Migliori safari in Africa – 8 bellissimi safari da fare in Africa (ed i miei preferiti!)

Parchi Nazionali meravigliosi dove fare un safari in Africa

Safari in lingua swahili significa “lungo viaggio”, una parola che fa già immaginare avventure tra le strade più polverose del mondo alla ricerca degli animali più aggressivi della terra.

I parchi Nazionali e le riserve dove fare safari in Africa sono moltissime. Alcuni Paesi fanno di questa esperienza la propria punta di diamante, come la Tanzania per esempio, in altri invece sono esperienze  che rientrano in viaggi più vari, come per esempio la Namibia ed il Sudafrica
Quello che è certo è che l’Africa offre talmente tanti parchi in cui fare safari che è difficile orientarsi e scegliere quello giusto. 

Quindi, con mezzo continente a disposizione, da dove cominciare? Qual è il miglior parco safari in Africa? È meglio dirigersi verso le infinite pianure del Serengeti in Tanzania oppure lungo i corsi d’acqua dell’Okavango del Botswana?
Ti piace l’idea di rimanere seduto in auto in attesa di vedere gli gnu attraversare il fiume o sei un tipo più attivo che vuole pagaiare accanto ai coccodrilli o camminare nella savana del parco?

La scelta del giusto safari dipende in buona parte dalla fauna selvatica che si vuole avvistare. In questo post menziono gli 8 parchi, e riserve, africani per chi viaggia in Africa la prima volte ed ha come obiettivo vedere i “Big Five” –  leoni, leopardi, bufali, elefanti e rinoceronti – così chiamati perché un tempo erano considerati gli avversari più pericolosi dei cacciatori.

Tutti i parchi menzionati sono abitati da questi predatori, alcuni offrono migliori probabilità di altri ma ogni destinazione ha le sue specialità e, in alcuni casi, i suoi assenti – non ha senso cercare gli springbok nel Serengeti, i coccodrilli nell’Etosha o i ghepardi a Luangwa perchè non li troverai.

La ricchezza e la varietà faunistica in tutte le destinazioni, e la grandiosità della natura africana, non ti deluderà. 

Ho selezionato gli 8 parchi migliori d’Africa in cui fare safari e che ti regaleranno sicuramente l’esperienza di viaggio che stai cercando. A te la scelta finale!

grande migrazione tanzania

Safari in Tanzania – Parco Nazionale Serengeti e Cratere Ngorongoro

Il Parco Nazionale del Serengeti regala probabilmente l’evento faunistico più famoso e spettacolare del pianeta: la Grande Migrazione.
Il Serengeti, con quasi 15.000 kmq, è quasi dieci volte più grande del Maasai Mara in Kenya, le sua vaste ed infinite pianure permettono di vivere dei safari solitamente poco affollati anche durante l’alta stagione.

Il Serengeti ospita la seconda più grande migrazione di mammiferi terrestri del mondo, con quella dei caribù che viaggiano tra le catene montuose nell’Artico, che contribuisce a renderlo una delle sette meraviglie naturali dell’Africa ed una delle dieci meraviglie naturali del mondo.

Il Serengeti è rinomato per la numerosa popolazione di leoni ma anche la presenza di 70 grandi mammiferi e 500 specie di uccelli.

Pare che il nome “Serengeti” derivi dalla parola “seringit” in lingua Maasai, Maa, che significa “pianure infinite”. Non è mai stata trovata una reale corrispondenza con il vocabolario maa, ma di sicuro “pianure infinite” rappresenta bene l’anima di questo parco stupendo.

Un altro luogo che generalmente si visita facendo un safari nel nord della Tanzania è il cratere Ngorongoro, che si trova nell’Area di Conservazione Ngorongoro proprio sulla via per il Serengeti. Per entrare nel Serengeti si deve infatti obbligatoriamente passare anche per Ngorongoro.

Questa caldera vulcanica racchiude 250 km quadrati di pianure, foreste e laghi, e ospita un’icredibile concentrazione di fauna selvatica tra cui leoni, elefanti ed il rarissimo rinoceronte nero.

È un’area molto popolare e durante l’alta stagione potrebbe essere piuttosto trafficato, ma se dovessi scegliere solo un posto in tutto il Continente dove fare safari, questo sarebbe proprio il Cratere Ngorongoro.

