Viaggio in Ecuador – Tre settimane in Ecuador e Galapagos

Viaggio in Ecuador – Tre settimane in Ecuador e Galapagos

Itinerario di viaggio in Ecuador
3 settimane in Ecuador e Galapagos

Se per la maggior parte dei Paesi del Latino America 3 settimane non sono sufficienti perchè le distanze sono astronomiche, un viaggio in Ecuador è più semplice almeno a livello logistico viste le dimensioni geografiche ridotte.

L’Ecuador infatti è un Paese che permette di muoversi agilmente e che rende abbastanza facile la visita delle principali destinazioni turistiche in un arco di tempo ridotto come 3 settimane.

Essendo uno dei Paesi più piccoli del Sud America e, questo, è stato uno dei motivi principali che me lo ha fatto piacere, ma di questo parlo nel post 10 motivi per cui mi piace l’Ecuador.

Tre settimane quindi non sono molte, bisogna correre comunque e bisogna rinunciare a qualche destinazione nel continente se si vuole anche viaggiare alle Isole Galapagos, ma l’itinerario di viaggio è agile e le distanze brevi abbastanza per ridurre il viaggio in bus notturno a uno solo e spostarsi invece durante il giorno senza perdere una giornata intera.

Il bello di questo Paese è che sebbene le dimensioni siano ridotte rispetto i Paesi limitrofi non manca nulla, si passa velocemente e senza troppi intoppi dalla foresta (selva), all’area dei vulcani, per poi arrivare sulla costa e vanta l’arcipelago delle Galapagos.

In questo post voglio proporre un itinerario di viaggio che include le isole Galapagos per 6/7 giorni.

Nel caso in cui all’arcipelago si voglia sostituire un tour alternativo le opzioni sono numerose ed includerebbero la foresta Amazzonica (5 giorni), 4 giorni avventura al Cotopaxi  ed un giro sul treno della Nariz del Diablo ad Alausi (sul cui costo ho i miei dubbi $25 ma che vale la pena fare vista la particolarità di questa opera ingegneristica).

mappa ecuador

Tre settimane in Ecuador – Itinerario di viaggio

Abbiamo tre settimane e cerchiamo di usarle al meglio scoprendo i luoghi principali di questo piccolo Paese ancora poco conosciuto e, troppo spesso, offuscato dalla fama delle Isole Galapagos.

Itinerario di viaggio in Ecuador - Tabella dei Contenuti

Giorni 1-2 – Quito ed il mercato di Otavalo

Quito è una città particolare e per la sua conformazioni,  la città infatti si estende in lunghezza, e per la sua vitalità che soprattutto nell’area turistica, La Mariscal, non si ferma mai.
Dopo un lungo viaggio e un fuso orario di 7 ore è necessario fermarsi a Quito, dedicare una giornata alla scoperta del centro storico e passare la serata in uno dei numerosi bars o ristoranti della città che ha molto da offrire.
Per ulteriori informazioni su Quito rimando al post Cosa fare a Quito.

Se si arriva il mercoledì o il venerdì il giorno la mattina presto consiglio di prendere un bus dalla stazione nord della città che, per $1,50, in due ore porta ad Otavalo, il mercato artigianale più grande e famoso di Sud America.

E’ fattibile in un giorno e non è necessario rimanere a dormire lì.
Dalla stazione partono bus ogni 5 minuti quindi non intimorirsi della fila per comprare i biglietti, si scorre velocemente.

Dove dormire a Quito

Le aree principali in cui dormire a Quito sono La Mariscal ed il centro storico. Ho selezionato degli ostelli e degli hotels che offrono ottimo rapporto qualità/prezzo ed eccellenti posizioni.

Vibes Hostel – L’ostello si trova a La Mariscal. Prenotare in anticipo perché è sempre pieno. Si trovano sia camere condivise che camere private. Posizione eccellente, vicina alle strade con i locali della Mariscal. 

Community Hostel – Questo ostello è molto carino, si trova nel centro coloniale di Quito ed offre sia letti in camera in dormitorio che camere private. 

The Secret Garden – Questo ostello si trova al centro storico di Quito e dalla terrazza offre una vista spettacolare sulla città. L’atmosfera è accogliente grazie ai numerosi spazi in comune. 

Hotel Boutique Portal de Cantuña – Un delizioso Boutique hotel nel centro storico di Quito. La posizione è eccezionale, le camere sono accoglienti e pulite. Oltre la struttura l’altro punto di forza è la colazione, abbondante e sempre con prodotti freschi.

