• Categoria dell'articolo:Hotel e Ostelli
  • Tempo di lettura:7 mins read
  • Ultima modifica dell'articolo:14/11/2016

Quando si viaggia sul lungo termine e low cost bisogna essere in grado di sapere ottimizzare il proprio budget di viaggio, sapere regolare le uscite giornaliere e mensili, comprendere quando spendere e quanto senza farsi mancare nulla e soprattutto per viaggiare in sicurezza.
La scelta dell’ostello è una fase importante della pianificazione del viaggio, e anche se non si prenota in anticipo è sempre una buona pratica informarsi anticipatamente su dove si andrà o almeno avere un’idea nel caso in cui dalla stazione dei bus o dall’aeroporto il tassista ci chiede dove portarci (spesse volte i tassisti prendono commissioni, io diffido quando posso).
In primo luogo quindi sarebbe bene considerare delle alternative valide per poi scremare e prendere la decisione finale.
Il prezzo è sicuramente importante ma ci sono tanti altri fattori che io considero quando scelgo un ostello e per decidermi faccio largo uso dei siti di ostelli online che offrono recensioni e dove posso verificarne i prezzi, per poi concludere la ricerca su TripAdivisor dove mi pare che i commenti siano ancora onesti e veritieri.

 

4

 

Elementi importanti da considerare nella scelta dell’ostello

  • Prezzo
    Il prezzo è importante e a volte determinante nella scelta finale ma deve corrispondere a quello che viene offerto. Inoltre in base all’economia generale di un Paese se il prezzo è troppo basso la cosa potrebbe puzzare un po’. Per esempio se in Giamaica che comunque non è proprio una destinazione Low Cost a causa forse dell’alto numero di resorts un ostello costa $10 mi fa pensare che possa peccare in sicurezza o pulizia. La media in Giamaica anche per gli ostelli è trai $15 e i $25 per notte, e anche per $20, un ostello a Montego Bay (tra l’altro con ottime recensioni) secondo me lasciava un po’ a desiderare come struttura, compensata però poi dalla gentilezza e dalla presenza costante del proprietario e dei dipendenti.
  • Quartiere
    Dove si trova? Non dico che un ostello debba essere proprio nella piazza centrale della città ma quanto più facile è muoversi senza dovere ricorrere a taxi o autobus quanto meglio è. Generalmente gli ostelli si trovano in zone centrali e solo in pochi casi mi sono trovata fuori mano ma è importante sapere che ci si può muovere indipendentemente e che vicino vi siano banche, supermercati, mercati.
    Inoltre come ci si arriva? Si può arrivare a piedi? Serve prendere un taxi? È una zona tranquilla?
  • Cucina
    Io che viaggio per lunghi periodi dopo un po’ mi stufo del mangiare locale e voglio un sano piatto di pasta con la salsa da potere cucinare io stessa, per questo motivo la cucina nell’ostello è fondamentale. Voglio potere essere in grado di cucinare senza dovere mangiare fuori a pranzo e a cena. Questo ovviamente abbasserà anche i costi di permanenza. A tal proposito voglio anche scrivere d’inciso che in alcuni casi gli ostelli hanno un servizio ristorante e bar, i prezzi solitamente sono più alti rispetto un ristorante locale, magari mangiate in ostello la prima sera ma poi cercate altre soluzioni (nel caso in cui non vi sia cucina).
  • Armadietti con lucchetto
    Importantissimi soprattutto se si dorme in stanze condivise. Fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio ed è sempre conveniente mettere sotto chiave i documenti, le carte di credito e bancomat ed eventuali cose di valore. In genere la maggior parte degli ostelli offre degli armadi dove addirittura si può mettere lo zaino intero ma altri invece no. É anche capitato che ci sia effettivamente l’armadietto ma non vi sia il lucchetto incluso, portatene con voi sempre almeno 2. Per chi ha un computer portatile consiglio vivamente un kengsinton lock così da potere legare il laptop a un letto o una sbarra di ferro nel caso in cui non vi siano armadietti o siano troppo piccoli.
  • Internet e Wi-fi
    Ammetto che non credo siano rimasti molti ostelli che non offrano questi servizi gratuitamente ma per chi come me non può stare più di due giorni senza internet (e non per piacere quanto più per lavoro) è fondamentale che vi sia la wi-fi con cui connettermi. Molti ostelli adesso sono attrezzati con postazioni internet gratuite per i propri clienti, certo il tempo di permanenza non dovrebbe essere troppo lungo ma se non c’è fila dietro di voi nessuno vi vieta di stare anche 2 ore.
  • Colazione inclusa
    Potrà sembrare una banalità ma secondo me è importantissima. La colazione inclusa nel prezzo dell’ostello può fare una differenza enorme nel budget giornaliero, soprattutto se è abbondante. Questa sta diventando una pratica sempre più usata dagli ostelli e che permette di mangiare la mattina e se abbondantemente il pranzo diventerà un gelato o una piccola sciocchezza senza avere una fame da lupi e spendere soldi per la colazione e il pranzo. Le colazioni possono andare da quelle continentali fai da te, vengono messe tutte le cose (latte, cereali, pane, marmellata ecc) sul tavolo, a quelle cucinate ad hoc, come per esempio al El Hostal di Antigua in Guatemala che forse offre la migliore colazione in assoluto che ho fatto sino ad ora.
  • Pulizia
    Importantissima visto e considerando l’alto numero di gente che viaggia e chi si ferma anche per 1 solo giorno. É importante capire cosa gli altri ospiti pensano a proposito della pulizia di un ostello. Attenzione: si legge spesse volte che alcuni ostelli hanno i bed Bugs che oltre ad essere un’idea ripugnante possono diventare un problema per voi e per gli altri. Infatti una volta che si attaccano ai vostri vestiti o agli zaini si potranno uccidere solo lavando le cose a 90 gradi ma soprattutto li porterete in viaggio sempre con voi e li lascerete dovunque andate. Si diventa dei distributori di bed bugs ambulanti. I controllo sempre e mi basta 1 sola recensione che nomina questi parassiti contro 100 ottime che cerco un altro posto dove dormire.
  • Sicurezza
    Mi piace sapere che c’è qualcuno alla reception 24 ore su 24 e che non siamo abbandonati al nostro destino. Per qualsiasi problema o richiesta è importantissimo che anche la notte ci sia qualcuno dietro il banco, anche se per esempio si arriva a notte inoltrata è bello avere chi ti apre la porta subito e non ti lascia aspettare.
  • Divertimento e staff
    Questo alle vostre preferenze e ai vostri mood. Io a volte cerco ostelli vitali, con bar dove organizzano feste e altre volte voglio la pace e la tranquillità più assoluta. A voi la scelta, per me non è un fattore determinante ma è anche vero che non ho più 20 anni e i miei piaceri me li sono passati tempo fa.

