Viaggio in Colombia – Cosa mettere nello zaino

Viaggio in Colombia – Cosa mettere nello zaino

La Colombia è un paese estremamente vario con differenti microclimi. Escludendo escursioni in alta montagna, però, si può prevedere un clima che va’ da una primavera più meno fresca di notte (vista l’escursione termica) con piogge anche copiose ma non prevedibili e un sole violento e forte, nonché un clima decisamente tropicale sulla costa settentrionale.

Se questa descrizione vi sembra poco precisa, provate a chiedere a un colombiano come funziona il clima nella sua nazione, non saprà essere più preciso di così a sua volta.

Arrivando al dunque, bisogna pur decidere cosa portare. Clima a parte, c’è da prendere in considerazione molti altri aspetti quali, primo tra tutti, la sicurezza. Qui di seguito stilo un elenco di cose che è bene portare e soprattutto non perdere, perché servono e perché laggiù si fa’ fatica a trovarle:

  • Lucchetto. Lo trovate anche là, comunque vi servirà tantissimo, specie se alloggiate in capanne sulla spiaggia o  dormite in amaca, dove troverete box dove depositare cose di valore: si è detto e ripetuto che anche se è facile aprirli rappresenta un modo per disincentivare il furto. E’ una prassi, seguitela.  I lucchetto con combinazione sono più difficili da trovare. Io ho una mia idea sui lucchetti, ovvero se sono utilizzati sugli zaini attirano l’idea che dentro ci sia qualcosa di valore, quindi io se fossi un ladro prenderei tutto lo zaino!
  • Se andate alla Ciudad Perdida, negli LLanos Orientali oppure in Amazzonia, c’è rischio malaria. Che fare? Io vi dico cosa faccio io. Nessun farmaco, ma un repellente antizanzare potente, se possibile con DEET al 50 per cento da spruzzare a partire dalle 17 di sera. Stavolta ho girato varie farmacie e non ce l’avevano, ne ho uno con DEET al 20, ok. Sto assumendo anche pillole di vitamina B1 che allontana le temute zanzare a causa dell’odore. Calzini spessi, pantaloni lunghi ed abiti dai colori tenui fanno il resto. E’ importante che il repellente duri molte ore per coprire la notte, momento in cui agiscono. Se vi trovate senza, comprate NOPIKEX. In ogni caso Dengue e Chikunkuya agiscono, invece, di giorno. Per chi viaggia in Colombia per poco tempo profilassi con bassado, antibiotico ad ampio spettro, potrebbe essere la soluzione da abbinare comunque ai repellenti. A differenza degli altri farmaci non ha effetti collaterali ma ricordo che è pur sempre una profilassi e non annulla del tutto la possibilità di contrazione, quindi non dimenticare gli antizanzare.
  • Protezione solare. Molto difficile trovare creme da 100 ml in Italia, quindi si è costretti a comprarle a destinazione, nessun problema, ma prendetele molto potenti. Mettete prima la crema e poi il repellente: le due sostanze non si neutralizzano e fanno il loro lavoro. In ogni caso occhiali da sole e cappello sono estremamente utili per il sole dei Caraibi colombiani e degli altopiani (sole molto biricchino).

_75658597_colombia_fans_epa

  • Poncho. Può piovere in qualunque momento, non fidatevi dei colombiani, compresa me, che dicono che è sempre bel tempo, la pioggia c’è e un poncho leggere per proteggersi è sempre una buona idea.
  • Asciugamani. Quelli da viaggio in microfibra che si asciugano rapidamente, ecco quelli, rappresentano il simbolo di distinzione tra un sudamericano e uno che viene da fuori. Introvabili.
  • Copertina, cappellino di lana e sciarpa. Anche se non andate in montagna, vi serviranno per i viaggi in autobus, anzi, vi saranno necessari a causa dell’aria condizionata usata a sproposito. Possono inoltre servire durante la notte in posti come Bogotà o altre località in altitudine.
  • Scarpe da trekking. Quelle buone in Colombia costano tanto, quindi non dimenticatene di buone e se possibile impermeabili.
  • Adattatore/trasformatore. E’ quello giapponese e americano, io non ce l’ho e spero di trovarne uno là. Sono sopravvissuta sei mesi senza smartphone, pc e quant’altro. Avevo solo un piccolo cellulare comprato lì e usavo i computer degli ostelli. Molto utile comprare una scheda colombiana perché TUTTI, compresi i taxi, vi daranno il loro contatto tramite cellulare.
  • Non vi posso dire di portare acqua potabile, ma ci sono regioni (es. Guajira) dove non c’è acqua e se c’è non è potabile.
  • Soldi e carte di credito. La questione è spinosa. La delinquenza è molto sviluppata e si deve fare molta attenzione. Dovrei scrivere un articolo a parte sulle varie tecniche utilizzate dai criminali colombiani ma rischierei di stimolare ancora di più la delinquenza…quindi dico solo di non mostrare troppi soldi e di tirare fuori solo quanto serve: tasca e portamonete...c’è chi si porta dietro una carta di credito falsa o un portafogli falso…per quanto riguarda hacker attacchi attenzione particolare a passwords e dispositivi (con password memorizzate e che vi possono rubare), non effettuate operazioni bancarie utilizzando server pubblici o degli internet caffè…sostanzialmente evitate tali operazioni se non state utilizzando un server sicuro.
  • Per il resto…lasciate spazio nello zaino perché possiate riempirlo di borse, scarpe, ponchos e oggetti di artigianato locale, nonché dolcetti, difficilmente trovabili nel resto del mondo..!

Paola

Italo-colombiana, in questo Paese ha passato l'ultimo periodo della sua vita alla ricerca delle sue radici. Una viaggiatrice instancabile che dal Sud America vola in Asia alla velocità della luce ma poi sempre in Colombia torna.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.