Quando andare: Tutto l’anno tranne Aprile e Maggio durante la stagione delle piogge. La migrazione si muove con le stagioni, per poterla vedere i mesi migliori sono da Luglio ad Ottobre (nord del Serengeti) e Febbraio/Marzo (a Ndutu)

Leggi il post – Organizzare un safari in Tanzania  e Tanzania Mese per Mese – Quando andare in Tanzania

Organizza un safari in Tanzania con operatori locali

Se vuoi organizzare un safari su misura in Tanzania con operatori locali contattami su Kipepeo Experience. Dal 2014 collaboro con un operatore di Arusha specializzato in safari nel nord della Tanzania

Safari in Kenya – Maasai Mara

Con i parchi della Tanzania il Maasai Mara in Kenya è probabilmente una delle Riserve più famose d’Africa grazie anche al fatto che la migrazione che arriva dalla Tanzania ogni anno entra anche nel parco kenyota.
La savana, gli alberi di acacia ed i tramonti spettacolari sono gli elementi che rendono il Maasai Mara uno dei miei parchi preferiti in cui fare safari.

Il Masai Mara è l’estensione settentrionale del Serengeti della Tanzania. Ogni anno gli enormi branchi di gnu e di altri animali arrivano nella Riserva – solitamente tra Luglio ed Ottobre – prima di rientrare in Tanzania.

Questo spettacolo incredibile e massivo è una calamita per i predatori, leoni e ghepardi, ma non mancano elefanti, la giraffe ed i rinoceronti neri (rari ma con fortuna potrai vederne qualcuno). 

Il rovescio della medaglia di un safari nel Maasai Mara è dato proprio la sua popolarità, in alta stagione c’è tantissima gente che potrebbe avere un impatto sull’esperienza finale. 
Per un’esperienza più esclusiva, dirigiti verso i campi di lusso dell’ovest.

Quando andare: I mesi migliori vanno da Maggio ad Ottobre

Leggi il post – Organizzare un safari al Maasai Mara in Kenya

maasai mara kenya

Safari al Kruger National Park in Sudafrica

Il Kruger National Park con i suoi 22.000 kmq, molte strade secondarie, che si allontanano da quella asfaltata che per alcuni (anche per me) rovina un po’ l’esperienza del safari, fantastici bush in cui vedere animali ed una varietà di lodge stupendi, è un parco Nazionale che sa soddisfare chiunque sia alla ricerca di un safari di prima categoria. 

Nel Kruger si possono trovare tutti i Big Five – incluse entrambe le specie di rinoceronti – ma anche i ghepardo, i rari licaoni, i grandi erbivori e più di 500 specie di uccelli.

Il Parco è gigantesco ed ospita tantissimi habitat differenti tra loro, dalla savana ai boschi, le colline e le foreste fluviali.
L’abbondanza d’acqua poi aiuta a vedere gli animali tutto e l’anno, e la strada asfaltata tanto odiata da molti, permette di fare un safari anche se piove! 

Un altro pro del Kruger è che è un parco piuttosto economico, a differenza di molti che menziono in questo post, e si presta benissimo a chi si accinge a fare un safari la prima volta.

Quando andare: Tutto l’anno, sconsigliato durante la stagione delle piogge da Novembre a Marzo.

Leggi il post – Organizzare un safari al Parco Nazionale Kruger in Sudafrica

Kruger National Park

Safari all’Etosha National Park in Namibia

Il Parco Nazionale Etosha è il parco safari più grande ed importante della Namibia che ha delle peculiarità tutte sue.
Il terreno aspro e semi-arido e la splendida salina centrale, l’Etosha Pan, il safari in questo parco è davvero differente da quello che puoi fare altrove. Non ci sono fiumi quindi mancano gli ippopotami ed dei coccodrilli.

Una delle caratteristiche dell’Etosha è che il safari solitamente si fa seguendo un percorso lungo le pozze d’acqua che sono posti in cui si possono fare tantissimi avvistamenti, in particolare durante la stagione secca (da Maggio a Novembre).

Ogni lodge e campeggio ha una pozza d’acqua che la notte viene illuminata dando la possibilità a chi dorme dentro il parco di poter vedere gli animali andare a bere senza lasciare il proprio hotel. 
Durante la stagione delle piogge il parco si popola di fenicotteri.