Siti su cui prenotare ostelli

Li ho provati tutti e i migliori sono i seguenti, se volete un parere personale, credo Hostelworld sia la migliore soluzione, qui è possibile trovare letti in dormitorio, ma anche camere private.

  • HostelWorld.com – Ottimo sito di prenotazione ostelli online. Il portale offre una sorta di assicurazione di rimborso nel caso in cui la tua prenotazione non viene rilevata dalla reception dell’ostello. Se dovesse succedere HosteWold riaccrediterà sul tuo account €50 da utilizzare per future prenotazioni. Si paga una percentuale di prenotazione
  • Hostels.com – Portale di prenotazione ostelli in Italiano e con molte offerte. Buoni prezzi e prenotazione semplice e veloce. Si paga qualcosa per la prenotazione.
  • Hostelsbookers.com – Questo portale è disponibile anche in italiano ed è uno dei più utilizzati in tutto il mondo. La cosa positiva di questo portale è che non ci sono costi di commissione quindi quando si paga la percentuale di booking questa verrà effettivamente detratta dal conto finale.
  • HostelsClub.com – Anche questo portale é disponibile in Italiano, al momento della prenotazione di paga il 10% in anticipo il resto una volta arrivati. Il portale offre la possibilità di diventare membri e sfruttare sconti presso ostelli in tutto il mondo.

 

Questi sono i fattori che considero quando prenoto un ostello, i vostri?

Sharing is caring!

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America viaggio ininterrottamente dal 2011 e lavoro esclusivamente online. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America ma anche di SEO e SEO Copywriting

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.