Cosa fare a Berlino in 3 giorni – Mini guida a Berlino

Cosa fare a Berlino in 3 giorni – Mini guida a Berlino

Cosa fare a Berlino in tre giorni

“La più grande stravaganza culturale che ci si possa immaginare” – così David Bowie definiva Berlino, città nella quale ha vissuto per tre anni e in cui ha trovato l’ispirazione per comporre alcuni dei suoi album più geniali e sperimentali, HeroesLow Lodger. Berlino è proprio così, uno stravagante mix di subculture,
una città che cresce e che si modifica costantemente: vecchi edifici industriali abbandonati si trasformano in gallerie d’arte o in spazi di coworking, i quartieri diventano sempre più multiculturali e si​ evolvono in fretta – e anche per chi ci vive è spesso una sfida stare al passo con questi continui, ma affascinanti, mutamenti.

Berlino è una metropoli estesa ma estremamente semplice da visitare, anche grazie ad una rete di trasporti efficiente e a numerosi percorsi ciclabili, perfetti per osservare la città da una differente prospettiva, con un altro ritmo.
Questo è l’itinerario che proponiamo per scoprire Berlino in tre giorni:

berlino

Cosa fare a Berlino in tre giorni - Tabella dei Contenuti

Dove dormire a Berlino

Non mancano hotels ed ostelli di design e con carattere a Berlino. Le aree su cui consiglio di concentrarsi sono principalmente 3: Mitte, Kreuzberg,  Prenzaulberg

Mitte è dove si trova buona parte delle attrazioni turistiche da non perdere di Berlino. Se stai cercando dove alloggiare a Berlino per visitare la città, questo è il posto migliore dove soggiornare a Berlino. 

Kreuzberg – Vivace quartiere di Berlino con una eccellente vita notturna, molti bar e discoteche alla moda che rimangono aperti fino alle prime ore del mattino

Prenzlauer Berg è ex quartiere bohémien oggi è prevalentemente quartiere hipster 

I migliori design hotel ed ostelli di Berlino

Se oltre un posto dove dormire sei alla ricerca di hotels o ostelli dal design unico, in alcuni casi stravagante, questa lista potrebbe fare a caso tuo!  

SO/Berlis das Stue – Un 5 stelle di design nel quartiere Tiegarten con piscina interna e patio. A partire da €230

25Hours Bikini – Hotel eccentrico e stravagante con una bellissima terrazza bar con vista. A due passi da Zoo. A partire da €140

Michelberger hotel –  Situato a Friedrichshain l’hotel offre camere di design arredate con pezzi contemporanei ottimizzando gli spazi. A partire da €80

Art’otel Berlin Mitte – Situato a Mitte con vista sulla torre della televisione, questo hotels offre camere spaziose ed oltre 300 pezzi d’arte. A partire da €70

Provocateur Berlin – Eccentrico e colorato, questo 4 stelle propone ambienti ricercati e sexy senza sfociare nell’essere pacchiano o volgare. A partire da €80

Design Hostel P182 – Un ostello di design cool ed elegante con camere in dormitorio o private a Potsdamerstrasse. A partire da €28 (camera in dormitorio)

muro berlino

Mezzi pubblici e sconti sugli ingressi – Prenota in anticipo e risparmia

Berlino offre differenti soluzioni di card per poter risparmiare sul costo totale.
Le più interessanti sono tre, le Welcome Card (nella versione standard e versione che include l’isola dei Musei) e il Go Berlin Pass.

La Berlin Welcome Card è una soluzione che permette di risparmiare fino al 50% ed include anche i mezzi di trasporto pubblici. Il costo del pass parte da €23 (per 48 ore zona A e B). 
La Welcome Card + Isola dei Musei invece include anche l’ingresso ai musei più famosi di Berlino, incluso il Pergamon, include i trasporti pubblici e sconti fino al 50% sul costo di altre 200 attrazioni. 

In alternativa il Go Berlin Pass include l’ingresso a 60 attrazioni tra cui il Pergamon Museum, il Checkpoint Charlie e la Cattedrale di Berlino. 
Per maggiori informazioni sui trasporti di Berlino clicca qui.

