Viaggio a Cuba – Consigli di viaggio per conoscere Cuba in 2 settimane

  • Post author:
  • Post comments:9 commenti
  • Post last modified:Luglio 19, 2016
Viaggio a Cuba – Consigli di viaggio per conoscere Cuba in 2 settimane

Cuba è stato il primo Paese visitato quando ho cominciato il giro nel mondo, in Gennaio 2011.

La tanto decantata salsa, i movimenti sinuosi di questi corpi che sembrano tutti avere ritmo nel sangue, Chan Chan dei Buena Vista Social Club sempre in testa e una questione politica interessante e curiosa ha stimolato per lungo tempo le mie fantasie sino a quando ho deciso che tutto doveva cominciare da lì.
 
Il mio viaggio zaino in spalla è così cominciato da uno degli ultimi Paesi comunisti rimasti nel mondo e di cui tanto si sente parlare, dove il turista “ha sempre ragione” e il locale tenuto a debita distanza, in cui ci si confonde con una doppia moneta e dove i suoi abitanti continuano ad elogiare Fidel Castro come fosse un Dio sceso in terra e un illuminato.

 

E ammetto che se lo si sente parlare qualche pensiero sulla sua “innaturalità” sorge visto che stava per convincere anche me.
La Habana è probabilmente la città più bella che abbia visitato nei miei sei mesi di viaggio tra i Caraibi e il Centro America. Quelle che sino ad allora erano solo foto nella mia mente sono diventate realtà tutto d’un tratto ed era tutto come mi immaginavo, no di più.
Inutile dirvi che vedere queste macchine americane colorate e anni ’50 ha reso la città particolarmente affascinante, anche se l’aria è un po’ pesante e mi è parso a volte difficile potere respirare soprattutto se mi trovavo in zone piuttosto trafficate.
 
Il CheFidel sono dovunque, nelle piazze, nei negozi d’arte, nelle case e nei negozi.
A tal proposito anche avuto la fortuna di partecipare alla manifestazione pro-socialismo organizzata dagli studenti universitari di Cuba.
Lo spettacolo è stato suggestivo e a tratti commuovente.
Vedevo sfilare davanti a me migliaia di ragazzi con delle torcie create con lattine di birra o analcolici e un legno, che inneggiavano al socialismo e sostenevano Fidel.
 
Per la prima volta ho sentito un discorso politicizzante sensato e sopratutto fatto perchè ci si crede davvero.
Nelle loro parole e la loro passione sentivo crescere forte l’interesse per questo uomo che ha cambiato le sorti di Cuba, se in bene o in male onestamente non lo so più.

 

Purtroppo non sono riuscita ad arrivare sino a Santiago ma questo è l’itinerario di viaggio (classico direi) che ho seguito io.
Il viaggio di fatto è durato 2 settimane a cui ho aggiunto 8 giorni che ho passato ad Havana presso una casa particular gestita da una famiglia che in quel peiodo ho considerato come surrogati meritevoli dei miei affetti lasciati lontani e che mi sono stati vicini in giorni in cui non sono stata molto bene.

 

Itinerario di viaggio a Cuba (2 settimane)

 

La Havana

bambini sul malecon

 

Havana deve essere assolutamente la città dove cominciare il proprio viaggio a Cuba, è una città affascinante e decadente ma con un fascino particolare ed unico.
Havana è una città molto sicura, come lo è in realtà l’intera Cuba, una donna che viene qui da sola non avrà problemi di alcun tipo a parte i soliti fischi ma di fatto si può stare tranquilli quando si cammina per le strade.
Consiglio vivamente di prendere il primo giorno l’autobus turistico (CUC5) che vi farà fare il giro della città per un giorno intero così da potere avere almeno una visione generale della città e potervi orientare.
 
Havana è grande e per esempio dalla zona dell’università, dove stava la mia casa particular e che consiglio in quanto più sicura di Habana vieja, per arrivare al centro, diciamo al Capidoglio ci volevano almeno 40 minuti camminando.
Certo la passeggiata ne valeva la pena, lungo il Malecon (lungomare che sicuramente avrete visto in molti film) ma di fatto le distanze le ho percepite.
 
Cosa non perdersi ad Havana? Le archietture coloniali di Havana Vieja, una passeggiata lungo il Malecon, le architetture barocche del Gran Teatro e l’Edificio Bacardi, Plaza de la Revolucion, e un salto alla Bodeguita del Medio, il famoso bar dove Hemingway beveva il Mohito. Magari non bevetelo qui visto che costa 6CUC contro i soliti 2 negli altri bar ma una visita vale la pena.
Io poi ero affascinata dalle stradini interne a Plaza de Armas, piazzetta dove si vendono libri di sconda mano e dove ho comprato libri su Fidel e il Che.
 
