Viaggio in Grecia – Sikinos isola di un dio minore

Viaggio in Grecia – Sikinos isola di un dio minore

La Grecia con le sue 3000 isole è sicuramente una meta ideale per una vacanza di mare.
Tra le sue baie, calette, spiagge si celano alcuni degli scorci più belli del Mediterraneo.
Le immagini di Santorini, Naxos, Mikonos, Rodi le si possono vedere in tutte le  agenzie di viaggio nel mondo, luoghi incantevoli capaci di far salire in ognuno di noi il desiderio forte del mare.

Ci sono alcune isole però, che oltre regalare paesaggi incantevoli e spiagge dalle acque cristalline, possono dare al viaggiatore più discreto e meno mondano l’impagabile emozione di trovarsi in Grecia a metà del 20° secolo, quella Grecia fotografata nel film premio Oscar di Gabriele Salvatores  MEDITERRANEO”.

Chi ha visto il film sarà rimasto sicuramente colpito dai paesaggi e dalle atmosfere greche, dalla costante presenza del blu del mare, un blu che resta indelebile nella mente, un blu che ci si porta a casa per sempre dopo essere stati nell’antica terra degli dei.

isole grecia

Premettendo che il film fu girato a Megisti, una piccola isola, la più ad ovest dell’arcipelago greco, vi sono altre isole dove la vita non è cambiata di molto dal tempo della guerra, dove il turismo si è integrato senza stravolgerle. Una di queste è Sikinos, un isola poco frequentata, ma non per questo priva di fascino.

Quando ci arrivo dopo un viaggio in traghetto da Paros è il 19 di agosto, la settimana peggiore al mondo per le vacanze di mare nel Mediterraneo, so che l’isola è piccola e la paura di non trovare da dormire mi ha accompagnato per tutta la traversata, avrei potuto cercare una stanza via internet, ma non tutti i privati sono facilmente reperibili on line su queste isole minori, poi non volevo trovarmi insoddisfatto come pochi giorni prima, dove, sempre per la paura di dover dormire su una panchina avevo prenotato via mail una stanza in un B&B, per poi scoprire una volta in loco, che vi era un’ampia scelta di sistemazioni alcune delle quali splendidamente  ubicate sul mare.

mare grecia

Appena sbarcato sull’isola, (le operazioni di sbarco ed imbarco sui traghetti greci, stupiscono per la rapidità con cui vengono svolte) veniamo assaliti da alcuni procacciatori di clienti inviati dagli alberghi rimasti con camere libere.
Difficilissimo scegliere la cosa migliore in questi frangenti, io mi affido come sempre all’istinto, punto chi mi ispira più fiducia e lo seguo se il prezzo sta nel mio budget.
Questa volta a “conquistare” la mia attenzione è una rassicurante quanto intraprendente signora sulla cinquantina, la stanza che mi vuole proporre la si può vedere dal porto, me la indica, mi convinco a seguirla e vado e vedere la camere.
Presa, 40€ per una doppia in pieno agosto, pulita essenziale con un  balconcino con vista sul mare. Penso che pur avendo avuto poca scelta sono cascato bene.

Sikinos ha due centri abitati, uno al porto, Alopronoia, una manciata di abitazioni che fanno da contorno ad una piccolissima baia dalle acque trasparenti, l’altro, Sikinos,un villaggio bellissimo, appollaiato tra i monti, a trecento metri di altitudine, da dove si possono vedere scorci favolosi sull’arcipelago delle piccole Cicladi.

Chiariamo subito che chi  cerca le notti di Mikonos o il lusso di Santorini, qui non ci deve mettere piede, qui non ci sono discoteche, non ci sono lounge bar con cubiste succinte che ballano a ritmo di house music sui muretti imbiancati a calce. Qui c’è semplicemente mare, sole, vento e paesaggi modellati dall’uomo che nei secoli ha con fatica e sudore dissodato i pendii rocciosi gli acquisire spazi per coltivare, è impressionante osservare i chilometri e chilometri di muretti a secco ottenuti ammassando pietra su pietra

sikonos grecia L’isola si può dire che è a conduzione familiare, infatti la proprietaria della mia camera è la sorella del proprietario della pizzeria che sta proprio sotto la mia stanza, è parente dei titolari del piccolo mini market di Alopronoia che a loro volta sono cugini o chissà cosa dell’autista del piccolo bus che fa la spola tutto il giorno per Sikinos, il quale gestisce l’affitto dei pochi scooter noleggiabili sull’isola e cosi via.