Quito

Giorni 3-4 – Latacunga e Laguna Quilotoa o Campo Base Cotopaxi

La mattina presto dirigiti alla stazione sud della città facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici o con il taxi, da dove prendere il primo bus per Latacunga.
Latacunga è la città ideale per visitare: la Laguna Quilotoa e il famoso vulcano Cotopaxi, che non è il più grande dell’Ecuador ma è il più famoso grazie alla sua forma perfetta.

Latacunga è una piccola cittadina dove non succede molto, nota per essere nelle prossimità di questi due importanti spot turistici.

Visto che il tempo stringe si può scegliere tra le due possibilità: il vulcano più famoso del Paese o una giornata alla suggestiva laguna nel cratere del vulcano, Quilotoa, con uno stop al paese di Zumbaua.

Per raggiungere la laguna Quilotoa recarsi alle 8 del mattino del giorno successo successivo all’arrivo.
Il bus delle 8,30 del mattino porta direttamente alla laguna in alternativa, se ci si sveglia un po’ dopo, il bus lascerà a Zumbaua dove si può salire su uno dei pick up che per $1 (contrattare con decisione prima di salire perché altrimenti ai turisti fanno pagare di più, basta semplicemente fare la propria offerta che verrà accettata) porterà sino alla laguna. Per saperne di più clicca qui.

Finito il trekking, se si vuole si può scendere sino al lago e poi risalire, aspettare un altro pick up per tornare al villaggio e prendere il primo bus per tornare a Latacunga.

Dove dormire a Latacunga

A Latacunga si trovano alcune strutture di alloggio, la maggior parte hostals, tra i quali lo storico, e molto famose tra i backpackers  Hostal Cafe Tiana che ha sia camere private che in dormitorio e delle aree comui molto carine.
Tra gli hotel invece consiglio l’Hostal Dulce Hogar, una villa trasformata in hotel con begli spazi comuni e possibilità di usare la cucina, il  Villa de Tacunga  in una bella struttura colonuale e la Hacienda La Cienega una villa antica immersa in un giardino curato e piacevole.

Quilotoa

Giorni 5-6 – Banos centro per le avventure nella natura

Banos è la destinazione sportiva e per attività quali buggy jumping, passeggiate in bicicletta e rafting ai piedi del vulcano.
Piccola e turistica è una delle destinazioni preferite per i turisti internazionali e locali.
A 2 ore da Puyo, l’ingresso della foreste amazzonica ecuadoriana, la piccola e compatta cittadina offre numerose attività da fare.

Una bella idea è affittare una bicicletta e pedalare sino a Puyo seguendo la Ruta delle Cascate.
Questa zona infatti è ricca di cascate la cui più bella è secondo me la Pailon de El Diablo.
Per il ritorno nessun problema, si può sempre caricare la bicicletta su un bus e tornare a Banos senza pedalare.
Le fermate da Banos sino a Puyo sono le seguenti: Manto de la Novia, El Pailón del Diablo, Manantial del Dorado.
A questo punto o si torna indietro o si prosegue sino al Río Negro dove lo scenario diventa tropicale. Siamo alle porte della foresta amazzonica.

Tra le attività più popolari devo menzionare il whitewater rafting, il canoying ed il parapendio.

Per chi non fosse interessato ad attività sportive si può organizzare una mattinata presso la cascata  o arrivare sino a Puyo in bus e fare visita al Paseo de los monos, centro di prevenzione e cura delle scimmie curato da una coppia svizzera che negli anni ha creato un centro dove lavorano volontari e che hanno come obiettivo la riabilitazione di scimmie maltrattate nel passato per poterle reinserire nel loro ambiente naturale.
Il costo dell’ingresso che serve per aiutare l’operato è $3.

Il bus per Cuenca impiega circa 8 ore, l’ideale è prenderlo verso le 12/13 così da arrivare in serata a Cuenca. Il centro accetta volontari.

Dove dormire a Banos

Banos è una destinazione molto amata da chi viaggia in Ecuador, è una cittadina molto piacevole in una posizione fenomenale ed è molto tranquilla. Non è raro che chi pensava di rimanere uno o due giorni decide di rimanere più a lungo. 
Tra gli ostelli e gli hotel di Banos mi sento di menzionare il Selina Banos, un bell’ostello con camere private e condivise, proprio al centro di Banos, il Casa del Balcon, un piccolo hotel molto centrale e con cucina che gli ospiti possono utilizzare ed il Floresta Hotel un bell’hotel in una bella casa con spazi comuni e camere molto spaziose. 

