Perchè vivere a Londra....anche se non sarà per sempre

Michela ormai una downshifter D.O.C, dopo aver lasciato il lavoro presso Google con sede a Milano, avere viaggiato per un anno, aver vissuto in Australia, in quel frangente l'ho incontrata alle Fiji, tornata in Europa non ha avuto dubbi. Voleva vivere a Londra. Detto, fatto. Da questa esperienza ha dato vita al sito VadoALondra. Il […]
Post pubblicato il: 21 Giugno 2019
Scritto da: Giulia Raciti

Michela ormai una downshifter D.O.C, dopo aver lasciato il lavoro presso Google con sede a Milano, avere viaggiato per un anno, aver vissuto in Australia, in quel frangente l'ho incontrata alle Fiji, tornata in Europa non ha avuto dubbi. Voleva vivere a Londra.
Detto, fatto.
Da questa esperienza ha dato vita al sito VadoALondra. Il tempo passa e il suo amore per questa città ogni giorno cresce. Lei si destreggia tra più lavori cercando l'equilibrio che una città cosmopolita non sempre regala, trovandolo tra l'altro, e scrivendo un ebook, raggiungibile tramite questo link, utile per tutti coloro che hanno intenzione di trasferirsi a Londra e scoprire questa enorme e controversa capitale.

*************************************************************

Ci ho messo un po’ a capirlo perché all’inizio di Londra ti colpiscono altre cose. Ti colpisce la quantità di gente sempre in giro a qualunque ora del giorno e della notte, ti colpisce l’infinita disponibilità e varietà di posti per mangiare, i bus a due piani che riempiono le strade, i grattacieli della city che sbucano tra le nuvole, la gente vestita nei modi più strani.

Ma poi, man mano che passano i mesi e la città fa meno paura e diventa più familiare, mi sono resa conto che Londra è bellissima. Intendo esteticamente bella. C’è una cura speciale che pervade questa città, l’amore per il bello, per l’eleganza, per i dettagli che trasudano dal biancore delle case di Chelsea, dai giardini di Kensington, dai palazzi di Mayfaire e dai negozi di New Bond. Passeggiare per Londra è un’esperienza estetica che regala sempre emozioni. Come attraversare la City camminando tra i nuovi spettacolari grattacieli che fanno a gara a chi azzarda e stupisce di più. O prendere un te nell’Orangery di Kensington Gardens o bere una birra al tramonto sulla terrazza del Barbican.

E poi, a parte i posti del centro e quelli famosi, Londra è ricca di piccoli angoli conosciuti da pochi, spesso nemmeno dagli stessi londinesi. Primrose Hill e Chalcot Square con le sue case colorate accostate con una scelta cromatica perfettamente armoniosa attorno ad un giardino verdissimo con ciliegi in fiore. La piazza di Broadgate Square, dietro a Liverpool Station, in cui giace una splendida ed enorme statua della Venere di Botero, i canali tranquilli di Wapping e quelli accesi dalle feste e dai locali di Hackney.

Broadgate Square

Broadgate Square - La Venere di Botero

Londra non è una da mordi e fuggi. Londra è enorme, è un insieme di tanti villaggi ognuno con una sua anima e un suo carattere. E’ estrema nella sua diversità ma accogliente e rassicurante quando impari a conoscerla. A Londra c’è posto per tutti, se ti fai coinvolgere, se la affronti ad occhi aperti e col sorriso, se provi a conquistarla scoprendola palmo per palmo, saltando sui bus e giù nella metro, inseguendo i cervi nel parco di Richmond o bevendo un caffè lentamente, in un giorno di pioggia, in un bar di Brick Lane.

La mia Londra è così. E’ stata così. Un centrifugato di emozioni e di sorprese. Un amore corrisposto, ma sempre in bilico. Un amore forte e passionale, ma con radici corte, pronte a spezzarsi e a portarti lontano quando l’incantesimo finisce.

Sapevo fin dal mio arrivo che questa non sarebbe stata la mia città, sapevo che non sarebbe durata perché non era quello che cercavo. Eppure ne sono stata affascinata e catturata talmente tanto che ho finito per amarla ogni giorno di più. Finchè mi sono accorta che il tempo passava e facevo sempre più parte di lei e sempre meno di me. Invece che trovare un posto a mia misura, mi ero fatta plasmare da lei, intrappolare e sedurre dalle sue note dolci come il canto di una Sirena.

Perché il vero pericolo con Londra, non è non amarla, ma amarla troppo.
[grwebform url="http://app.getresponse.com/view_webform.js?wid=3632202&u=B3SX" css="on"/]

Categorie ,

Disclaimer: In questo post, alcuni dei link forniti sono link di affiliazione, il che significa che posso guadagnare una commissione se si effettua un acquisto attraverso questi collegamenti. Tuttavia, ciò non comporta nessun costo aggiuntivo per te. Le commissioni che ricevo attraverso questi link di affiliazione aiutano a finanziare e supportare il mio blog, mantenendo così la sua indipendenza e la mancanza di sponsorizzazioni. Mi sforzo sempre di fornirti le migliori informazioni e consigli possibili, basati sulla mia esperienza e ricerca personale. Mi preme sottolineare che il tuo sostegno è fondamentale per mantenere vivo questo blog e continuare a fornirti contenuti di qualità. Grazie per il tuo supporto!

Scritto da Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio dal 2011. Attualmente a bordo di un van. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Scrivo delle destinazioni che visito. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America sul sito dedicato Kipepeo Experience.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Alcune immagini pubblicate sono state tratte da Internet, nel caso in cui, il loro utilizzo, violasse diritti d’autore, mandateci una mail a [email protected] e verranno immediatamente rimosse.

Copyright © 2011-2023
Viaggiare Low Cost - Di proprietà di Giulia Raciti - P. IVA 03630400830
crosschevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram