NORD AMERICA

Cosa vedere in California – 12 destinazioni stupende da non perdere + Due itinerari di 10 e 15 giorni

Gennaio 2, 2021
Modificato il Giugno 15, 2021
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

Posti da vedere in California, The Golden State

Non basta un unico viaggio, a meno che non sia di sei mesi, per coprire gli Stati Uniti per intero
Giganteschi e diversi, ogni ritorno racconta aspetti del Paese che raramente hanno qualcosa in comune con il già visto.

La California è lo Stato più popoloso degli Stati Uniti ed il terzo più grande, una lingua di terra che si estende lungo l’Oceano Pacifico chiusa tra deserti e Montagne che si innevano in inverno, incredibilmente diversa, piena di parchi nazionali bellissimi, strade panoramiche tra le più popolari degli Stati Uniti e metropoli vivaci ed intriganti. 

Con una costa lunga più di 1300km, la California ospita la Pacific Coast Highway (Highway 1) – che si estende dal nord al sud dello Stato – considerata una delle strade più belle del mondo e la più popolare tra i road-trippers. 

Quando ho deciso di scrivere un post su cosa vedere in California mi sono scontrata con il numero di luoghi bellissimi che superano di gran lunga i 10 che mi ero prefissata di coprire. Dovendo quindi fare delle rinunce ho scelto i posti che ti consiglio di visitare in California per godere al meglio dei suoi incredibili parchi nazionali, delle sue metropoli e della sua costa davvero da non perdere sono riuscita a scegliere i miei 12 preferiti (ma ce ne sarebbero davvero molti di più!). 

Puoi visitare questi posti se hai 2 settimane a disposizione, se vuoi includere anche Las Vegas ed il Grand Canyon ti consiglio di considerare almeno 3 settimane.

Se hai scelto questo Stato come destinazione di viaggio ma non sai da dove cominciare e vuoi scoprire cosa vedere in California, quali sono i parchi e le città da non perdere, questo post fa per te! 

Se stai pianificando un viaggio negli Stati Uniti leggi i post:

Consigli pratici di viaggio – Viaggiare organizzati

Alcune semplici raccomandazioni per organizzare al meglio il tuo viaggio negli Stati Uniti.

  • Noleggio auto con one way fee – Come sempre consiglio di noleggiare la macchina su Rentalcars, che compara i prezzi di tanti autonoleggi ed ha sempre offerte eccellenti. Nel caso in cui ritiri la macchina in una città e la lasci in un’altra dovrai pagare un extra
  • America The Beautiful Pass – Se hai in mente di visitare molti parchi Nazionali acquista il pass America the Beautiful che permette l’ingresso a tutti i parchi nazionali degli Stati uniti ( Euro 80 e valida per un anno)
  • Prezzi della benzina – I costi della benzina negli Stati Uniti fluttuano molto e per trovare i costi migliori consiglio di scaricare la app GasBuddy
  • Biglietti scontati in ingresso ai Parchi tematici della California (Disneyland San Diego, Sea World, Legoland e Safari Park) con la carta SoCal e Tiqets per il Warner Bross Studios
  • Per risparmiare nelle città acquista il Go Pass (Go Pass San Francisco ed il Go Pass Los Angeles) che offrono fino al 60% di sconti sul costo totale dei biglietti singoli
california costa

Cosa vedere in California in 15 e 10 giorni

Negli Stati Uniti si guida tantissimo, questo vale anche per la California, terzo stato per grandezza nel Paese ed anche il più popoloso, tanto che se si hanno pochi giorni è bene prepararsi ad alzarsi molto presto la mattina e rientrare la sera, che il tempo stringe e le cose da fare e vedere sono tantissime.

Non tutti i luoghi menzionati su forse rientreranno nell’itinerario, ma per aiutarti a pianificare ho pensato a qualche idea che spero possa esserti utile.
Chiaramente puoi modificarlo come preferisci, ma, soprattutto se hai poco tempo, considera magari di atterrare su una città ed andar via da un’altra. 

