Viaggiare e lavorare come freelance

Viaggiare e lavorare come freelance

Viaggiare e lavorare come freelance – I nomadi digitali

Nel post Idee per viaggiare e lavorare senza essere un nomade digitale ho scritto di alcuni lavori alternativi che si possono fare quando si viaggia e che nella maggior parte dei casi sono fattibili da tutti anche da chi con il web ha poca dimistichezza e che vuole reinventarsi in maniera fantasiosa, per lo meno nel breve termine.
Alcuni dei lavori elencati infatti non sono quelli che potremmo definire “lavori per la vita” ma ripagano sufficientemente per potere prendersi qualche mese libero e viaggiare rendendo questo percorso anche remunerativo e magari riuscire ad allungarlo di un pò rispetto quanto preventivato all’inizio.

Questo post invece è invece dedicato a chi vuole viaggiare e riuscire a guadagnarsi non solo il sufficiente per pagare le spese giornaliere  ma un vero e proprio stipendio facendo un lavoro in cui si è già specializzato o ha un minimo di esperienza e per chi vuole intraprendere un percorso diverso no office based, come si direbbe in inglese, ovvero avere la possibilità in tanti uffici che possono essere facilmente ricollocati dove si desidera.

In questo post voglio scrivere dei lavori che in questo ultimo anno sono stati identificati come “nomadi”, ovvero quelli che necessitano alcuni strumenti, nella maggior parte dei casi esperienza o percorsi lavorativi precedenti, che permettono di lavorare in maniera indipendente, da dove si vuole, che in linea di massima si racchiudono nel vario gruppo dei lavori free lance e che solitamente hanno come condizioni necessarie ed imprescindibili: un computer e una connessione wifi.

Lavorare come freelance. Essere un professionista freelance significa vendere te stesso e le tue competenze e l’unico modo che hai per farlo è ottenere dei risultati dimostrabili. Le professioni che si possono svolgere online sono numerose. Sebbene elenchi le principali ciò che mi interessa elencare in questo post sono: risorse online per trovare lavoro come freelance, risorse volte a fornire maggiori informazioni su ogni singola professione ed approfondimenti, altre ancora che spiegano ed aiutano a capire come si può iniziare.

lavorare freelance. Fonte Twago.it
Lavorare come freelance. Fonte Twago.it

Copywriting

Il copywriter non è né un giornalista né uno scrittore letterario, è una figura professionale che sa scrivere un testo avendo come obiettivo il raggiungimento di un target determinato e riuscire ad interessarlo con quello che scrive. E’ quindi un professionista in grado di scrivere un testo che catturi l’attenzione dell’utente e lo faccia nel minor tempo possibile, che coinvolga, stimoli alla comunicazione bidirezionale e offra ai lettori quello che cercano nel web.
Oggi testate giornalistiche, magazines, periodici hanno le loro versioni online, i testi e i contenuti sono profondamente diversi da quelli su carta stampata, chi lavora nel marketing, nel seo e svolge professioni attinenti al web ha bisogno e ricorrere a professionisti di questo tipo.
Non si tratta di scrivere un testo qualsiasi, si tratta di scrivere un testo mirato, interessante e che fornisca le informazioni che gli utenti cercano.
Come si diventa copywriter? Con l’esperienza, scrivendo per noi stessi (blogs), per altri, così da essere in grado di essere in grado di produrre contenuti per altri siti.
Cosa devi tenere sempre in mente?
Quello che scrivi deve essere facili da condividere ed interessante. Chiediti: condividerei sulla mia bacheca questo articolo?

Risorse:

Scrivere per il web e copywriting
www.mysocialweb.it/ – Blog ricco di spunti per webcontent e social media marketing
http://pennablu.it/compendio/ Corso di scrittura per il web, ebook gratuito
Seo Copywriting – Guida gratuita da scaricare sul Seo Copywriting (in inglese)

Trovare lavoro come free lance

writingcareer.com
www.writersweekly.com
www.melascrivi.com – Piattaforma di vendita e creazione contenuti unici. Ci si può iscrivere sia come publisher che come autore.

