protezione 50, è cominciata la mia avventura nell’angolo di mondo più puro ed incredibile, dove le tradizioni indigene sono ancora intatte e io, intrusa desiderosa di non fare nulla se non nuotare, leggere e dormire, mi sto dando il tempo per studiarli e capirli, nonostante il loro modo di fare restio ad agenti esterni come credo di essere io in questo momento.

san blas
Arcipelago di San Blas

Ma se di giorno nuoto e assaporo ogni momento di nullafacenza in cui l’attività principale è spalmare la famosa crema che non mi sembra mai abbastanza, la sera invece mi piace stare all’aria aperta, il vento si alza sempre alla stessa ora. E io ho imparato ad essere puntuale all’appuntamento, con questo volatile spasimante.

Al buio di questo luogo luogo dove l’elettricità non c’è e quando c’è è fornita da un generatore, mi piace addormentarmi in balia del vento che con il rumore delle onde sembra voglia ricordarmi che sono in un luogo speciale.
Per tutte le notti passate nell’arcipelago ha continuato a ripetere sempre le stesse cose. Oggi credo averne compreso il messaggio.
E anche se ripetitivo a me piace ascoltarlo.

San blas islands

Quando andare a San Blas

Le stagioni in Centro America si distinguono in secca e delle piogge.
La stagione delle piogge va da Maggio a Dicembre mentre quella secca da Gennaio fino ad Aprile. L’arcipelago di San Blas gode di una posizione strategica, infatti questo arcipelago anche durante la stagione delle piogge gode di bel tempo e poca pioggia, il vento è solitamente calmo. Questa stagione grazie al vento calmo e l’acqua tranquilla con buona visibilità è un periodo abbastanza buono per visitarle, l’unico problema potrebbe essere il cielo un pò coperto che potrebbe compromettere la bellezza del colore delle acque e delle spiagge. La stagione secca invece offre cielo azzurro e sole che splendente, unico problema potrebbe essere il vento troppo forte ma con un buono skipper il problema è ovviato. Febbraio è un mese eccezionale!

San Blas islands

Come visitare le isole di San Blas – Barca a Vela Vs Dormire sulle isole

Le isole di San Blas si visitano prevalentemente in due maniera: barca a vela oppure dormendo sulle isole che hanno organizzato un sistema di accoglienza (molto basico ed essenziale).
In base alla mia esperienza, le ho provate entrambe, la barca a vela permette di viaggiare l’arcipelago nella miglior maniera in quanto si riescono a passare giorni su isole totalmente disabitate raggiungendo quelle più lontane, a condizione che si dedichino almeno 6 giorni pieni, avendo una idea dell’arcipelago per quello che, purtroppo, non è già più nelle isole in particolare che lavorano con i backpackers e che oggi risultano anche sovraffollate.
Non c’è modo migliore della barca a vela per visitare questo splendido arcipelago.

Gli itinerari possono coprire dai 4 fino ai 10 giorni, il mio consiglio è di passarci almeno 7 giorni così da poter raggiungere isole lontane e godersi questi atolli nella totale solitudine.
I prezzi dipendono dalla durata ma anche dalla categoria di barca che si predilige, in linea di massima si parte da US$180 al giorno per persona, cambusa inclusa.

Attenzione a scegliere la barca perchè non sono rare le storie di orrore nelle isole in cui alcuni skipper improvvisati hanno reso questo viaggio un incubo.

Da qualche anno collaboro con degli skipper sulle isole San Blas e sono felice di potervi aiutare a scegliere la giusta barca e coordinare al meglio il vostro viaggio se questa è la soluzione che desiderate! Se sei interessato a maggiori informazioni sulla barca a vela a San Blas clicca qui. 

In alternativa, se la barca non interessa o va troppo oltre il budget che si desidera spendere, un islands hoppping o dormire sulle isole e poi fare delle gite è un’altra soluzione popolare soprattutto tra i backpakers. 
I costi si aggirano attorno ai €450 per 4 giorni e tre notti ed includo il trasporto da e per Panama City.

Controlla questi tour che potrebbero essere di tuo interesse (tieni in mente che gli alloggi sono molto basici!):

Sconsiglio vivamente il tour in giornata perchè la maggior parte del tempo la passereste per raggiungere le isole ed andar via e vi lascerebbe con l’amaro in bocca! 

san blas islands

Organizza il viaggio in barca a vela a San Blas

Affidati ad operatori locali e Travel Designer dedicati per disegnare e realizzare il viaggio a San Blas

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 7 commenti.

  1. monica

    ciao giulia e grazie mille delle tue preziose info proprio quello che cercavo! sto organizzando il viaggio a Panama per febbraio 2020 e dopo a visita di tanti siti per capire se la stagione andava bene con il tuo “febbraio è un mese eccezionale” mi hai tolto tutti i dubbi!!! io potro stare solo 2 settimane e volevo fare 7/10 giorni in giro per panama e gli ultimi 5/7 alle san blas in quanto sono malata di mare. cosa mi consigli? ha qualche dritta/consiglio/info da darmi riguardo all’itinerario e a come scandire i tempi senza perdere tempo? grazie mille ciao monica

  2. Nadia & Giorgio

    Salve Giulia, saremmo interessati ad avere qualche informazione sul giro a San Blas in barca a vela.
    Il link clicca quì sopra citato non apre nessuna pagina.
    Grazie!

  3. Karen

    Buongiorno io sarei interessata ha un preventivo per San Blas di 4 o 5 giorni in barca a vela è il periodo e fine febbraio inizio marzo Devo ancora cercare il volo, volevo sapere quanto andrò a spendere e cosa comprende di preciso,…
    Grazie miller

  4. Matteo

    Bellissimo! Spiaggia bianca e acqua cristallina!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.