Wi-Fi Finder – Applicazione gratuita per hotspots wifi nel mondo

Wi-Fi Finder – Applicazione gratuita per hotspots wifi nel mondo

Per chi mi segue da un po’ sa che ho solo un’esigenza durante i miei viaggi: internet.
Se in Centro America internet era davvero dovunque, tutti gli ostelli infatti offrivano Wi-FI gratis e spesse volte anche  postazioni computer da usare liberamente e gratuitamente , le cose si sono complicate in Asia e in Australia e a quanto pare si complicheranno ancora di più in Nuova Zelanda.
Certo è che per chi viaggia con piccoli budget una spesa giornaliera di $10 solo per la connessione internet sul lungo termine si fa sentire.
Infatti non tutti gli ostelli offrono connessioni gratuire, alle Fiji sono costosissime ($F25 per 25 ore), so che in Nuova Zelanda pochi ostelli offrono wifi gratis ma molti permettono di comprare schede GlobalGossip al costo di $9,90 al giorno.  L’idea di non potere usufruire di wifi gratis e di dovere pagare anche per questa mi ha abbattuta un po’.
Ma oggi l’intuizione.  Giocando con le applicazioni del mio iPod ho scoperto WIFI Finder un’applicazione gratuita che sebbene mi pare debba essere aggiornata aiuta comunque il viaggiatore a trovare hotspots wifi (gratuiti o a pagamento, inseriamo noi il filtro) nei nostri paraggi e in 144 Paesi nel mondo.
Il bello di quest’applicazione, e qui tornerebbe utile la partecipazione degli utenti, è che si possono aggiungere hotspots man mano che si trovano.
Se per esempio sono in un bar con wifi che non è indicato nell’applicazione allora lo possiamo aggiungere così da creare una mappa interattiva che utenti di tutto il mondo potranno utilizzare.
L’applicazione permette inoltre di scaricare la mappa così da potere usarla offline.

Come funziona Wi-FI Finder

Una volta scaricata l’applicazione basterà cliccarci su ed accedere alla pagina principale.
Si accede al menù principale semplicemente squotendo l’ipod (iphone)
Le opzioni a disposizione sono 3:
Find Public Wi-Fi near me (trova una wifi vicino a dove mi trovo)
Search for Wi-Fi world wide (cerca la wifi nel mondo)
Offline Wi-Fi finder available (scaricare il wifi finder nella versione offline)

wifi finder
Schermata principale Wi Fi Finder
filtri ricerca
Filtr di ricerca e aggiunta hot spots
wi fi spots gratis
Mappa con wifi hotspots (gratuiti e a pagamento)

 

 

 

 

 

 

Mettiamo il caso voglia sapere dove c’è wifi gratis vicino a dove mi trovo allora clicc o sulla prima opzione. A quel punto la mappa riconosce il luogo dove siamo ed indicherà con degli spuntoni in verde le wi-fi gratis e con quelli in blu le wi-fi a pagamento.
Considerando che al momento sono in un posto non mostrato in mappa con free wifi ho provveduto ad aggiungere l’ostello dove al momento alloggio, che tra l’altro è l’unico con wifi gratuita nel circondario.  Nel giro di qualche giorno dovrebbe essere inserito. Chi verrà a Nadi saprà che al Bamboo Hostel c’è wi-fi gratuita.
Nella ricerca si possono utilizzare dei filtri. In alto a destra si clicca su “option” e si sceglie l’opzione free invece di both.
Sempre da opzioni possiamo aggiungere un hotspot. Mi raccomando l’indirizzo ed eventuali informazioni aggiuntive quali “location type” (aeroporto, hotel, caffè, bar, ristorante, biblioteca, museo etc etc).

Un’altra cosa che mi ho trovato interessante ed utile è l’opzione “directions”.  L’applicazione stessa ci darà le direzioni per raggiungere quel luogo. Geniale.

Ovviamente non sono elencate tutte le WiFi gratis del mondo ma a questo punto il lavoro diventa il nostro che man mano che troviamo connessioni dovremmo aggiungerle così da semplificare la vita a chi nel futuro si troverà nella nostra stessa situazione e con un semplice click potrà trovare il bar dove connettersi senza dovere pagare $4 l’ora in un triste internet caffè  ma facendolo magari di fronte a un caffè in un bel bar e non per forza in un McDonald.

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Claudia

    Buongiorno Giulia! ( o almeno qui in Italia sono le 9.00 del mattino)
    Ti scrivo per chiederti un consiglio : per motivi di lavoro ho bisogno di essere sempre reperibile al cellulare… escludendo applicazioni tipo skype ( purtroppo il mio target di clientela spesso non si profila come “esperta informatica” ) come potrei fare a gestire questo tipo di situazione senza spendere soldi al momento della chiamata ( quando si è all’estero paga anche chi riceve la telefonata) o senza cambiare numero di telefono?

    Certo, potresti anche rispondere dicendo che non lavori per la **** ( compagnia telefonica alla quale mi appoggio) però ho pensato di porti ugualmente questa domanda visto che gironzoli allegramente per il mondo pur portando avanti il tuo lavoro ( anche se immagino utilizzerai le applicazioni che la rete mette a disposizione…) 🙂

    Un abbraccio e buona continuazione!
    Claudia

    1. Ciao Claudia,
      su questo argomento mi trovi impreparata in quanto lavorativamente/affettivamente funziono via skype. E i miei clienti usano solo emails e skype e mia madre capisce di computer e mio padre ha imparato a usare questi piccoli strumenti a lui sconosciuti sino a qualche tempo fa.
      Il mio cellulare è sempre spento e quando credo di averne bisogno compro la scheda locale ma ovviamente per chiamate nazionali.
      Però esistono delle carte sim internazionali. A Londra le vendevano ma devi chiedere agli operatori italiani se forniscono questi servizi. Non conosco i costi ma in fin dei conti se ti serve solo per ricevere a te a questo punto importa poco. No?
      Ho trovato questo link che fa un riassunto di carte sim internazionali. Forse qui trovi quella che fa a caso tuo.
      http://www.mondo3.com/forum/operatori-esteri-telefonia-mondo/6626-schede-internazionali-united-mobile-travelsim-istruzioni-per-luso.html

      Buona lettura e fammi sapere che soluzione hai trovato
      Giulia

      1. Claudia

        Ciao Giulia,
        ti rispondo solo ora perchè mi son presa qualche giorno per la valutazione del caso…
        Alla fine le possibilità sono 2 :
        – utilizzare skype come fai tu
        -acquistare un nuovo numero se si valuta di rimanere per un certo periodo in una nazione

        Tutte le altre soluzioni non valgono la pena in quanto troppo costose.

        🙂

        1. Ciao Claudia,
          mi sa che è la soluzione migliore e più economica. Le schede all’estero (forse anche in Italia non so) non costano nulla quindi non ci perdi niente. Per ricevere usi la scheda locale e per chiamare Skype.
          Un saluto dal Chile
          Giulia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.