Berlin

Giorno 1 – Da Alexanderplatz a Potsdamerplatz

Il punto di partenza ideale per la visita della città è sicuramente Alexanderplatz: centralissimo crocevia delle maggiori linee di metropolitana, tram e S-Bahn che attraversano la città, raggiungibile comodamente da qualsiasi parte di Berlino.

Alex – come la chiamano affettuosamente i berlinesi – è la piazza simbolo della capitale tedesca, movimentata, grigia e un po’ caotica, sovrastata dall’iconica Fernsehturm.

Per uno sguardo mozzafiato sulla città da oltre 200 metri d’altezza, conviene prenotare in anticipo il biglietto online [www.tv-turm.de], in modo da evitare lunghe code e ridurre drasticamente i tempi d’attesa.

Ci sono tariffe ribassate per i più mattineri (13 Euro con ingresso e salita alla torre alle ore 9 del mattino d’estate e alle ore 10 d’inverno) o per chi preferisce una vista sulla vibrante Berlino notturna (13 Euro, ingresso tra le 21 e le 23).

Procedendo a piedi verso Ovest su Karl-Liebknecht-Strasse, e successivamente sul viale Unter den Linden, si può capire cosa intendesse Bowie per stravaganza culturale.

Nello spazio di circa un paio di chilometri Berlino mostra il suo lato più eclettico, passando da edifici e monumenti storici come la Marienkirche, il Rotes Rathaus (Municipio di Berlino), il Duomo di Berlino e la storica sede della Humboldt-Universität, ad angoli nostalgici e fuori dal tempo come Nikolaiviertel o l’imperdibile mercatino dell’antiquariato sulla via pedonale tra il ponte Schlossbrücke e il Bodemuseum (ogni sabato/domenica/festivi tra le 11 e le 17), a eleganti piazze come Bebelplatz Gendarmenplatz, mentre una lunga serie di cantieri aperti ed edifici modernissimi in costruzione indicano quanto Berlino sia sempre in costante evoluzione. Il Museumsinsel, o quartiere dei Musei, è una tappa obbligata per gli appassionati di arte, che potranno scegliere tra Pergamonmuseum, Altes Museum, Alte Nationalgalerie, Bodemuseum e Neues Museum.
Continuando su Unter den Linden si raggiungono Pariser Platz, raffinata piazza dove hanno sede l’Hotel Adlon e l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America, e la Porta di Brandeburgo, un altro luogo di importanza centrale nella storia della città di Berlino.

Da qui si estende il Tiergarten, l’enorme parco attraversato dal viale del 17 Giugno con la Colonna della Vittoria, icona dorata della città, celebrata da Wim Wenders nel film Il cielo sopra Berlino.

Assolutamente da non perdere una visita alla cupola del Reichstag, capolavoro dell’architetto Norman Foster: la visita è gratuita e da organizzare per tempo, in quanto l’ingresso è possibile solo tramite registrazione sul sito del Deutscher Bundestag.
Approfittate di una pausa caffè con torta per godere dello stupendo skyline della città, prenota adesso

Un altro monumento che non si può mancare è l’impressionante Memoriale per gli ebrei assassinati d’Europa, un complesso reticolo di oltre 2000 blocchi di cemento progettato da Peter Eisenman, svoltando da Pariser Platz su Eberstrasse in direzione Potsdamer Platz.
E proprio a Potsdamer Platz termina il nostro percorso per il primo giorno.
La piazza, ripensata e ricostruita da Renzo Piano tra il 1992 e il 2000, è una  magnifica opera di re-integrazione urbana di una zona che per decenni è stata terra di nessuno, al confine esatto tra Est e Ovest.

Ora è uno dei centri pulsanti della vita culturale berlinese, con il Theater am Potsdamerplatz, dove si svolge l’annuale Festival del Cinema, la Deutsche Kinemathek (Museo del Cinema e della Televisione), e l’avveniristico Sony Center, da visitare preferibilmente la sera, quando la cupola che lo sovrasta cambia continuamente colore grazie ad uno spettacolare effetto di luci.