Se stai pianificando un viaggio tra i parchi dell’Ovest degli Stati Uniti leggi l’itinerario di viaggio Parchi Ovest e Route 66

Cosa vedere in California in 15 giorni – Da/a San Francisco (con Las Vegas)

Questo è un itinerario breve che ti porterà da San Diego a San Francisco, il minimo dei giorni che ti consiglio sono 15 ma se hai due giorni in più puoi dedicare più tempo ad alcune destinazioni o includere il Grand Canyon che puoi raggiungere da Las Vegas che dista circa 2 ore dal West Rim e 4 dal South Rim.

  1. San Francisco – Arrivo e prima passeggiata in città
  2. San Francisco – Visita di San Francisco – Leggi Cosa vedere a San Francisco
  3. Baia di San Francisco e tour all’Isola di Alcatraz
  4. Yosemite National Park guidando lungo il Tioga Pass ed attività alla Yosemite Valley
  5. Sequoia National Park
  6. Death Valley – Leggi Come visitare la Death Valley
  7. Las Vegas – Leggi Cosa vedere a Las Vegas in due giorni
  8. Las Vegas
  9. Mojave Desert – Twentynine Palms
  10. Joshua Tree – Palm Springs
  11. Los Angeles – Leggi Cosa vedere a Los Angeles in tre giorni
  12. Los Angeles
  13. San Louis Obispo – Big Sur – Carmel-by-the-sea
  14. Monterey per avvistamento balene
  15. San Francisco

Cosa vedere in California in 10 giorni – Da San Francisco a Los Angeles (o viceversa)

Questo è un grande Classico in California, un road trip che comincia a San Francisco e termina a Los Angeles (o viceversa) e si concentra sulla costa e le metropoli con una incursione nel Parco Nazionale Yosemite.

  1. San Francisco – Leggi Cosa vedere a San Francisco
  2. San Francisco
  3. Sausalito – Napa Valley
  4. Yosemite National Park
  5. Monterey
  6. Escursione a Carmel o escursione avvistamento delle balene
  7. Big Sur – San Simeon – San Luis Obisbo – Solvang
  8. Santa Barbara – Los Angeles 
  9. Los Angeles – Leggi Cosa vedere a Los Angeles in tre giorni
  10. Los Angeles

Tour della California per chi non ha una macchina

Come ti renderai conto proseguendo con la lettura per viaggiare in California è necessaria un’auto. Se non te la senti di guidare, perchè per esempio viaggi solo o semplicemente perchè preferisci compagnia, puoi valutare la possibilità di partecipare a dei tour della California.

Ho selezionato per te alcuni tour della California molto validi e ad ottimi prezzi (considerando che la California è carissima!):

  • California National Parks– Tour di 5 giorni con partenza da San Francisco (Monterey, Yosemite, Tahoe e Savor California wine valley)
  • San Francisco to Vegas (Pachi, Valli e deserti) – Tour di 9 giorni che comincia a San Francisco e termina a Las Vegas che include Lago Tahoe, Yosemite, Death Valley e Vegas
  • Natural Highlights of California – Un tour di 9 giorni firmato National Geographic che parte da San Francisco e termina a las Vegas e che include la Death Valley, Yosemite National Park, Sequoia, Kings Canyon e San Francisco
  • California Classic – Tour di 10 giorni da San Francisco a Los Angeles che include Yosemite, Big Sur e Los Angeles
Big Sur California

Cosa vedere in California – 12 Bellissime destinazioni da non perdere

Gli Stati Uniti nella loro grandezza rende a volte difficile la pianificazione. Le cose da vedere ed i luoghi da visitare sono davvero tantissimi. Ho quindi deciso di menzionare i luoghi che secondo me non dovete perdere viaggiando in California con alcuni consigli pratici frutto di 6 mesi di viaggio nel Paese.

Luoghi da non perdere in California in una mappa – L’ordine delle destinazioni è in senso orario con partenza da San Francisco

San Francisco – The City by the Bay

San Francisco è la mia città preferita negli Stati Uniti. Città hippy, libera e piuttosto rilassata, anche se cuore della Silicon Valley con San Josè (dove i più nerd possono fare il giro dei garage dove sono nate alcune delle aziende tecnologiche più importanti del mondo, qui li trovi tutti), si trova in una posizione fenomenale sulla  baia di San Francisco, la città viene anche chiamata la City by the Bay, ha un solo grande difetto: il clima.

