Trekking nelle piantagioni di tè alle Cameron Highlands, Malesia

A circa 5 ore di bus a nord di Kuala Lumpur c’è una vasto altopiano con un microclima molto particolare, le Cameron Highlands.
La vegetazione è rigogliosa e l’acqua non manca mai; la temperatura è mite e l’escursione termica diurna, come quella annuale, è contenuta: circa 21° costanti da gennaio a dicembre.
Un vero paradiso per i coltivatori di un po’ ogni specie vegetale, nello specifico per quelli di tè, fiori e verdure.
Nelle vallate scavate dai fiumi, hanno dimora le più grandi coltivazioni di tè della Malesia, come la Boh, e distese infinite di serre di fiori, con al tramonto regalano uno spettacolo unico: alcune specie di fiori, infatti, se esposte alla luce e al calore di una lampadina cresceranno di più.

Ecco che si avrà come l’impressione che l’intero costone della montagna sia in fiamme… I campi di tè, invece, consistono in distese fittissime di bassi arbusti disposti senza un preciso ordine che continuano a generare verdissimi germogli, prontamente potati da speciali forbici-cucchiaio e trasportati da grosse ceste di vimini sulla schiena degli addetti, con la precisione e la sicurezza di chi quei movimenti deve averli ripetuti un milione di volte.



camero highlands by http://cameronhighlands.com/



Cameron Highlands by http://cameronhighlands.com/

Perché andare sulle Cameron Highlands?

Il trekking è sicuramente il motivo fondamentale per cui vale davvero la pena di affrontare il viaggio di cinque ore da una delle grosse stazioni dei bus di Kuala Lumpur a Tanah Rata (7 euro).
Esso rappresenta il centro abitato meglio servito in fatto di alloggi e ristorazione, nonché punto di partenza di dieci sentieri per trekking da una parte e dall’altra della vallata, la maggior parte dei quali di media difficoltà (2-4 ore) e senza alcun biglietto d’ingresso.
Tutti i tracciati hanno in comune quell’atmosfera di estrema pace e di contatto con una natura praticamente inalterata nei millenni. Non si incontrano molti escursionisti da queste parti, ma non c’è modo di perdersi per quanto fitta la giungla possa diventare.

Il percorso numero uno è uno dei più spettacolari e parte da Brinchang, oltre la zona del mercato e verso la fine del paese: una pietra bianca con inciso 1/48 ve ne segnalerà l’inizio. La salita è impegnativa ma non lascia il tempo alla noia o alla fatica di prendere il sopravvento.

L’intricata giungla e le enormi matasse di radici affioranti dalla terra che userete come appigli vi terranno – letteralmente – col fiato in sospeso, fino alla vetta. Il traguardo sarà raggiunto in un’ora, e consiste in una torre di avvistamento costruita sulla vetta della montagna – a oltre 2.000 metri -, dalla quale godere di una vista a 360 gradi sulle vallate circostanti. La discesa è molto più agile e rapida, perché si segue la strada asfaltata fino alle coltivazioni di tè.

Perdetevi tra i labirinti di cespugli alla “Alice in Worderland” e fermatevi ad osservare i lavoratori, se avrete la fortuna di incontrarli. Sulla strada non mancheranno piacevoli incontri come piante selvatiche di fragole di bosco, bianchi e elaborati fiori di passion fruit e simpatiche famiglie locali in gita, desiderose di scattare una foto con voi!

Il termine del tracciato vi porterà pochi chilometri fuori da Brinchang, nei pressi dell’allevamento delle farfalle, da dove conviene prendere un taxi o fare autostop in tutta tranquillità.

email

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Ti è piaciuto? Condividilo!

3 Responses to Trekking nelle piantagioni di tè alle Cameron Highlands, Malesia

  1. Ciao posso avere qualche informazione in merito al trekking in malesia? sarei interessata. grazie mille.

    Silvia Ella Zenoni March 24, 2014 at 12:27 pm Reply
    • Ciao Silvia, il post è scritto da Giacomo, alla fine del post i suoi dettagli, contattalo!
      Buin viaggio:-)

      Viaggiare Low Cost March 24, 2014 at 12:40 pm Reply
    • Ciao Silvia, grazie per il tuo interessamento! Cosa vorresti sapere di preciso oltre a quello che ho scritto?
      Giacomo

      Giacomo Landriani March 29, 2014 at 10:28 am Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Per consigli di viaggio gratuiti iscriviti alla Newsletter!


Sul Backpacking

Viaggiare zaino in spalla – Il fattore chiave: ADATTABILITA’

Viaggiare zaino in spalla, sul lungo periodo ed in giro per il mondo implica una attitudine essenziale che anche chi non ce l’ha di natura, o semplicemente per abitudine, acquisirà: la capacità di adattamento. E’ incredibile come riusciamo ad adattarci a tutto e a tutte le situazioni e come questa attitudine diventerà a un certo [...]

email

Seguimi su...