Visite guidate di Berlino per un primo assaggio 

Per concentrare al meglio i tempi di visita di questa prima giornata puoi prendere parte a dei tour tematici di 2 o 3 ore come per esempio il walking tour sulla Guerra Fredda ed il Terzo Reich, oppure un bel tour in bicicletta che porta alla scoperta dei principali luoghi di interesse turistico della città.

inverno berlino
Cupola Reichstag
mmonumento agli ebrei berlino

Giorno 2 – Quel che resta del Muro – Tra Kreuzberg e Mitte

Ufficialmente caduto nel 1989, il Muro che ha diviso Berlino per decenni è ancora visibile in varie parti della città. L’East Side Gallery (U-Warschauer Strasse), lungo la riva del fiume Spree, è il punto in cui la storia incontra la street art: tra il 1989 e il 1992 artisti di varie nazionalità hanno trasformato una sezione di muro lunga oltre un chilometro nella galleria d’arte a cielo aperto più grande del mondo, con graffiti divenuti leggendari come quello del fraterno bacio sovietico tra Erich Honecker e Leonid Brežnev.

Rimanendo nel quartiere di Kreuzberg, ma spostandoci sull’altro lato del fiume, oltre l’Oberbaumbrücke, c’è Markthalle Neun, (U-Görlitzer Bahnhof oppure U-Schlesischer Tor), un luogo di incontro per amanti dello street food e di specialità culinarie locali e internazionali. Markthalle Neun è ​animato da una serie di imperdibili eventi settimanali, come lo Street Food Thursday (ogni giovedì sera tra le 17 e le 22) e il ​Wochenmarkt (m​ercato​ settimanale ogni m​artedì 12-18, venerdì 12-18 e​ sabato 10-18), oppure periodici, come lo Stadt Land Food Festival o il Berlin Coffee Festival.

L’anima fortemente multiculturale Kreuzberg si riflette nella straordinaria varietà di ristoranti di ispirazione internazionale, e in particolare mediorientale e turca: a Berlino, infatti, gira voce che il miglior kebab si mangi proprio qui, e non ad Istanbul! Tra Oranienstrasse e Kottbussertor c’è davvero l’imbarazzo della scelta tra locali e ristoranti etnici, tra cui Maroush (Adalbertstrasse 93, Kreuzberg).
Per chi, invece, volesse provare il classico currywurst, l’amatissimo snack berlinese creato da Herta Heuwer nel secondo dopoguerra, la scelta migliore è Curry 36 (Mehringdamm 36, Kreuzberg).

Uno dei monumenti più interessanti di Kreuzberg è il Museo Ebraico (Jüdisches Museum Berlin) progettato da un team di architetti guidati da Daniel Libeskind, archistar americana di origine ebraica.
La struttura, complessa e suggestiva, accoglie esposizioni permanenti e temporanee sulla millenaria storia degli ebrei in Germania e in Europa.
Proseguendo verso il quartiere di Mitte, sulla Friedrichstrasse, troviamo il celeberrimo Checkpoint Charlie. La Friedrichstrasse, oggi trafficatissima via dello shopping berlinese, è stata una delle principali arterie di collegamento tra Est ed Ovest durante la Guerra Fredda, e Checkpoint Charlie uno dei punti di passaggio tra le due realtà contrapposte e coesistenti di Berlino, l’Est comunista e l’enclave capitalista di Berlino Ovest.

Per approfondire la tematica del Muro e l’impatto che ha avuto sulla città, consigliamo una visita al Mauermuseum am Checkpoint Charlie e, soprattutto, al Gedenkstätte Berliner Mauer (U-Bernauerstrasse), con il centro di documentazione più completo sulla storia del Muro. In alternativa, a pochi passi dalla Friedrichstrasse in direzione Potsdamer Platz, si può visitare il centro commemorativo all’aperto Topographie des Terrors, progetto realizzato per documentare il sistema del terrore nazionalsocialista in Germania.

Tour guidati a Kreuzberg – Street Art e quartieri alternativi

Anche in questa giornata se preferite essere accompagnati da guide per scoprire alcuni angoli della città che, altrimenti, da soli rischiate di perdere consiglio il tour in bicicletta di Kreuzberg o un tour guidato della Street Art di Berlino.