A parte questo piccolo neo, la città sa come tenere impegnati anche per una settimana. In genere si dedicano tra i 2 ed i tre giorni, visitando il mitico Pier 39, dove vivono colonie di foche, il Golden Gate ed il Golden Gate Park in cui si trovano i bellissimi De Young Museum ed l’Academy of Science.
Se hai intenzione di visitare i musei ed altre attrazioni a pagamento considera il Go San Francisco Pass che include l’ingresso a tantissimi posti.
Da non perdere alcuni dei suoi quartieri più pittoreschi come Mission, quartiere latino, North Beach, quartiere italiano, Chinatown e Japantown. Se hai tempo con un tour in barca visita anche l’isola di Alcatraz.

Dall’altra parte della Baia di San Francisco – a soli 30 minuti di treno con la Bart – si trova la città universitaria di Berkeley, con le sue attrazioni culturali di alto livello e gli acclamati ristoranti gourmet, e la città multiculturale di Oakland, con molti musei interessanti, teatri storici, vivaci eventi di quartiere e festival estivi. Per un assaggio di vita da surfer a 45 minuti dalla città lungo la Highway 1 ti consiglio di raggiungere Half Moon Bay (parte della California Coastal Trail) e vicina alla Riserva Marina di Fitzgerald in cui vedere ileoni marini.

Per approfondire leggi il post – Cosa vedere a San Francisco in tre giorni e Migliori Musei di San Francisco

San francisco vista

Lago Tahoe (Sierra Nevada)

Il lago Tahoe, lungo 35 chilometri, è il decimo lago più profondo del mondo, il secondo più profondo degli Stati Uniti dopo il lago Crater Lake, uno più puri del mondo (la purezza dell’acqua del lago è del 99,99%) ed una destinazione 12 mesi l’anno. 

In estate si affolla quando gli amanti della montagna percorrono il Tahoe Rim Trail, pedalano lungo le piste ciclabili asfaltate, fanno trekking per esplorare esplorare la Desolation Wilderness, o si dedicano al kayak o al Sup. Lungo il lago si trovano anche villaggi molto carini, come Kings Beach che è il posto ideale per rilassarsi e godere della natura.

Da non perdere Emerald Bay State Park, il tranquillo D. L. Bliss State Park e l’Ed Z’berg Sugar Point Sugar Pine Point State Park, ricco di boschi, paesaggi lacustri, sentieri naturali molto ben curati e luoghi incantevoli per il picnic.

In inverno il lago si trasforma e diventa la meta per gli sciatori che fanno base a Heavenly, Squaw Valley, Northstar, Homewood o Donner Ski Ranch. Anche se non scii le attività sportive invernali non mancano. Puoi pattinare sul ghiaccio, fare giri in cabinovia o camminare con le ciaspole. 
In inverno, ricordati di prestare attenzione alle condizioni della strada, spesso sono necessarie catene, trazione integrale o pneumatici da neve ed alcuni percorsi possono essere chiusi. 

Lago Tahoe

Yosemite National Park

Il Parco Nazionale Yosemite è probabilmente il gioiello della California ed incarna la pura bellezza naturale e il fascino delle montagne della Sierra Nevada nella California centrale. Il parco è attraversato dal Tioga Pass Road, aperto solo nei mesi estivi, che raggiunge i 3030 metri al Tioga Pass.

Fotografato ed amato da trekkers e scalatori, lo Yosemite attira ogni anno oltre quattro milioni di visitatori.
Se hai un solo giorno dedicali alla Yosemite Valley, una vallata di 11 chilometri che ospita i paesaggi più belli del Parco.
Visita il Valley Floor Loop, un sentiero piuttosto semplice e piano di 21 chilometri a fondovalle, che puoi anche seguire con il servizio navetta, che collega i principali punti panoramici, tra cui Yosemite Falls, El Capitan e Bridalveil Fall.
Sul lato ovest del Parco troverai il panorama spettacolare di Tunnel View. All’uscita del Wawona Tunnel si estende la Yosemite Valley per intero. A est dello Yosemite Village troverai il Mirror Lake, un lago su cui si specchia l’Half Dome e che si raggiunge con un percorso di 3 chilometri.