Professioni legate al webmarketing e la consulenza

Search Engine Optimization, ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca, SEM, consulenze marketing.
Sono in linea di massima professioni che si possono definire piuttosto nuove, alcune non si studiano all’università né si possono realmente apprendere in un corso di 3 giorni.
Per qualsiasi professione di questo tipo serve pratica e soprattutto risultati, perché questo è quello che realmente importa a chi è disposto a pagare per un tuo lavoro.
Non è scopo del post spiegare come si fanno questi lavori, per questo ci sono siti e blogs che possono dare tutte le informazioni necessarie. Tra le risorse che prediligo ecco alcuni links utili.

Guide per principianti

Guida Seo per Principianti a cura di SeoMoz –  Ottima guida Seo per principianti a cura di SeoMoz.org, fonte autorevole nel mondo Seo
Guida a Google Adwords a cura di Google
Certificazione per Google Adwords – Corso ed esami 
Guida al Paid Search a cura di Search Engine Watch
Risorse Seo per principianti a cura si Search Engine Journal

Risorse utili Seo, web marketing, Social Media


Searchenginejournal.com
– News e opinioni sul Seo
Giorgiotave.it – In Italiano e di cui consiglio il forum
www.quicksprout.com – Blog su social media, marketing e content writing
blog.kissmetrics.com -Blog sul marketing 
www.copyblogger.com
– Consigli ed idee per migliorare il tuo blog e strategie marketing
www.socialmediaexaminer.com
– Infomazioni e news sul mondo dei social media
http://marketingland.com –
Aggiornato e con consigli sul mondo del marketing e dei social media
http://thenextweb.com 
– Le migliori storie e post sul mondo tech e

Web designer, sviluppatori

Come per gli altri lavori free lance anche questi implicano conoscenze ed esperienza alle spalle. Che si sia web designer, programmatore o sviluppatore o graphic designer se non si ha un portfolio clienti è difficile trovare clienti.
E’ importante quindi creare un proprio sito che funga da biglietto da visita e creare una lista di lavori fatti nel passato così da potere mostrare al potenziale cliente cosa si è fatto negli anni.
Dove trovare eventuali lavori? Ecco una serie di siti per freelance, la maggior parte sono siti americani che non significa che gli italiani non sono ammessi ma che la lingua da utilizzare è l’inglese.

Risorse lavori freelance come Designer, Programmatori, Sviluppatori

designquote.net
www.freelanceauction.com
www.hitfreelance.com
www.lavoricreativi.it

Traduttore

Parli più lingue e hai esperienza come traduttore?  Se ci si è specializzati in traduzioni o si ha esperienza in questo settore le possibilità sono numerose, soprattutto se si parla un buon inglese.  In questo caso le possibilità aumentano in maniera drastica.
I siti a cui fare riferimento sono numerosi, oltre quelli elencati nel paragrafo Web designer, Sviluppatori consiglio i seguenti, destinati unicamente a servizi di traduzioni online.

Risorse per traduttori freelance

http://ita.proz.com/ – Iscrizione gratuita
www.traduguide.com – Servizio a pagamento
www.translatorstown.com – Servizio a pagamento

Risorse generali per lavori come freelance

Quesi siti sono solo alcuni in cui si possono trovare lavori come freelance o si possono trovare freelancer. A parte Twago e Lavoricreativi gli altri non sono italiani, si comunica prevalentemente in inglese e sono siti in cui nuovi lavori e nuove opportunità vengono pubblicate puntualmente e giornalmente.

www.lavoricreativi.com
www.twago.it
www.Peopleperhour.com
www.Freelancer.com
www.Guru.com
www.Ifreelance.com
www.Freelanced.com
www.vworker.com
www.project4hire.com
www.authenticjobs.com
www.elance.com

Risorse utili sul lavoro come freelance

www.esserefreelance.it – Un sito ben fatto ed interessante sulla vita da freelance e il copywriting
www.mestierediscrivere.com – Il sito in effetti è un pò datato e poco aggiornato ma ci sono degli spunti interessanti
websitetips.com – Sito per tutti coloro che vogliono imparare qualcosa di più sui siti web 
www.twago.it/blog – Il blog di Twago la piattaforma per freelance probabilmente più usata in Italia

