Pericoli di viaggio in Sud America

  • Post author:
  • Post comments:4 commenti
  • Post last modified:Aprile 22, 2020
Pericoli di viaggio in Sud America
Io in posa plastica al Salar Grande

Quali sono i pericoli di viaggio in Sud America? E’ sicuro viaggiare da soli?

L’unico vero pericolo di viaggio in Sud America è di non aveva abbastanza tempo per potere fare tutto quello che su carta, e da casa, si credeva si potesse portare a compimento!

Tutto il resto è “para”noia, tanto per fare una citazione semi d’autore. Il titolo del post è ingannevole lo so.

Ho scritto dei pericoli di viaggio in più occasioni e in questo post non intendo ripetermi per un semplice motivo: il Sud America come il Centro America, come tutto il mondo può essere pericoloso solo se ci si mette nelle condizioni di pericolo più o meno volontariamente.

Sono qui ormai da Aprile 2012 e non solo non mi è successo mai niente ma non ho neanche mai avuto la sensazione di potere essere realmente in pericolo, ho passato frontiere alla notte, così come prevalentemente viaggio quando il sole cala per arrivare a destinazione nelle prime ore del mattino, così da non perdere giornate di viaggio.

La verità è che del Sud America si hanno percezioni errate soprattutto quando si ricollegano i suo Paesi a realtà fatte di droga e guerriglie.
Metti quindi racconti di stragi alle frontiere o in aree confinate, metti che si sente ai TG o si legge sui giornali di morti ammazzati, sangue e stragi alle frontiere o nei quartieri più poveri delle grandi città, la verità è che, a meno che ci si trova nei sobborghi off limits delle grandi città, dove mi piacerebbe capire perché si vuole andare, le possibilità di incorrere in queste scene sono più che rare.
Basta poco infatti per rendersi conto che questi eventi accadono in zone periferiche o tra narcotrafficanti per capire che noi difficilmente potremmo rimanere implicati in sparatorie o stragi sanguinarie.

Il problema principale che affligge l’America Latina è effettivamente legato al commercio di droga, in particolare la cocaina i cui Paesi produttori per eccellenza sono Bolivia e Perù, non solo la Colombia come tutti possono immaginarsi.
La produzione di questa droga quindi ha l’epicentro nei due Paesi in cui si produce la maggiore quantità di foglie di coca e c’è chi per lavoro fa il “cocalero”, Evo Morales presidente della Bolivia era uno di questi, una volta pronta si trasporta sino alla Colombia da dove viene esportata immagino sino al Nord America via San Blas (ma queste sono mie supposizioni…più o meno fondate).

Come ho scritto in più occasioni, il Latino America non è il Sud Est Asiatico dove effettivamente si viaggia più rilassati e i rischi diminuiscono considerevolmente. 

Pero prendendo i soliti accorgimenti dettati prevalentemente dal buon senso anche nei paesi latino americani si può viaggiare senza avere paure e paranoie che non fanno godere del viaggio ma mettono ansie inutili e poco profittevoli.
Non sono ancora stata in Brasile, e ammetto che di tutti i Paesi del continente è quello che in termini di sicurezza mi mette più in allarme, ma sino ad ora non c’è stato un solo momento in cui ho pensato di potermi mettere in pericolo, neanche quando ho camminato la notte a Quito o a Lima, purchè non si vada oltre i confini delimitati ed in cui flotte di polizia controllano che tutto proceda per il verso giusto.
Vuoi andare in Sud America ma hai paura? Sbagliato! Basta poco per vivere questo viaggio in totale tranquillità…una volta per tutte. Il rischio è quello di non volere più tornare!

bolivia

Viaggiare in totale sicurezza in Sud America?

Alcuni consigli per viaggiare in sicurezza in Latino America. Semplici ed efficaci!

Non camminare da soli per le strade la notte

Questo è il consiglio numero uno, che ho ripetuto tante volte.
Non dico che bisogna chiudersi in casa non appena la notte arriva ma se si esce al ritorno è sempre meglio prendere un taxi. In genere sono economici e non vale la pena mettersi in pericolo per non spendere $1 di trasporto.

Esci con locali

Il modo migliore per godere di un Paese e divertirsi e conoscerlo in sicurezza è uscire con gente locale.
Loro sanno meglio di te cosa fare, dove andare, come. I sud Americani sono gentili e disponibili, se si parla spagnolo le cose sono facilitate ancora di più ma non sono stati rari i casi in cui ho visto comunicare pur senza parlare una stessa lingua. Nessuno stupore quindi se si viene invitati ad uscire o a scoprire la città, una full immersion che garantisce profondo conoscimento e più sicurezza.

