Viaggiare da soli – Consigli ed input

Viaggiare da soli – Consigli ed input
laguna verde bolivia

La sensazione che si prova prima di iniziare un viaggio soli? Bhe avete presente quando iniziate a salire e salire e salire quelle scale che a ogni passo sembrano più flebili , poco sicure…iniziate a guardare giù e pensate: io da qui non mi butto! Pronti a imbragarvi per le Montagne russe, un misto di paura e entusiasmo vi tiene legati alla vostra postazione. L’adrenalina la fa da padrona!

 

Velocemente quelle che inizialmente sono sensazioni di timore e ansia si trasformano in entusiasmo; un fervore irrefrenabile che non potrai fare a meno di cercare e ricercare….e così sei di nuovo li, pronto a risalire, e più sali e più senti scorrere nelle vene questa energia, questo input di buttarti di nuovo, di sfidarti, di vivere.

 

È come quando sai di dover attraversare una stanza buia e l’unica luce a tua disposizione è quella di una candela, una debole luce che non credi capace di poter illuminare i tuoi passi, e così un po’ di preoccupazione è del tutto normale. Una volta dentro la stanza con la tua candela, ti rendi invece conto che tutto sommato il bagliore che essa emana è sufficiente per muovere i primi passi e proseguire in avanti. La vista si aguzza, tutto sembra più chiaro, quello che prima sembrava buio ora assume una nuova e piacevole tonalità e si iniziano a vedere le cose sotto una luce diversa e in breve incontrerete lungo il cammino altre luci come la vostra pronte a indicarvi la via, a darvi consigli, a illuminarvi la strada giusta da seguire.

 

In realtà non si è mai soli…

Innumerevoli sono i compagni di viaggio che si incrociano, scontrano, ri-incontrano lungo il cammino, ognuno con qualcosa da raccontare, ognuno con una parte di se da lasciarci in eredità. E’ come un copione troppo perfetto per poterne investigare i meccanismi, l’unica cosa da fare è “recitare” la propria parte nel modo più spontaneo possibile, essere se stessi e lasciarsi trasportare da questa corrente, senza troppi piani, senza troppe resistenze, solo rendersi conto di far parte di qualcosa di più grande, dove tutto è collegato e la “legge dell’attrazione” la fa da padrona, dove se noi sorridiamo e ci poniamo nelle situazioni e alle persone in modo positivo non possiamo che ricevere,  come dicono i Messicani, una Buona Onda!

 

Spesso quello che manca per Iniziare un esperienza del genere è un giusto Input, troppe sono le paure, i timori, le preoccupazioni legate al Budget…e così si rimanda.

 

I giusti input per cominciare a viaggiare da soli

Volo aereo – Uno stimolo valido può sicuramente essere quello di un biglietto aereo mooolto economico…e fidatevi che non è così impossibile come sembra.
Io mi sono costruita da sola il mio viaggio, trovato il volo e tracciato un mezzo itinerario, un buon motore di ricerca per trovare voli economici è Skyscanner : www.skyscanner.net/

 

E così che sono arrivata in Messico con un volo solo andata che mi è costato poco più di 100 euro.

 

Senza troppi programmi, ne aspettative vi ritrovate dall’altra parte del mondo a vivere alla giornata, inutile fare piani e segnare itinerari a lungo termine; vi renderete presto conto che tutto va da sè.

 

E così vi ritrovate  a nuotare con le tartarughe, a volare con i gabbiani, ad assaggiare gusti nuovi in qualche mercato sperduto, a vedere rituali che pensavate dimenticati, ad ascoltare racconti di vita, di viaggi, di gente, a lavorare in un bar in mezzo alla giungla, a lasciare in ogni luogo una parte di voi.

 

Quello che sto notando viaggiando e parlando con proprietari di Hostelli e altri viaggiatori (sicuramente più esperti di me) è che gli Italiani “Backpacker solitari” in giro sono molto pochi; in Europa credo che siamo gli ultimi in lista, assolutamente ai primi posti ragazzi e ragazze (a me sembra queste più dei maschietti) del Nord Europa.
I nord europei hanno ben capito che un paio di mesi o un anno Viaggiando in solitaria è un esperienza assolutamente da fare, formativa e di crescita e questo sta entrando sempre più nella cultura tanto che sono ormai abbastanza le agenzie specializzate proprio nell’aiutare a progettare gli spostamenti del cosiddetto “Gap Year”, a prezzi assolutamente ragionevoli.
Per farvi un esempio la nostra compaesana Giulia, in giro per il mondo da ormai quasi 2 anni per i voli ha  pagato £1800 (tasse incluse) ovvero 2250 euro per il seguente tragitto: Londra—>Bangkok – Bali—-> Adelaide – Sidney—->Fiji – Fiji—->Christchurch – Aukland —–>Santiago del Chile – Rio de Janeiro —–>Londra
Per ulteriori info potete consultare questo sito e richiedere il nostro preventivo: www.Roundtheworldexperts.co.uk

 

 

Budget di viaggio – Come Budget “volere e potere” ci sono tanti modi per risparmiare in viaggio, una volta trovato un buon volo potete veramente spendere poco. A parte gli hostelli economici che potete trovare (in America Centrale sono sui 3,5-6 euro a notte) vi ricordo il mitico Couchsurfing  che oltre a risparmiare sull’alloggio vi da la possibilità di conoscere veramente il luogo che state visitando… è come avere amici ovunque…e ora con le nuove modalità è ancora più veloce e facile trovare ospitalità…
Poco sicuro? Io sinceramente ho viaggiato un sacco di volte anche sola con CS e assolutamente ho avuto solo esperienze positive…siete voi che scegliete dove andare…e i Feedback dei precedenti guest possono sicuramente indirizzarvi in una saggia scelta. www.couchsurfing.org