Da Maggio ad Ottobre puoi guidare lungo la Glacier Point Road che termina a Glacier Point, uno dei luoghi più belli di Yosemite, un punto panoramico a mille metri a picco sulla vallata. Da qui si vedono le Yosemite Falls (superiore ed inferiore), l’Half Dome, le cascate Vernal e Nevada e le vette della Sierra Nevada. Per raggiungere il belvedere devi camminare attraversando l’esposizione geologica ed una piattaforma.

Se vuoi dormire dentro il parco o vicino ad uno degli ingressi devi prenotare con larghissimo anticipo ti consiglio il The Village Lodge ed il Tenaya Lodge at Yosemite, a 2 minuti dall’ingresso principale.

Yosemite National Park California

Sequoia National Park

Il Sequoia National Park e l’adiacente Kings Canyon National Park sono noti per i loro imponenti alberi di sequoia e chilometri di sentieri selvaggi.
Meno famosi del vicino Yosemite e a 3300 metri di altitudine questi due parchi permettono anche a chi non vuole fare trekking di poter essere ammirato grazie ad un’articolata rete di strade con punti panoramici.
Sequoia è il parco da visitare se vuoi vedere le sequoie gigantesche della California.
Se entri nel parco da Three Rivers fermati all’Amphitheater Point, la Giant Forest, dove vedere la pianta più grande del mondo, la General Sherman Tree, e segui il Congress Trail, un percorso di 3 chilometri, passare tra le principali sequoie giganti.
Da Giant Forest Village puoi fare un percorso a piedi o con navetta (solo in estate) dove si trovano dei punti panoramici molto belli. Più sotto si trova la scalinata che porta a Morro Rock, una cupola di granito da cui si gode di una delle viste più belle del parco con la California da un lato ed il Nevada dall’altro. Prosegui fino a Crescent Meadow, il punto panoramico più bello di tutti. 

Guidando assicurati di passare all’Auto Log ed il Tree Tunnel, entrambi scavati in giganteschi alberi di sequoia.

Non perdere la Crystal Cave, una grotta di marmo piena di enormi stalattiti e stalagmiti che offre visite guidate, è aperta solo durante l’estate, stagione ideale per fare un’escursione sulla cima del Monte Whitney, la montagna più alta degli Stati Uniti contigui e della Sierra Nevada.

Le navette gratuite del parco circolano tra Maggio e Settembre collegando i luoghi più popolari del parco come il Lodgepole Campground, la Giant Forest e Morro Rock. 

Se arrivi da Los Angeles ti consiglio di guidare lungo la California Highway 198 – passando per Visalia e Three Rivers – ed entrare dall’ingresso di Ash Mountain.

Se arrivi da San Francisco guida fino a Fresno e prendi la California Highway 180 est ed entra dall’ingresso di Foothills.

Se viaggi in Inverno

Durante i mesi invernali la strada tra la Giant Forest ed il Grant Village potrebbe essere chiusa non rendendo possibile l’accesso al parco dalla Highway 180.  Ricorda che in inverno devi avere le catene per la neve in auto. Assicurati che il noleggio le includa, informa che andrai a Sequoia e la Sierra Nevada. Un inverno la nostra macchina non le aveva, non immaginavamo di aver bisogno di catene, abbiamo informato la compagnia di noleggio che alla consegna auto ci ha rimborsato della spesa fatta.

sequoia national park

Death Valley

In una terra di dune di sabbia, saline e misteriose rocce in movimento, il Parco Nazionale della Valle della Morte comprende alcuni degli estremi ambientali più grandi della nazione.

Sebbene sia uno degli ambienti naturali più ostili del pianeta, la Valle della Morte è incredibilmente affascinante. Questa valle unica nel suo genere è una delle zone più calde e secche del Nord America e qui si sono registrate le temperature più alte negli Stati Uniti.
Non perdere il Devil’s Golf course, un enorme giacimento di sale, il Dante’s View, un ottimo posto da cui vedere la valle, Badwater Basin, che segna il punto più basso negli Stati Uniti (86 metri sotto il livello del mare), Tour Artists Drive ed il Golden Canyon.
Se guidi verso l’estremo nord raggiungerai Mesquite Spring dove si trova lo Scotty’s Catle, una insolita dimora degli anni ’20 in stille moresco.
I mesi migliori per visitare la Death Valley vanno da Febbraio ad Aprile quando sbocciano in fiori del deserto e le temperature sono ancora sopportabili. Se viaggi in estate assicurati di avere una macchina con aria condizionata e tanta acqua!