Se il tempo è bello poi una giornata a mare a Playa de l’Este è d’obbligo.
Questa è la spiaggia dei cubani di Havana e se si va in etate sarà piena di locali, se si va in inverno, che per noi sarà caldo come in estate comunque, sarà invece una enorme spiaggia bianca, vuota che si versa sul bellissimo mare dei caraibi.
Per arrivare si può prendere un autobus dalla piazza del Gran Teatro, costo 3CUC, il viaggio dura circa 20 minuti.

Varadero

varadero cuba

 

 

Varadero si o varadero no?
Anche io avevo i miei dubbi. Famosa località in cui non si trovano i veri cubani e dove piuttosto fioriscono resorts non era nei miei piani quando poi la famiglia che mi ospitava me l’ha consigliata almeno per una gita di un giorno. Biglietto dell’autobus andata e ritorno 20CUC e partita alle 8 del mattino ero di ritorno alle 9 di sera. Il viaggio da Havana dura 3 ore.
 
Ne è valsa la pena? Il mare effettivamente è bellissimo, cambiava il colore con il cambiare della posizione del sole ed è stato il primo mare dei caraibi che ho visto, forse non lo consiglierei visto che di bellissime spiagge ce ne sono a bizzeffe a Cuba ma è pur sempre il primo mare caraibico della mia vita, non posso che avere un ricordo speciale ed emozionante.
 
Per il resto devo dire che è stato molto deludente, una serie di villaggi turistici uno dopo l’altro e grigio, ma forse era il tempo e il periodo visto che era anche molto vuota.
 

Pinar del Rìo

mural de la prehistoria cuba

 

Pinar del Rio si trova a 162 kilometri a est della regione di Havana ed è la zona famosaper le piantagioni di tabacco, dove si comprano i veri sigari cubani e si può vedere come si fanno.
 
Pianar del Rio ospita due riserve naturali tutelate dall’Unesco ed in cui in una, Valle de Vinales, si possono vedere delle grotte calcaree che spuntano un po’ dovunque e sono meta ambita da scalatori.
A Vinales inoltre si trova una grossa pittura rupestre moderna che è chiamata el Mural de la Prehistoria e in questa zona si vive come nel passato, senza luce elettrica, acqua calda e altre modernità.
 
Tra le numerose grotte sotterranee la più famosa è la Cueva del Indio il cui fiume si può attraversare in barca con tour guidato.
Questa zona di Cuba è quella forse più legata a Fidel rispetto alle altre, grazie forse al fatto che qui si vive prevalentemente di turismo il che ha reso i locali di questa area estremamente favorevoli a questa politica.
Qui i prezzi delle case particulares scendono di molto rispetto Havana, si può arrivae sino a CUC15 per notte. Non dimenticate un atirepellente per i mosquitos.

Cienfuegos

El Nicho Cuba

 

Bellissima Cienfuegos. Architettura coloniale e palazzi colorati in toni pastello che rendono le stradi eleganti e pulite. Qui si fonde uno stile neoclassico con architettura cubana. La provincia di Cienfuegos si trova vicino alle montagne, una visita alle cascate di El Nicho è d’obbligo, e il mare, rancho Luna è la spiaggia più vicina ma se si orgamnizzano delle gite si può arrivare sino a Playa Giron.
Con mia sorella e due ragazzi che abbiamo incontrato abbiamo preso un taxi guidato dal mitico Miguel che ci ha scarrozzato in lungo e in largo avendo come base fissa Cienfuegos.
 
Sempre qui ho nuotato con i delfini al delfinario. Ero un po’ scettica (30CUC) ma convinta da mia sorella ho deciso di farlo e….questa foto qui sotto è il risultato!

nuotando con delfini
Nuotando con i delfini a Cuba

Santa Clara

Mausoleo del Che

 

Ed è qui che si trova il mausoleo del Che, un imponente tomba dove Fidel ha voluto inneggiare al suo amico e miglior combattente argentino.
Il mausoleo è diviso in 2 aree che si possono vistare gratuitamente. La prima dove c’è la tomba del Che e dei suoi compagni morti in Bolivia e 14 combattenti uccisi in Guatemala. La seconda invece ospita foto ed oggetti appartenuti a Ernesto Guevara e che documentano il tempo in cui era medico durante lo sbarco del 1956 con Fidel.
 