Non mancano bellissime hosterias immerse nella natura, in particolare la bellissima Hostaria Finca Chamanapamba, immersa in una oasi nascosta a 4 km dal centro, ed il Mystic Lodge con arredamento funky e con vista sulla città, quindi lontana dal rumore. 

Tungurahua ecuador

Giorni 7-8 – Cuenca La Preciosa

Cuenca la preziosa, una bella ed ordinata città il cui centro storico è spesse volte paragonato a quello di Quito.

Con le sue stravaganti chiese, quattro fiumi e le influenze indigene e spagnole, Cuenca, situata nella parte meridionale dell’Ecuador, è la vivace capitale della provincia di Azuay.
Dichiarata dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità, la città rappresenta uno stop delizioso lungo il tragitto per la costa.

La città di visita in un giorno, i suoi palazzi e strutture coloniali la rendono una città estremamente piacevole. 
Non perdete gli hiking al Parco Nazionale El Cajas una riserva ecologica con montagne, laghi e animali dove poter seguire dei percorsi di differente intensità e durata.
Per fare l’hiking al parco è necessario registrarsi prima di arrivare. Il parco offre 8 differenti itinerari hiking tra cui scegliere ed è anche possibile campeggiare, sempre con permesso. 
Se preferisci avere un guida con te prenota l’hiking guidato
Altra visita da poter includere nell’itinerario, facile da includere se si viaggia con un’auto, è quella alle rovine Ingapirca, il più grande sito archeologico Inca in Ecuador.

Dove dormire a Cuenca

A Cuenca gli ostelli e gli hotel in case coloniali sono tantissimi. Tra i tanti consiglio La Cigale hostel, per chi preferisce un ostello, che offre camere sia condivise che private. Tra gli hotel invece consiglio il B&B Casa Montalvo, in una casa coloniale elegante e molto bene arredato, l’Hotel Los Balcones, un boutique hotel in una casa coloniale in cui ogni dettaglio è curato e La Casa San Rafael, anche questo in un bellissimo palazzo coloniale. 

Cuenca

Giorno 9 – Guayaquil

Guayquil è probabilmente la città meno interessante dell’Ecuador, ma anche la più grande e rappresenta il centro economico del Paese oltre che il Porto più importante. 
I luoghi principali di interesse per i turisti sono il Malecon 2000, il Simon Bolivar Park, La Rotunda e Las Peñas, quartiere famoso per le case in legno in stile coloniale. 
E’ possibile prenotare un tour di 3 ore a piedi che permette di conoscere la città 

Dove dormire a Guayaquil

Se si preferisce dormire in città, più vicini al Malecon, consiglio di considerare come opzioni il Pepe’s House Guayaquil, un delizioso B&B con camere ampie e confortevoli, il Grand Hotel Guayquil che ha anche una piscina esterna oppure il Black Castle Guesthouse a 700 metri dal Melecon 2000 e con camere semplici ma molto carine. 
Molto carino l’ostello Perla Central che offre sia camere in condivisione che private. 
Tra gli hotel vicini l’aeroporto, che comunque dista poco dal centro, consiglio l’Home Suite Apartel ed l’Holiday Inn Guayaquil Airport.

Guayaquil

Giorni 10-16 – Isole Galapagos in crociera o Islands hopping

Partenza da Guayquil per raggiungere le isole dove in genere si atterra entro le 13 o 14. 
A seconda che si scelga di prendere parte ad una crociera o un islands hopping, il mio consiglio è di organizzare il viaggio in maniera preventiva così da usare al meglio i pochi giorni a disposizione e non perdere alcuna delle meraviglie delle isole. 

Per ulteriori informazioni riguardo l’avventura in questo arcipelago remoto e unico nel mondo rimando al post Guida al viaggio alle Galapagos in cui racconto le isole Galapagos e le spiego in una lunga guida.
Alle isole Galapagos ho vissuto per molto tempo e le conosco piuttosto bene e ritengo che meritino un post a parte.
Se sei alla ricerca di una crociera alle isole Galapagos clicca qui

Per approfondire consiglio la lettura dei seguenti post – Islands Hopping Vs Crociera ; Guida alle isole Galapagos 

Alternativa alle isole isole Galapagos – L’Amazzonia e Riobamba

Se le Isole Galapagos non sono contemplate in itinerario sarete felici di sapere che l’Ecuador offre delle alternative valide, chiaramente differenti, ma che raccontano altri eco-sistemi del Paese, per esempio l’Amazonia. 
In questo caso consiglio di deviare per la Riserva Cuyabeno, prima di dirigersi a Latacunga, e passare 5 giorni in Amazzonia partendo da Quito passando per Lago Agrio. I prezzi sono abbordabili e si può vivere per qualche giorno nella natura della selva (scopri l’itinerario di 5 giorni in Amazzonia) e poi includere come tappe Alausi , dove si trova il famoso Tren de la Nariz del Diablo e fermarsi un giorno a Riobamba prima di dirigersi a Cuenca. 