 

Evita di andare alla scoperta dei quartieri malfamati

Onestamente non ho mai capito cosa ci sia di bello o divertente nell’andare a fare tours nelle favelas o nei quartieri malfamati.
A Rio de Janeiro so che si organizzano queste escursioni (a cui non prenderò parte) ma tutte le grandi città Sud Americane hanno dei quartieri off limits dove neanche i locali, a volte neanche la polizia vogliono andare. Perché mai dovresti andarci tu? Se decidi di farlo assicurati di affidarti ad un operatore etico e responsabile e non andare solo.

Attenzione alla droga

La droga non dovrebbe essere comprata comunque né qui, né in Europa né in altro posto del mondo ma soprattutto in Latino America devo ammettere che è dovunque in maniere più o meno palese, non è difficile trovarla ma attenzione non siamo ad Amsterdam.

Che si voglia fumare marjuana, o comprare cocaina i rischi sono due: incappare tra le grinfie di venditori che oltre i soldi per l’acquisto prenda il resto che si ha nel portafogli o che si venga arrestati….e credo che nessuno voglia davvero permanere in cella.

Vesti in maniera poco appariscente e non attirare troppo l’attenzione

Non dico che bisogna vestirsi come straccioni ma ostentare troppo è controproducente.

Gioielli ed oggetti costosi fanno identificare la persona come target perfetto per un furto.
Se si ha una macchina fotografica costosa va bene uscire di giorno per fare il proprio servizio fotografico ma non è necessario portarla con se anche alla notte quando si va al pub o alla discoteca. A
ttenzione anche a smarphones in tasca a la notte quando si va a ballare. Non sono pochi i casi in cui delle veloci mani si infilano nelle tasche e saccheggiano quello che c’è da saccheggiare.

Il Sud America è pericoloso?

La risposta è ovviamente dipende. Non possiamo far finta che non ci siano crimini di strada soprattutto nelle grandi città ma se si sta attenti non si incorre in nessun pericolo. 
Il buon senso dirà cosa fare, l’istinto è fondamentale. Viaggiare con paura non aiuta se non a perdere tempo e rischia solo di creare muri interpersonali con popolazioni socievoli e divertenti che sono sempre più disponibili ad aiutare che a derubare

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 4 commenti.

  1. Lorenzo Cesaro

    Ciao Gianfranco, sei fortunato ho una persona che conosce bene l’Uganda, essendoci già stato parecchie volte, si chiama Erik ti lascio la sua e-mail: [email protected] presentati pure a mio nome.
    oaiC oaiC
    Lorenzo

  2. Lorenzo Cesaro

    Non sono mai stato in Uganda…faccio un giro sulle mie conoscenze, se trovo qualcuno che c’è stato ti metto in contatto 🙂
    oiaC oaiC
    Lorenzo

  3. Lorenzo Cesaro

    Ciao carissima Giulia,
    Sono d’accordo con te su questo articolo al 100%, effettivamente il latino america non è il sud-est aisatico como tranquillità e sicurezza, però basta seguire I consigli che hai scritto e non si avranno problemi, aggiungerei come consiglio quello di farsi vedere sempre sicuri di se stessi…mai farsi vedere perduti o con problemi di orientamento…se una persona si sente in queste condizioni deve solo andare in un chiosco o bar prendersi qualcosa the bere con tranquillità e chiedere informazioni li 🙂 il tuo intuito è giusto..la droga passa attraverso San Blas con le barche dalla Colombia e con gli aerei piccoli in Honduras a Bluefilds questo tuttti lo sanno 🙂
    Purtroppo sia in Brasile che in Venezuela bisogna essere un pò più attenti perchè il tasso di violenza è più alta e l’errore si pùo pagare a caro prezzo.
    Sono tornato anch’io dal mio viaggetto in Turchia..una bella esperienza e molte cose interessanti the vedere…abbiamo ancora quell’argomento pendente se ti ricordi 🙂
    Inoltre volevo passarti questo link…penso che una persona che ha fatto un’esperienza come la tua potesse davvero essere presente qui: http://www.immagimondo.it.
    oaiC oaiC
    Lorenzo

  4. Andrea Pantaleo

    ciao Giulia,
    tutto quello che hai detto è il minimo che una persona di buon senso deve fare.
    sono 10 anni che vado in sud america e come dici tu l’unico pericolo è quello di non fare tutto quello che si potrebbe.
    sicuramente mi sento di confermare assolutamente di andare e stare con I locali, anche perché diventa tutto ancora più bello.
    dopodiché se lo scopo del nostro viaggio è orientato verso altri “fini” allora quasi quasi ci godo quando sento parlare di avventure finite male.
    ti cito un altro detto brasiliano: “por favor, desculpa, obrigado, abrem todas as portas.”
    buon viaggio a tutti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.