OCEANIA

Cucina Fijana – Cosa mangiare alle Fiji

Luglio 28, 2013
Modificato il Aprile 5, 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

 

Una cucina che si definisca tipica deve avere un forte legame con il suo territorio e con gli ingredienti che naturalmente vi crescono.

Per quanto alle Fiji non ci siano molti ristoranti tipici figiani, il modo migliore per assaporare i piatti figiani è di essere ospitati da una famiglia locale, ma anche negli ostelli può capitare, la sua cucina è come non mai legata ai frutti che la sua fertile terra offre. Il clima tropicale regala una varietà di frutti e verdure in quantità e qualità sbalorditive!

mangiare fiji Se a casa ci riteniamo fortunati ad avere un albero da frutto nel giardino, alle Fiji è assolutamente normale avere nel villaggio palme da cocco, papaia, ananas, alberi del pane, banani e varie radici come zenzero, cassava (letto “casava”) e dalo.
Se poi non si ha proprio davanti casa quello di cui si ha bisogno, è frequente che gli anziani vadano di buona mattina nel bush a fare provviste, invece che al mercato.

E’ forse questo il motivo della buona salute, formosità e buon umore che accomuna i figiani di tutte le provenienze sociali, nonostante un PIL pro capite di appena 4.500 $ l’anno.

Cucinare piatti figiani a casa, in Italia, si può fare, ma certamente il luogo migliore dove procurarsi gli ingredienti è direttamente alle Fiji… In città come Nadi, Lautoka o Suva i mercati centrali sono epicentri di vita, colori e profumi dove non è difficile farsi rapire dalle strane forme dei frutti e dalle bizzarre maniere dei venditori di esporre la merce (sistemano su piramidi tutto ciò che è di forma vagamente rotonda!).

Sono fondamentalmente due le tecniche di cottura: su fiamma, spesso su fuoco di legna, o tramite un forno interrato tipico delle culture del Sud Pacifico, il Lovo.

lovo Il Lovo (che in Nuova Zelanda è chiamato Hangi e alle isole Samoa invece Unu) consiste in una più o meno profonda e capiente fossa scavata nel terreno, che una volta riempita con un primo strato di legna si copre con un altro di pietre dove adagiare i contenitori di metallo con dentro il cibo: verdure, carne e pesce sono cotti tutti allo stesso momento. Per finire, si copre con un altro strato di bucce di noci di cocco e si ricopre il tutto con della terra. La cottura può durare dalle 6 alle 8 ore, a seconda delle dimensioni, e il sapore è assolutamente ottimo!

Le portate principali hanno molto in comune con la tradizione asiatica; le zuppe e gli stufati fanno la parte del leone. Il pollo e l’agnello sono gli ingredienti base preferiti e sono spesso tagliati in cubetti grossolani, ossa e pelle comprese. Aglio e olio di soia dànno inizio alle danze, seguiti dalla carne e la verdura (verza, patate, carote, sedano e fagioli), per poi finire la cottura con un po’ di farina di mais per dare densità e noodle.

Una variante molto particolare di stufato di carne, stavolta di manzo, è preparato con una specie di spinacio dalle foglie enormi e spesse chiamato rourou, e cotto con latte di cocco. Il latte di cocco è preparato mischiandone la polpa tritata con l’acqua, filtrandone poi il denso succo bianco che ne esce.

Esattamente come noi siamo abituati ad accompagnare ogni pasto col pane, alle Fiji è normale avere sempre a tavola radici bollite di cassava e di dalo tagliate a grossi cubetti, dal sapore simile alla patata dolce e alla castagna…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su telegram

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.