sea lion galapagos

Giorni 16-17-18 – Ritorno Guayaquil – Transfer per Montanita o Puerto Lopez

I voli aerei dalle Galapagos al Continente sono sino alle 12,30, in 1 ora si atterra a Guayaquil.
L’aeroporto è vicino alla stazione dei bus quindi dirigersi alla stazione e prendere il primo bus direzione Montanita, il villaggio sul mare dove si fa festa o surf…o tutti e due. Per informazioni su Montanita ho scritto il post Montanita surf, hippies, balene e festa

In alternativa in stagione di avvistamento di Balene se non si è in vena di festa sino alle 6 del mattino si può andare a Puerto Lopez . 

Se non si è andati alle Galapagos consiglio vivamente di visitare la Isla de la Plata, chiamata anche la “Galapagos dei poveri”, abitata dai simpatici blue foot Bobbies ed altri animali che si vedono alle Galapagos. Vale anche la pena una visita al Parco Nazionale la Machalilla dove fare un piacevole hiking. 

Dove dormire a Puerto Lopez & Montanita

Ho passato circa due settimane tra Montanita e Purto Lopez e tra le varie strutture consiglio il  Viejamar Surf Hostel (Puerto Lopez) che offre cabanas basilari ed in bambu e belle aree comuni e l’Azaluna EcoLodge, un eco lodge con una vista fenomenale, semplice e rustico ma con carattere.
A Montanita invece consiglio l’Hotel Kundalini  lontano dal rumore notturno di Montanita una oasi di pace per godersi la spiaggia ed il giardino. 

parco nazionale Machalilla

Giorni 19-20 – Canoa la città costiera alternativa

Questo e il mio villaggio di mare preferito, non è caotico come Montanita e la spiaggia è decisamente più ampia oltre che suggestiva.
Una Montanita meno incasinata e decisamente più tranquilla ideale per chi ama il surf. Popolata durante l’alta stagione con un tono rimastico e malinconico durante quella bassa.

Se il volo da Quito è il giorno dopo la mattina presto o a ora di pranzo prendere il bus notturno delle 21,30 (da prenotare in anticipo) da Bahía de Caráquez ($10) . Il bus arriverà a Quito alle 5/5,30 del mattino, prendere un taxi e dirigersi direttamente in aeroporto.

Dove dormire a Canoa

Canoa è un villaggio molto semplice e piacevole, le strutture sono tipiche della Costa del Pacifico, quindi semplici ma ariose. Consiglio di prenotare presso l’Hotel Rutamar che offre cabanas in bamboo semplici in una struttura piuttosto originale, l’Hotel Balooche ha delle cabanas delizione in bamboo, come dice il nome, e delle belle aree comuni ed infine l’Hostaria Canoa, che ha belle aree comuni con piscina esterna e camere molto spaziose e colorate. 

Canoa ecuador

21 Quito e partenza

Sono passate tre settimane che hanno permesso di scoprire il meglio dell’Ecuador concentrando i luoghi più belli e suggestivi del piccolo Paese tra Colombia e Perù. Ricorda che l’aeroporto di Quito dista circa una ora dal centro quindi calcola bene i tempi per raggiungerlo! 

Voli per l’Ecuador dall’Italia

Ahime a differenza di destinazioni sud americane un attimo più turistiche dell’Ecuador (come Brasile, Argentina e Perù) di last minute ed offerte per l’Ecuador se ne trovano ben poche.

Per conoscere il costo dei voli dall’Italia all’Ecuador cerca questa tratta su Skyscanner.
In linea di massima se il prezzo si aggira tra i €1000 e i €1200 compralo! Ok, il prezzo è giusto! Se lo trovi a meno….non pensarci due volte!

Organizza il viaggio in Ecuador ed alle Galapagos con operatori locali

Affidati ad operatori locali e Travel Designer dedicati per disegnare e realizzare il viaggio in Ecuador ed alle isole Galapagos

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha un commento

  1. Maxmilian Grillo

    Giulia ho fatto conoscere il tuo sito al mio amore, l’altra metà vagabonda e sono sicuro che lo apprezzerà. Soprattutto questo giro delle Galapagos.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.