A proposito di scooter, essendo un buon mezzo per girovagare Sikinos in maniera autonoma, appena arrivato, fatta la trafila di parenti, chiedo all’Autista di noleggiarne uno ma sono tutti in giro, “Maybe tomorrow” mi risponde distrattamente, la mattina seguente, chiedo nuovamente ma “Maybe tomorrow” è la laconica risposta, sarà così fino al giorno della mia partenza.Sikinos non è certo un posto da soggiorni lunghi almeno che non siate scrittori di interminabili romanzi alla ricerca di posti dove non ci sia altro da fare che osservare la parabola del sole.
Oltre la spiaggia di Alopronoia, ampia e sabbiosa a est vi è la spiaggia di Agios Georgios, ciotoli e acque limpidissime.

Ad ovest del porto, subito dopo la piccola darsena, c’è un tratto di mare idea

le per chi ama fare il bagno con pinne e maschera, acque profonde, bei fondali, scogli dove tuffarsi e colori che vanno dal blu intenso al verde smeraldo

Il paese di Sikinos è un piccolo gioiello tra le aride montagne dell’isola, poche decine di casette bianche ed immacolate, sovrastate dal candido monastero di Chrysopigi, trovarsi qui al tramonto ripaga della fatica sofferta salendo la lunga scalinata che porta fin quassù, il sole scende lentamente all’orizzonte, mentre tutto si colora di rosso ed il monastero si tinge di rosa intenso.

tramonto grecia In paese vi sono alcune bellissime e semplici taverne dove assaporare la cucina greca, pochi negozi, nella piazzetta al centro del villaggio ci si sente a casa, l’intima semplicità che il luogo trasmette infonde nell’animo un senso di quiete e sicurezza.

Per chi ha voglia di camminare, attrezzandosi con viveri ed acqua a sufficienza, consiglio vivamente il lungo cammino che da Sikinos raggiunge la remota chiesetta di Episkopi. Il sentiero attraversa una zona selvaggia e priva di abitazioni, se si esclude qualche pozzo o i ricoveri per le greggi. Si cammina costeggiando la strada asfaltata che conduce al nulla, costantemente sui trecento metri di altitudine, dove non riuscirete a distogliere lo sguardo dal magnetico blu del mare e dal paesaggio che si perde all’orizzonte nell’arcipelago delle Cicladi, non conterete più le soste per ammirare panorami degni degli Dei.

Sikinos è sicuramente una meta economica, niente a che vedere con costosi fasti di Santorini, qui una settimana non costerà più di 500€ tutto compreso, inclusi i biglietti del bus a meno che non affittiate uno scooter che se non sarà per oggi. ”Maybe tomorrow”.

Dove dormire a Sikinos

La selezione di strutture che segue raccoglie alcune tra le migliori offerte in termini di rapporto qualità/prezzo.

MARKOS VILLAGE
Camere doppie a partire da $30
Ideale per i backpackers ed i giovani, situato a due minuti da Chora, e con piscina.

MAISTRALI
Camere doppie a partire da $55
La posizione è meravigliosa, proprio sul mare. Camere spaziose e con terrazza con vista.

AVANTI
Camere doppie a partire da $77
Hotel a gestione familiare vicino Chora ma silenzioso. Camere spaziose, pulite e con vista meravigliosa.

Stefano Scapitta

Viaggiatore in solitaria e conoscitore del Sud Est Asiatico. Vive delle sue passioni e pianifica sempre un nuovo viaggio all'avventura. Ha viaggiato in moto con la tenda in mezza Europa, Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Austria, Inghilterra, Olanda, Slovenia, Croazia e Grecia, dal 2006 ha scoperto l'Asia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.