LEGGI IL POST – COME VISITARE LA DEATH VALLEY, COSA VEDERE E DOVE DORMIRE 

Mojave Desert – 29 Palms

La riserva nazionale del Mojave regala un viaggio tra canyon e montagne, ex miniere, avamposti militari ed un clima che ne permette l’esplorazione tutto l’anno. 
In questo parco di quasi 650 mila ettari ci si perde tra dune di sabbia, coni vulcanici di cenere, foreste di alberi di Joshua e tappeti di fiori selvatici nell’Antelope Valley California Poppy Reserve.
Questo variegato habitat desertico contiene una foresta di ginepro, praterie desertiche e catene montuose d’alta quota, che fornisce un ricco ecosistema alla fauna selvatica nella riserva nazionale. Uscendo dal Deserto del Mojave fermati lungo la Route 66 al Roy’s Cafe e Motel per fare delle foto in stile road trip e prima di raggiungere Twentynine Palms, dove puoi dormire, visita la Art gallery Glass Outhouse.

Joshua Tree National Park

Realizzato nel corso di milioni di anni da piogge torrenziali, vento battente e temperature estreme, il Joshua Tree National Park si estende su quasi 330.000 ettari.

Il principe del parco Nazionale è l’albero Joshua, chiamato così dai Mormoni che di ritorno nello Utah, nel 1850, vedevano nell’albero delle indicazioni profetiche da nominarlo come il profetò Giusuè (Joshua per l’appunto).

Questi paesaggi, che possono sembrare ingannevolmente sterili, ospitano in verità diversi ecosistemi. Nonostante le dure condizioni il Parco Nazionale Joshua Tree brulica di vita vegetale e animale che si è adattata e ha prosperato nel complicato clima della zona. Qui di trovano grandi mandrie di pecore del deserto, conigli dalla coda nera, coyote e ratti canguro, oltre che numerosi mammiferi più piccoli. 

Il Joshua Tree era venerato dalle tribù indiane americane perché le sue foglie fornivano materiali durevoli per cesti e calzature, mentre le gemme e i semi costituivano un’aggiunta salutare per la loro alimentazione.

Come in tutti gli altri parchi americani qui si possono seguire numerosi percorsi a piedi o si può guidare tra i principali luoghi panoramici e sezioni del Parco guidando lungo la Geology Tour Road. Mi raccomando di raggiungere il Fortynine Palms Oasis, un sentiero di 5 chilometri che porta ad un’oasi con palme ed animali, la Hidden Valley, il Keys Views, un belvedere a 1772 metri di altitudine ed il Cholla Cactus Garden, una spianata di cactus tra cui il Jumping Cholla a causa delle sue spine che sembra vogliano saltare sugli abiti di chi ci cammina troppo vicino (quindi occhio che io li ho trovati anche nei calzini!)

Anza Borrego e le statue nel Deserto

Anche se si trova a sole due ore a est delle spiagge di San Diego, l’Anza-Borrego Desert State Park è un mondo a parte rispetto alla città ed alla costa.
Il più grande parco statale della California protegge 242.811 ettari di terreno desertico, dove si alternano oasi di palme, canyon con fessure tortuose e pendii costellati di cactus.
Questa riserva desertica unisce il nome del famoso esploratore spagnolo, Juan Bautista de Anza, che attraversò il deserto nel 1774, e la parola spagnola per pecore “borrego”, che si riferisce alle pecore nativi della regione.

Gran parte di Anza-Borrego è selvaggia e remota, accessibile solo attraverso strade dissestate o a piedi.

Entrando nel parco appena fuori dalla città di Borrego Springs, non potete perdervi le 130 enormi sculture in metallo dell’artista Ricardo Breceda. Rappresentano animali preistorici che un tempo vagavano in questa terra e creature mitiche, tra cui un serpente lungo 100 metri.

