Dove dormire a La Habana – Casa particular Toni e Jolanda

la habana cuba Cuba è un Paese diverso sotto tutti i punti di vista, la teoria del comunismo marxista qui è stata messa in atto e onestamente a me sembra funzionare.
Certo non può durare ma a Cuba ho pensato che in una società perfetta, elemento che le teorie economiche considerano sempre come dato di fatto per creare la regola, il comunismo è una gran bella idea.
Ma a parte il discorso politico/storico di cui ho miei personali opinioni che chi si intende di economia potrebbe smontare in poco tempo la parola Cuba richiama anche altre cose alla mente.
Mare, salsa, noci di cocco, città coloniali, rum e sigari.
Viaggiare a Cuba significa avere la splendida opportunità di potere vivere con i cubani, a casa loro, conoscerli e scoprire una cultura così profondamente interessante e che fa pensare, vivere con i cubani in maniera legale è alloggiare presso le case particulares.
Una casa particular è una casa autorizzata dallo stato ad accogliere turisti, su queste ovviamente lo stato prende molti soldi infatti avere una casa particular a Cuba è un rischio per un locale, potrebbe diventare un business troppo grosso a cui non si riesce a fare fronte con le spese.
Per chi infatti non lo sapesse a Cuba gli stipendi non superano i $50, un dottore o un ingegnere guadagna tanto, e avere una casa particular significa pagare allo stato $200 al mese a prescindere che si sia affittato o meno e versare il 75% di quanto guadagnato in tasse. La vita è dura a Cuba e non tutti riescono a mantenere la propria casa particular, a volte non ci sono abbastanza turisti per coprire i costi e così è necessario chiudere.
Per questo motivo voglio parlare della famiglia che mi ha ospitata durante la mia lunge permanenza a La Habana e che consiglio a tutti coloro che si recano a Cuba.
Toni e Iolanda hanno un appartamento vicino l’Università di La Habana, a 40 minuti camminando da Habana Vieja e a 5 dal Malcon, il lungo mare famoso che tutti avranno almeno vista una volta in un video, un documentario o una cartolina.
In famiglia oltre la coppia ci sono anche il piccolo e simpatico ciciottello Tonino e l’appassionato di baseball Armando.  Una famiglia molto colorata!
La famiglia si prenderà cura di voi e non vi farà mancare mai nulla, vi porteranno in giro per la città vi faranno vedere come Cuba funziona, con Jolanda io andavo al mercato a comprare quello che avremmo, perché le chiedevo se potevo assistere in cucina, quello che avremmo cucinato, con Toni invece andavo a comprare le pizzette cubane che venivano vendute da un quinto piano di un palazzo diroccato e venivano mandate sulla strada su un paniere dove in cambio si mettevano i soldi. Le ordinazioni erano facile da fare: si urlava la pizzetta che si voleva: con queso, con hamon ecc.
A volte andavo anche a prendere il piccolo Tonino a scuola.

viaggio a cuba
Io e Gaia sul camion di Toni

Sono stata, anzi siamo visto che per i primi giorni c’era anche mia sorella, trattate da figlie, anche quando sia io che mia sorella siamo state male.
Iolanda tra l’altro cucina benissimo e farà andare a letto con lo stomaco pieno.
Aragosta, maiale, pollo, yuca questo fantastico tubero che chiedevo a Iolanda di cucinare sempre, frutta.
La sera mangiavo così tanto che dopo un’ora dormivo beatamente.
La camera che affittano è una  piccola camera con letto matrimoniale, due comodini e spazio alcuni bagagli anche se questi si possono mettere nel grande armadio.
Il bagno in comune con la famiglia, ricordo di non gettare carta igienica nella tazza ma di farlo nel cestino, le camere da letto stanno al piano superiore, al primo piano invece c’è la cucina e zona lavanderia e un salottino dove in genere si guarda sempre il Baseball sport nazionale e seguito da grandi e piccini.
La casa si trova in un condominio, è un appartamento modesto, una casa tipica della capitale, posizionata in una zona ottima della città soprattutto sicura anche per tornare a casa da soli la notte (io l’ho fatto alle 3 e 4 del mattino).
Ma a parte questo la cosa più importante è che questa famiglia vi farà sentire parte della Cuba vera.

mohito l'havana
Il Mohito che siamo andati a bere con Toni e Iolanda

Il costo per camera per notte è 30-35CUC inclusa colazione e cena abbondante per le due persone.
Se si sta per lunghi periodi si può negoziare ma fatelo prima di riservare, mettete le cose in chiaro e lo dico per entrambe le parti.
Una cosa molto importante e a cui tengo è la seguente: non c’è alcun interesse da parte mia nel mandarvi da Toni e Jolanda se non che sono persone splendide e speciali ma se prenotate andate e non calate i soliti bidoni. Queste persone hanno bisogno di lavorare e una prenotazione non andata in porto e per la quale magari ha rifiutato altri potenziali clienti potrebbero essere un grave danno.
Per chi invece volesse passare qualche giorno con una famiglia cubana meravigliosa questi sono i dettagli:

Casa particular Toni y Yolanda
Calle Mazon 15 (appartamento 26A), Entre Neptuno y San Miguel, La Habana
Tel casa: +5378735522
cell Toni: +53535468888

Non hanno email né internet (nessuno ce l’ha) quindi bisogna chiamare magari se chiamate con skype  i costi saranno decisamente bassi, inoltre loro parlano solo spagnolo quindi se non parlate la lingua potete riferire a me che chiamerò io da parte vostra.

Purtroppo non ho foto della casa né della famiglia perché il vecchio hard disk mi ha giocato un brutto scherzo.

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Gianfranco

    Anch’io chiedo di poter contattare Toni o Yolanda per la loro disponibilità. Nel frattempo hanno anche una email ?
    Grazie
    Ciao Gianfranco

  2. Tiziana

    È possibile contattare Tony y Yolanda per sapere se hanno due camere per 2notti, check in 27 dicembre e checkout 29
    Grazie! Tiziana

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.