Kreutzberg
Mitte Berlin

ROCK IN BERLIN

La scena musicale berlinese è unica a livello mondiale. Ogni genere musicale, dal jazz all’elettronica, dal punk alla classica, dal metal all’indie, trova la sua collocazione in istituzioni come Lido, Berghain, Astra Kulturhaus,​ SO36, Watergate, A-Train.
L’offerta di concerti, musical, jam sessions e festival è vastissima in tutte le stagioni e conviene tenere d’occhio il ricco programma musicale.

Per scoprire Berlino da un punto di vista alternativo, quello di David Bowie, Iggy Pop, degli U2 o dei Depeche Mode, consigliamo uno dei coinvolgenti Music Tour guidati dall’insider Thilo Schmied, mentre gli amanti del punk ​classico ​non devono perdersi una visita al Ramones Museum&Bar.

Per Walpurgisnacht – la notte tra il 30 aprile e il primo maggio – tutta la città è in festa: nella mitologia germanica Walpurgisnacht è la notte delle streghe, e i Berlinesi la celebrano ballando (“Tanz in den Mai“) con concerti e feste in tutti i quartieri, da Friedrichshein a Kreuzberg, da Neukölln a Mitte.

berlin

Giorno 3 – Berlino mix & match

Per il terzo giorno, dopo aver visitato i punti principali della città, abbiamo pensato alla possibilità di costruire un itinerario fai da te combinando due o più delle seguenti proposte di percorsi tematici brevi (con durata da alcune ore a mezza giornata al massimo), perfetti per cogliere la molteplicità di sfumature che caratterizzano Berlino e per approfondirne alcuni aspetti storici, artistici, sociali e culturali.

Unterwelten – Visita guidata al mondo sotterraneo di Berlino

Fondata nel 1997, «Berliner Unterwelten» è un’associazione culturale che si occupa di ricerca e documentazione degli edifici e delle infrastrutture sotterranee della cittá di Berlino.
Le attività interne all’associazione spaziano dai gruppi di ricerca veri e propri all’organizzazione di eventi culturali, quali: visite guidate, mostre, seminari e pubblicazioni. I tours a disposizione sono 4 e potete controllare orari e prenotarvi online sul sito ufficiale: Berliner Unterwelten.

​Cool&alternative – Mitte e Prenzlauerberg

Tra i quartieri di Berlino, Mitte e Prenzlauerberg sono sicuramente i più cool.

Partendo da Hackescher Markt, dove si trova il complesso in stile secessionista tedesco di Hackesche Höfe con i suoi cortili interni, si procede verso la via con la più alta concentrazione di gallerie d’arte e di fotografia della città, Auguststrasse.
In questa zona​,​ in cui si estendeva un tempo il quartiere ebraico, oggi si può visitare il Centrum Judaicum e quello che resta della Neue Synagoge. Rosenthaler Platz è ideale per una pausa caffè al Sankt Oberholz o al Mein Haus am See, punti di ritrovo e home-office di tanti hipster, freelancer e nomadi digitali berlinesi.
Proseguendo verso Prenzlauerberg, passeggiando su Kollwitzstrasse, Sredzkistrasse e Kastanienallee, l’atmosfera del quartiere, o come si dice a Berlino “Kiez-Gefühl”, si fa via via più rilassata, artistica e nostalgica.
Da non perdere una visita alla Kulturbrauerei, ex complesso ​industriale ​di fabbricazione d​ella ​birra e oggi vivacissimo centro culturale per manifestazioni artistiche di ogni tipo.
Se avete la fortuna di passare una domenica pomeriggio d’estate a Berlino, non perdetevi il Mauerpark: il mercatino delle pulci attira collezionisti e curiosi da tutta la città, e a partire dalle 14 il parco si anima con un divertentissimo e alternativo open-air karaoke.

​3. ​Nostalgia di Berlino Est – Mitte e Friedrichshain

Chi ha visto film come Goodbye Lenin o Le vite degli altri, sarà senz’altro rimasto colpito dall’intrigante e per certi versi ancora molto oscura storia della 
​Repubblica Democratica Tedesca, la DDR. Negli ultimi dieci anni, l’analisi e il recupero della storia e dell’estetica della DDR hanno caratterizzato un filone importante del cinema tedesco, della letteratura e persino del design.
La chiamano Ostalgie, ovvero un misto di fascinazione, curiosità e interesse per un mondo che non c’è più, ma di cui si può ancora ritrovare qualche impressione in alcuni angoli della città:
  • DDR Museum  (Karl-Liebknecht-Strasse 1, Mitte): piccolo museo  divertente, interattivo e informativo per un tuffo nella realtà quotidiana della vita nella DDR.