Quando andare: I mesi migliori vanno da Giugno a Novembre

Leggi il post – Organizzare un safari al Parco Nazionale Etosha

Parco Nazionale Etosha

Safari al Murchison Falls Park in Uganda

Murchison Falls è il più grande parco dell’Uganda ed offre uno scenario mozzafiato di colline punteggiate di palme, paludi, boschi e foreste fluviali, la cascata più bella dell’Africa orientale. 
La varia fauna selvatica sulla terraferma e nelle acque del Nilo, che brulica di ippopotami e coccodrilli, contribuisce a rendere questo parco davvero speciale. 
Il parco ospita grandi branchi di bufali ed elefanti, una buona concentrazione di leoni, leopardi e diverse specie di antilopi. 
Murchison Falls è anche uno dei pochi posti in Uganda dove si possono vedere le giraffe, e sulle pianure si può avvistare la rara scimmia patas che vive a terra.
Gli amanti del birdwatching qui trovano pane per i loro denti, inclusa il rarissimo becco a scarpa.

Il Murchison Falls National Park fa parte dell’area di conservazione delle cascate di Murchison, che comprende le riserve di Bugungu e Karuma e la foresta di Kaniyo Pabidi, dove si può fare trekking con gli scimpanzé.

Leggi il post – Cosa vedere in Uganda e Come organizzare il Gorilla tracking in Uganda

murchison falls uganda

Okavango Delta in Botswana e Parco Nazionale Chobe

Il Botswana è una terra arida eppure, paradossalmente, alcuni dei suoi migliori safari si fanno sull’acqua. All’arrivo della stagione secca la fauna selvatica affolla il lungo fiume nell’estremo nord del Parco Nazionale Chobe, dove si possono fare dei bellissimi safari in barca passando a fianco di elefanti e bufali.

Più a sud si trova la Riserva Moremi che protegge i margini orientali del delta dell’Okavango, dove i corsi d’acqua stagionali attirano tantissimi animali. In questa zona sono molto popolari i giri in mokoro, le canoe del Botswana, tra i lunghi e stretti canali popolati da animali.

Moremi è rinomata per le sue specie più rare, tra cui il licaone, ed è uno degli pochi posti in Botswana dove è possibile avvistare sia il rinoceronte bianco che quello nero.
Conosciuta come la “Terra dell’abbondanza”, nella regione è consigliato visitare la lingua Moremi, sul lato orientale della riserva di caccia, accessibile con il fuoristrada, Chief’s Island, l’isola più grande del delta dell’Okavango, accessibile con il mokoro.

Quando andare: I mesi migliori vanno da Giugno ad Ottobre

Chobe National Park

Zambia South Luangwa National Park

Lo Zambia ha recentemente riacquistato il suo status di destinazione dei Big Five safari, da quando il rinoceronte nero è stato reintrodotto nel Parco Nazionale di Luangwa Nord. 

Luangwa National Park è il parco più importante dello Zambia ed è generalmente considerato una destinazione safari per gli intenditori.
Verso la fine della stagione secca gli animali si concentrano in gran numero intorno al fiume che si sta restringendo e alle sue lagune. Ad eccezione dei ghepardi aspettati di vedere in questo parco quasi tutti gli animali della savana. 

I game drive notturni permettono di seguire i grandi felini a caccia – questo parco è eccellente per vedere i leopardi – mentre i walking safari permettono di fare esperienza della fauna africana da un punto di vista differente e molto emozionante. Qui si fanno i migliori walking safari del Continente. 

Il South Luangwa National Parl è una meta impegnativa per il viaggiatore indipendente e con piccoli budget, viaggiare in questo parco è infatti piuttosto dispendioso, ma il safari che si farà è davvero uno dei migliori.

Quando andare: I mesi migliori vanno da Giugno ad Ottobre 

leopardo Luangwa National Park

Safari in Zimbabwe – Mana Pool

Mana Pools National Park è considerato sia il miglior parco dello Zimbabwe che una delle più belle zone selvagge dell’Africa in cui fare safari a superbi. 

Situato nel punto più settentrionale dello Zimbabwe, al confine con lo Zambia, Mana Pools è caratterizzato da natura selvaggia sul fiume Zambesi, piscine, pianure alluvionali, baobab e foreste che non si riempiono mai di turisti.
Il parco è famoso per le sue enormi mandrie di elefanti ed è noto per i grandi avvistamenti di leoni e leopardi, oltre ad essere uno dei posti migliori in Africa per trovare i licaone.
Tra gli assenti ci sono rinoceronti, gnu e giraffe. Questa è la migliore destinazione africana per fare escursioni in canoa.

Quando andare: I mesi migliori vanno da Maggio ad Ottobre. Durante la stagione delle piogge – da Novembre ad Aprile – molti lodge chiudono 

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America viaggio ininterrottamente dal 2011 e lavoro esclusivamente online. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America ma anche di SEO e SEO Copywriting

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.