Per decidere che percorso seguire e cosa visitare ti consiglio di andare al centro visitatori di Anza Borrego e farti consigliare dai ranger sulle migliori opzioni per la giornata. Se hai un giorno a disposizione raggiungi il Borrego Palm Canyon, un’oasi alimentata da sorgenti sotterranee ed ombreggiata da palme a ventaglio della California, palma endemica della California. L’escursione di circa 5 km conduce attraverso una distesa sabbiosa punteggiata da cactus e ocotillo fino a un boschetto di decine di palme. 

Le tribù di nativi americani che un tempo vivevano nel deserto di Anza-Borrego hanno lasciato un’eredità di petroglifi e pittogrammi su massi e scogliere in tutto il parco. Il luogo più semplice da raggiungere per vedere qualche esempio di arte rupestre è il sentiero dei pittogrammi nella Little Blair Valley. Le auto possono percorrere la strada sterrata fino all’inizio del sentiero e da lì seguire lungo un percorso piuttosto semplice fino ad arrivare al masso in cui si trovano incisione che sembra risalgano a 2000 anni fa.

Programma di rimanere la notte e dopo il tramonto alza lo sguardo al cielo, rimarrai impressionato dal cielo stellato. È talmente tanto chiaro e limpido da essere stato designato come Parco Internazionale del Dark Sky.

Anza borrego California

Salvation Mountain – East Jesus

Di posti strani nella mia vita ne ho visti tanti, ma Salvation Mountain ed East Jesus sicuramente rientrano nella TOP 5. Nel mezzo del deserto Californiano, vicino a niente, si trova la montagna colorata dedicata a Dio creata da Leonard Knight  che ha dedicato buona parte della sua vita a diffondere un messaggio: Dio è Amore

A poca distanza dalla Montagna, nel villaggio di Slab City, un agglomerato di roulotte e case mobili, è nato il collettivo artistico East Jesus, che a differenza della montagna di Knight non ha niente a che fare con la religione. 
Infatti “East Jesus” nello slang del Midwest significa “luogo nel mezzo del niente”.
Il collettivo artistico ha l’obiettivo di far immaginare i propri visitatori, tramite le opere degli artisti residenti e di passaggio, un mondo senza sprechi. Le installazioni del collettivo sono fatte con scarti e materiali. 
È una bella deviazione se stai dirigendoti a San Diego. Nei paraggi non ci sono hotel o Motel e le città più vicine sono una ora e mezza da Palm Springs (un’ora e mezza),  Twentynine Palms (poco più di due ore) e San Diego (due ore e mezza).

Per approfondire leggi il post Salvation Mountain ed East Jesus, arte nel cuore del deserto

Salvation Mountain

Los Angeles

Los Angeles è una città gigantesca che si visita in macchina ed in cui è facile rimanere imbottigliati nel traffico.
Il primo impatto con la città solitamente non è dei migliori. Non esiste un centro vero e proprio, i quartieri sono distanti tra loro e paradossalmente sembra che ci sia troppo o troppo poco da vedere. In verità la Città degli Angeli merita almeno 3 giorni intensi. 

Questo centro urbano tentacolare è stato fondato nel 1781 e costruito durante il boom dell’industria cinematografica degli anni Venti e Trenta. La città è ancora oggi sinonimo di Hollywood.
Se vuoi provare ad avvistare qualche star potresti dirigerti a Rodeo Drive, una via di negozi di lusso, Beverly Hills e Bel Air, all’hotel Chateau Marmont, uno degli hotel più famosi del mondo, su Sunset Boulevard e al Franklin Village a Hollywood. Un’attrazione da non perdere a Hollywood è la Walk of Fame su Hollywood Boulevard e Vine Street.

Se invece vuoi goderti la spiaggia le più popolari sono Venice Beach, dove tra negozi hippy e di marijuana si sfreccia in rollerblades o skate e Santa Monica State Beach con il che molo iconico con una ruota panoramica e che segna la fine della Route 66. 