Santa Clara è un polo universitario che sta crescendo velocemente, si trova sulle colline e qui per chi vuole si può studiare spagnolo costi davvero accessibili, 2 settimane per 200CUC

 

Trinidad

Trinidad Cuba

 

Credo che sia la mia città preferita, è piccola e facile da girare a piedi e ogni angolo è una scoperta. I colori delle murta delle case sono vivaci e le case qui non solo sono meno care di quelle di Havana ma sono bellissime anche internamente. Le camere in genere sono molto grandi, alcune hanno dei patii esterni dove è piacevole lavorare, leggere un libro o semplicemente riposarsi.
Trinidad è stata dichiarata Patrimonio dell’umanità dall’Unesco e quando ci si va si capisce il perchè.
Ammetto che è molto turistica, di certo non si ha difficoltà a trovare una casa particular visto che ce ne sono dovunque e sono uan più bella dell’altra.
 
In linea di massima per 25CUC si può avere una stanza spaziosa con colazione e cena (aragosta SI!) incluse. Se siete bravi e siete viaggiatori solo potete contrattare per qualcosa in meno. Poi ovviamente se si sta sul lungo periodo potete avere un prezzo migliore. Io ho pernottato alla casa Nairobi e mi sono trovata benissimo.
 
Qui c’è inoltre la famosa dicoteca La Cueva che è stata costruita proprio dentro una montagna e ammetto che fa un po’ impressione ma assolutamente da vedere e magari fare due salti con uno dei ballerini locali.
DaTrinidad con un cocotaxi e una corsa di 15 minuti si può arrivare alla spiaggia Playa Ancon che ho trovato bella ma piuttosto turistica e piena di alberghi e canadesi in vacanza.

coco taxi havana
Io su un coco Taxi di Havana

Da Trinidad tornare ad Havana e godersi qualche serata nei locali ascoltando e ballando salsa e bevendo un mohito oppure trovare qualche evento di musica jazz, altro genere musicale molto famoso a Cuba e che secondo me vale davvero la pena vedere.

La mia Cuba

In linea di massima credo che Cuba non solo sia bellissima ma abbia un qualcosa di estremamente stimolante, una vitalità mista a tristezza e rassegnazione.
L’ho trovato un Paese forte e spaccato. Sorrisi enormi e allegri misti a un sentimento di schiavitù. La gente si sente schiava di un sistema che rispetta, di un Paese che si ama e per cui “Hasta la Victoria” e “Patria o Muerte” è un qualcosa che non è solo parte del mito ma è invece la realtà.
 
Cuba mi ha dato molto da pensare, ero spaccata tra il mio piace/non mi piace, ci tornerei/non ci tornerei, sono poveri/non lo sono.
Paradossalmente credo che questa particolare situazione politica rende Cuba particolarmente affascinante, si fa un viaggio nel tempo e ci si disconnette (in tutti i sensi visto che internet è praticamente inesistente) per tutta la permanenza e si re-impara a rendersi impegnati facendo cose anche senza internet.
 
Il mio consiglio? Andare adesso che Fidel è ancora vivo e vivere la Cuba caratteristica e tipica che credo presto cambierà (ben per loro).
Per sapere quanto costa viaggiare a Cuba e alcuni consigli per viaggiare a Cuba low cost potete leggere l’articolo Viaggiare a Cuba Low Cost.
E adesso non vi resta che ascoltare questa e cominciare a sognare Cuba…

 

 

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 9 commenti.

  1. Micol

    Ciao Giulia,
    Io parto il 28 Ottobre e ci resterò fino all’11 Novembre. Abbiamo in programma di fare tutta Cuba in circolo con macchina partendo da Havana, poi Moron, Baracoa, Santiago, Trinidad, Pinar del RIo/Vinales e di nuovo Havana per il ritorno.
    Ho fatto il calcolo dei km e sono più o meno 2600 in 15gg, E’ una follia ?

    1. Giulia Raciti

      Nulla è follia, dipende quanto tempo volete passare in un luogo e quanto volete guidare.
      Un saluto

  2. SARA

    Ciao Giulia, vorrei partire x Cuba i primi di ottobre…so che il periodo non è il migluore ma pensi sia fattibile?

    1. Giulia Raciti

      Ciao Sara,
      Ormai credo che con i cambi climatici che stiamo vivendo tutto può accadere.
      Il bello di Cuba comunque è che non è solo mare, quindi se dovesse piovere hai sicuramente delle valide alternative!
      Ottobre corrisponde alla fine della stagione delle piogge ma se fino a qualche anno fa si potevano fare previsioni ormai credo che tutto possa accadere. Cuba è molto bella e sono sicura che anche se dovesse piovere non rovinerà il tuo viaggio!
      ciao

  3. valentina

    Ciao dove esattamente hai nuotato con i delfini?

    1. Giulia Raciti

      Al delfinario di Cayo Largo.

      1. Valentina

        Grazie 🙂

      2. valentina

        Ciao Giulia, grazie della risposta, sapresti dirmi come raggiungere cayo largo? c
        Consiglieresti di passare due o 3 notti lìo è troppo turistico?

        1. Giulia Raciti

          Noi avevamo un taxi con autista. ciao

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.