 

Viaggiare via terra – Se poi invece dell’aereo si decidesse di andare via terra? Non dimentichiamo la possibilità di fare Autostop. Oggi giorno il classico dito ai bordi della strada o all’imbocco dell’autostrada è stato però sostituito dal cosiddetto Carsharing; una sorta di autostop telematico organizzato dove autista e passeggeri possono mettersi d’accordo tramite internet. Sia chi ha l’auto e deve intraprendere un viaggio, sia i viaggiatori possono inserire il percorso che si ha intenzione di fare, la data e il contributo spese (che solitamente ammonta al totale tra carburante e pedaggi diviso 4, anche se in macchina si è solo in 2, partendo dal presupposto che in ogni caso l’autista intraprenderà il viaggio,comunque questo è relativo, non è infatti esclusa la possibilità di trovare chi vi darà un passaggio in cambiò di un cafè in autogrill)…un modo direi geniale per risparmiare e ridurre l’inquinamento (infatti spesso questo metodo è utilizzato anche nella stessa città…1 macchina invece che 2, 1 pieno invece che 2.
Ecco due siti di riferimento di quanto detto:  www.carpooling.it e www.roadsharing.com

 

Fermarsi a lungo in una destinazione – Un altro modo per non scendere troppo di Budget è fermarsi in un posto per qualche settimana, offrire il proprio aiuto in cambio di vitto e alloggio. Avrete così la possibilità di vivere veramente il luogo e non rimanere dei turisti passivi (consiglio per questo di fermarvi in posti gestiti da locali). Io per 2 settimane mi sono fermata a lavorare come barista in un hostello nel mezzo della giungla in Guatemala; esperienza a dir poco stupenda e a volte ambigua, quasi irreale come si passasse dal silenzio e la mancanza di energia elettrica la mattina a super feste la sera dove a riportarti alla realtà erano las cucarachas (quando andava bene :P)

 

Io ho preso contatti con l’ostello che mi ha ospitata tramite il sito Workaway che richiede un iscrizione di 2 anni che costa 22 euro…sinceramente però non credo ci sia bisogno di iscriversi a nessun sito moltissimi hostelli sono infatti ben disposti a darvi vitto e alloggio in cambio del vostro aiuto. Cconsiglio senza troppi piani, se vi piace un posto e volete fermarvi un po’ di più di fare voi la proposta all’ostello.
Risorse utili: www.workaway.info, www.scambieuropei.info, www.volunteersouthamerica.net, www.helpx.net, www.informagiovani.it

 

Come dimenticarsi poi della possibilità (soprattutto per le ragazze) di fare la “ragazza alla pari”, le mie prime esperienze di viaggi da sola sono state proprio come “Au-pair”; vitto, alloggio e un piccolo salario settimanale in cambio di Baby sitting e qualche faccenda domestica quando richiesto. Un modo incredibile per entrare veramente a contatto con la cultura del luogo, poter imparare una lingua in modo naturale e economico, stringere legami veri e assolutamente non spendere niente anzi riuscire pure a pagarvi il viaggio.
www.aupair-world.net

 

Quello che vi posso consigliare prima e durante il viaggio è di consultare blog di altri viaggiatori per prendere spunti non soltanto sugli itinerari e i luoghi da visitare.

Spero di avervi dato delle informazioni utili, un aiuto per dileguare i timori e un Input in più per mettervi in viaggio e soprattutto alla “prova”;

 

Viaggiare per perdersi in ogni dove e ritrovarsi in ogni luogo…
Viaggiare per crescere, innamorarsi, vivere…
Viaggiare per cercare un tesoro che già sapete ritroverete al punto di partenza più ricchi, più completi, più voi…

Sant Agostino diceva Il mondo è un libro e chi non viaggia ne conosce solamente una pagina detto ciò non mi resta che augurarvi una Buona lettura, ma soprattutto scrittura, del fantastico libro della vita….Buon Viaggio!!!

Chiara Caminiti

Laureata in psicologia ha da sempre accompagnato la sua carriera universitaria con esperienze di studio e lavoro in giro per il mondo, così che si è ritrovata a vivere in Spagna, Portogallo, Brasile, Perù e Nepal...come passione la condivisione scrivendo dei luoghi e popoli più suggestivi che lei ha avuto modo di vivere personalmente.

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. Ciao! Anche io, come te, sono siciliano e vorrei conoscere il mondo sfruttando il fatto di fare un lavoro “mobile” come quello del copywriter… ma ho una curiosità: come hai fatto a trovare un volo per il Messico a poco più di 100 euro? :O a presto!

    1. Viaggiare Low Cost

      Ciao Carlo, questo post lo ha scritto Chiara, non io, ma generalmente basta aspettare le offerte e non avere date prefissate. I voli per Cancun comunque possono essere piuttosto economici se si ha la pazienza di cercare le giuste combinazioni. Inoltre consiglio di iscriversi alle newsletter delle compagnie aeree. Magri questo post ti può aiutare https://www.viaggiare-low-cost.it/come-cercare-un-volo-aereo-low-cost/
      CIAO!

  2. Carlo

    Ciao! Anche io, come te, sono siciliano e vorrei veramente lavorare in tutto il mondo come copywriter… ma mi chiedevo: come hai fatto a trovare un volo per il Messico a poco più di 100 euro? :O a presto!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.