  • Karl-Marx-Allee  (U-Strausberger Platz): la passeggiata di circa due chilometri sulla Karl-Marx-Allee (un tempo Stalinallee) tra Strausberger Platz e Frankfurter Tor offre una prospettiva sull’estetica urbana tipica di Berlino Est: larghi viali a più corsie, pensati per le grandi parate militari, ed enormi palazzi squadrati che richiamano la fisionomia di Mosca, tra i quali spicca la storica libreria Karl-Marx-Buchhandlung, il Café Sibylle e il cinema Kino International, in puro stile sovietico

  • Die Tagung (Wühlischstrasse 29, Friedrichshain) – divertente Kneipe berlinese nel cuore di Friedrichshain, decorata con cimeli storici di epoca socialista. Ideale per una birra fresca  dopo la passeggiata su Karl-Marx-Allee!
 
Per approfondire gli aspetti storici e controversi della DDR, in particolare la tematica dell’oppressione dell’opposizione al regime, vale la pena dedicare almeno mezza giornata allo Stasi Museum e al Memoriale Berlin Hohenschönhausen, centrale per la carcerazione preventiva degli oppositori.

​Charlottenburg ieri e oggi

Nel primo quarto di secolo del Novecento la dinamica e sfrenata vita culturale berlinese si svolgeva su Tauentzien s​trasse e Kurfürstendamm, due lunghi boulevard costellati di prestigiosi ristoranti, caffè, teatri, sale da ballo, cinema e cabaret. Successivamente, durante la Guerra Fredda, il Kurfürstendamm si è trasformato nella vetrina del capitalismo, in ​aperta  contraddizione con lo stile ​socialista ​di Berlino Est.

Ora il Kurfürstendamm è una delle tante, ​caotiche​ vie​ dello shopping come si ​possono​  trovare in qualsiasi capitale europea. Vale comunque la pena visitare quello che rimane della Gedächtniskirche (Chiesa della commemorazione Kaiser Wilhelm), quasi completamente distrutta durante i bombardamenti del 1945, il Kaufhaus des Westens, il lussuoso e famosissimo centro commerciale che ricorda i grandi magazzini degli Anni Venti e, se avanza tempo, i​l Castello di Charlottenburg, in stile prussiano con uno splendido giardino.

charlottenburg berlin

Pomeriggio a Tempelhof

Se il clima lo consente, passare un pomeriggio nel parco di Tempelhof è un’esperienza assolutamente da provare.
Il vecchio aeroporto centrale di Berlino ora in disuso​, la cui storia è illustrata da una serie di visite guidate offerte nel centro visitatori, è diventato il cuore pulsante di un quartiere creativo in piena espansione, ed è sicuramente il parco pubblico più amato dai berlinesi, nel quale amano fare jogging, evoluzioni con gli skateboard, coltivare piccoli orti urbani organici, far volare aquiloni e rilassarsi con un pic-nic al sole nella bella stagione.

Campo di concentramento di Sachsenhausen

Ad Oranienburg, località a una trentina di chilometri a Nord di Berlino, si può visitare uno dei più grandi campi di concentramento nazisti su territorio tedesco, Sachsenhausen. Il centro visitatori offre una serie di film e visite guidate, esposizioni permanenti e temporanee, un archivio e una biblioteca curatissimi sulla storia del campo, a cui dedicare il tempo di una giornata.
Si consiglia di visitare il campo accompagnati da una guida. Tours a partire da €19 per persona 

​Die Perle an der Spree – Berlino, la perla sul fiume Spree

Scoprire Berlino a bordo del battello lungo la Spree è una maniera alternativa e piacevole per passare qualche ora ammirando la città da un punto di vista differente. 
I punti di imbarco sono due: Nikolaiviertel, di fronte all’Isola dei Musei, e Friedrichstraße, accanto al ponte Weidendammer.
Costo del biglietto €17 online – Prenota online adesso
 
Berlin
Berlino
muro berlino

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.