Come funzionano i siti per freelance

Il funzionamente è semplice e più o meno lo stesso in tutte le piattaforme. Ci si iscrive e si crea il proprio profilo, si aggiorna con il proprio cv e una volta pronto il tutto si comincia a cercare tra le offerte di lavoro. Si invia la propria candidatura, presentandosi, mostrando lavori fatti in precedenza e si fa la propria richiesta economica. Si è nel mezzo del gioco, infatti come te tanti altri faranno la stessa cosa. Tu devi riuscire a fare la differenza in termini di qualità, affidabilità e prezzo.
Nel caso in cui tu fossi il prescelto a quel punto si dovrà comunicare con chi ti pagherà: che tipo di lavoro vuol o, definire tempi e condizioni. Ovviamente questo sarà fatto anche prima visto che c’è la possibilità di scriversi email così da potere rispondere a tutte le domande che il tuo futuro datore di lavoro a breve termine ha.
A fine lavoro chi ti ha pagato lascerà una recensione, ricorda che una recensione cattiva potrebbe creare problemi anche se ne hai alcune buone.
Insomma è più facile a farsi che a spiegarsi!

Freelance pro e contro

In effetti l’immagine sopra rappresenta abbastanza bene la realtà del freelance, in particolare quella del “What people think I do“(cosa le persone credono che faccia). Non è esattamente così tu su un’amaca sotto il sole con il tuo computer. Non fosse che sotto il sole e in spiaggia il computer è meglio non tenerlo!
A volte si superano di molto le canoniche 8 ore di ufficio, a volte sei in zone di mare ma non metti il naso fuori di casa e fai il bagno ogni 6 giorni. Insomma non è tutto rose e fiori come si vuole dipingere o come la maggior parte delle persone immagina.
Ci sono indubbi pro e altrettanti contro nel lavorare come freelance:

Pro
Gestisci ed organizzi il tuo tempo
Puoi lavorare da dove preferisci e non hai la necessità di andare in ufficio tutti i giorni
Sei l’unica responsabile del tuo lavoro e tu scegli per chi lavorare

Contro
Rischi di perderti tra i troppi lavori
Se non hai lavoro è un problema
Non esistono più né sabato né domenica, a volte è dura pure prendere le vacanze perché la gente crede che tu già viva in vacanza
Dimentica gli orari di ufficio….a volte hai molto tempo altre non ne hai e ti ritrovi dopo 15 ore ancora seduto alla scrivania, e il sole è già calato da un pezzo.

Conclusioni

I lavori da potere fare grazie al web sono numerosi e io ho elencato i principali anche se spulciando tra le varie risorse di cui su si scopre che i professionisti richiesti sono numerosi e nei campi più disparati. Se vuoi provare questa strada il mio consiglio è di fare un giro sui siti che ho indicato su e scoprire in prima persona quali sono le opportunità. Non sarei stupita se si scoprisse che qualcuno cerca una persona con le tue stesse esperienze per qualche lavoro.
Se poi invece di un lavoro come freelance si vuole lavorare in altri Paesi un sito che vale la pena tenere d’occhio è escapethecity.org.

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Migo

    Buongiorno a tutti, lavoro per una piattaforma per startups, entrepreneurs e nomadi digitali chiamata Tasktilldone. Abbiamo appena lanciato la versione web dell’app Tasktilldone (disponibile per Ios e Android) e siamo alla ricerca di freelancer (traduttori, webmaster, online marketing etc.) interessati ad offrire le proprie skills o startup che intendono dare in outsourcing alcuni servizi. Per maggiori informazioni visitare il sito:
    http://bit.ly/1TU0CAl
    Rimango a disposizione per qualsiasi informazione.

  2. Annavagabonda

    Bellissimo post, molto informativo! Io attualmente lavoro come traduttrice freelancer, e nel frattempo giro per il mondo. Ho iniziato a viaggiare e lavorare online a gennaio, quindi non molto tempo fa, e vorrei chiederti una cosa a riguardo: ma lavorando così indipendentemente, come si fa con le tasse? o.0
    So che fin quando si sta sotto ad un certo limite di guadagni non si deve dichiarare nulla, ma se si guadagna di più del limite?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.