Se sei un appassionato di cultura visita il J. Paul Getty Museum, la Walt Disney Concert Hall e l’Hollywood Bowl. Vicino alla piacevole cittadina di Pasadena si trova il Giardino Botanico di Huntington, ricco di 16 diversi giardini a tema, tra cui un Giardino del Deserto, un autentico Giardino giapponese e un Giardino di Shakespeare con piante coltivate nell’Inghilterra rinascimentale.

Questo sito eccezionale comprende la Huntington Library che vanta una collezione di libri rari, tra cui un manoscritto dei Canterbury Tales di Chaucer e una copia della Magna Carta del XIII secolo.

Per approfondire leggi – Cosa vedere a Los Angeles in 3 giorni (inclusi gli Hollywood Studios e Warner Bross Studios)

Venice

Big Sur

Una vista infinita sul possente Oceano Pacifico, baie smerlate, strisce di sabbia intatte, campagne bucoliche, scenografici sentieri escursionistici che si snodano tra boschi di sequoie e ruscelli ricoperti di felci, rappresentano il Big Sur, un tratto di costa montagnosa di 140 km che concentra forse alcuni dei panorami più belli e romantici della California.  Il percorso inizia appena a sud di Carmel e termina a San Simeon.

A nord del Big Sur esplora Carmel-by-the-Sea o vai fare whale-watching a Monterey. Nel sud perditi nelle pittoresche città costiere della California centrale: Cambria, Morro Bay o San Luis Obispo.

Nel punto più meridionale del Big Sur a San Simeon si trova il castello di Hearst, costruito nel 1922 per il barone William Randolph Hearst. Questo capolavoro architettonico assomiglia a una cattedrale spagnola del XVI secolo ed è appollaiato su una collina sopra l’Oceano Pacifico. 

Guida lungo la Calif. 1 partendo da Cambria e terminando a Carmel-by-the-sea.
La prima fermata falla a Piedras Blancas dove puoi vedere una gigantesca colonia di elefanti marini. Leggi anche Dove vedere foche e leoni marini in California

Devia per la restaurata Mission San Antiono de Pauda che puoi visitare all’interno.
Torna sulla costa e guida fino al Julia Pfeiffer Burns State Park, da qui raggiungi Saddle Rock dove vedere una bella cascata che si getta nell’Oceano.
Prosegui per Anderson Peak e Pfeiffer Big Sur State Park, dove potrai camminare un una foresta di sequoie e puoi nuotare nel Big Sur River.
Continua per Point Lobos State Natural Reserve, dove vivono colonie di leoni marini. Qui ti consiglio di camminare lungo il Sea Lion Point Trail. Termina la giornata a Carmel o Monterey.  

Big Sur

Lassen Volcanic National Park

Il Lassen Volcanic National Park si trova nel Nord-Est della California e viene visitato raramente da chi viaggia in California perchè un po’ fuori mano. È una grande area idroelettrica piena di pozze di acqua calda, sorgenti termali, pozze di fango che bollono ed odora di zolfo.

Il vulcano da cui prende il nome il parco è ancora attivo ma l’ultima eruzione è avvenuta nel 1915.
Il parco si visita attraverso un percorso su passerelle, il Bumpass Hell Trail, che attraversa le aree principali del parco ed è anche l’attrazione più popolare del parco. Ti consiglio però di andare oltre e visitare anche il Devil’s Kitchen, nella parte alta della Warner Valley.
A differenza dell’area principale questa non è attrezzata con passerelle, quindi la camminata è meno comoda, ma decisamente da non perdere. Mi raccomando di seguire il sentiero designato o rischi di mettere i piedi in pozze di acqua bollente. Il nome Devil’s Kitchen, la cucina del diavolo, è dovuto all’odore di uova marce dell’area.

Visita anche il Lake Helen, intitolato a Helen Tanner Brodt, prima donna bianca a raggiungere la cima del Lassen Peak nel 1864. 
Lake Helen, che si trova alla base del vulcano, a sud di Lassen Peak e a ovest di Bumpass Mountain, è un lago spettacolare d’alta quota che in inverno è solitamente coperto dal ghiaccio, mentre in estate si colora di turchese. La Highway 89 corre lungo la riva meridionale e orientale del lago.  Il lago prende il nome da Helen Tanner Brodt, che nel 1864 divenne la prima donna bianca a raggiungere la cima del Lassen Peak

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su telegram

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.