Cosa fare a Cape Town – Itinerario ed idee di viaggio

Cosa fare a Cape Town – Itinerario ed idee di viaggio

Cosa fare a Cape Town – Itinerari, quartieri e dove dormire

Quando la destinazione prescelta per i mesi invernali è stato il Sudafrica prima della partenza mi sono scontrata in più occasioni con un pensiero che mi tormentava: sono sicura di voler andare in una Africa che forse non è Africa?

Il viaggio da Roma ha impiegato quasi due giorni. Ho scelto volontariamente un volo lunghissimo che mi potesse permettere di riabbracciare un caro amico ad Addis Abeba e mi consentisse di poter godere un pò del caos della capitale etiope che tanto ho odiato e poi tanto ho apprezzato, nel mio Paese preferito nel continente nero.

Sono atterrata a Cape Town alle 9 del mattino dopo un viaggio notturno su uno scomodo volo Ethiopian Airlines, partito da Addis alle 23,40.
Il disordine e la disorganizzazione dell’aeroporto di Addis sembra storia lontana in questo enorme, spazioso, vuoto e silenzioso aeroporto di una delle città considerata una delle più belle del mondo.

Una ora dopo, in maniera agevole e veloce grazie alla rete di trasporti urbani che a mio dire funzionano alla perfezione, a dire di alcuni locali sono da evitare come la peste (meglio Uber mi dice la bionda incontrata nella Wild Coast), finalmente posso crollare in un sonno profondo nel letto d’ostello dove passerò le prime due notti.

swimming pool cape town

Il Sud Africa per forza di cose non può che farti pensare alla sua burrascosa storia, che se i primi giorni di permanenza cercavo di sondare timidamente, man mano che le settimane passavano affrontavo senza alcun problema memore del fatto che la storia è un fatto e che se è vero da un lato che le separazioni bianchi/neri in città prevalentemente bianche ci sono, si vedono e sono una realtà, dall’altro lato mi rendo conto che una storia di soprusi durata 200 anni e terminata quasi improvvisamente neanche 20 anni fa richieda tempo per essere metabolizzata e cambiata così da poter dare del Sud Africa un Paese Arcobaleno davvero anche in una sola generazione.

Mio compagno di viaggio nella storia del sud Africa è stato il libro che oggi reputo di vitale importanza, Un arcobaleno nella notte, che, con obiettività storica, racconta la genesi del fenomeno apartheid portandoci fino ai giorni attuali.

Ho passato qualche settimana a Cape Town, ho quindi avuto opportunità di poterla scoprire anche in aspetti che ovviamente chi ha solo due giorni a disposizione probabilmente non può.

Di tutte le attività che ho fatto voglio elencare quelle che mi hanno entusiasmata maggiormente e che consiglio a tutti, cominciando da destinazioni classiche concludendo con quelle meno classiche (perchè non si ha tempo).

ATTENZIONE!!
Avverto che questo è un post LUNGHISSIMO, per questo motivo ho organizzato il tutto in capitoli, se non sei interessato all’intero post puoi arrivare al capito di tuo interesse semplicemente cliccando sul titolo.

Spero che queste settimane di lavoro (si! Settimane!) possa tornarti utile e possa aiutarti ad orientarti in questa città che a ragione è considerata una delle più belle ed intriganti del mondo!

Guida a Cape Town - Tabella dei contenuti

 

Cosa fare a Cape Town

Non bastano due giorni a Cape Town ed in verità non ne basterebbero neanche 5, la sola città vale la pena di prendere un volo aereo per scoprire questo angolo di Sudafrica assolutamente sui generis in cui ci si può destreggiare agilmente tra meravigliose coste, villaggi di mare, musei, storia, arte, cultura ed esperienze eno-gastronomiche.

In questa guida ho deciso di elencare tutto quello che si può fare,  pensato degli itinerari, per poter approfittare al massimo delle numerose opportunità che la città offre ma non è sempre facile reperire.

Durante la permanenza a Cape Town, il mio amico Dirk, scritto e fotografo su cui si dovrebbe scrivere un libro visto il suo passato incredibilmente interessante, è stato un personaggio vitale nella scelta delle cose da fare e gli itinerari da seguire (nella provincia e per il resto del Paese).

Un grazie quindi a Dirk e Kathy che grazie alle loro storie e alla loro conoscenza approfondita della città hanno fatto in modo che potessi scoprire questa città esattamente per come io desideravo.
Per chi volesse incontrarli basterà fare semplicemente come ho fatto io, prenotare la camera che affittano su airbnb  e vivere una “south african experience”.

Cape Town Pass – Risparmia sul costo delle attrazioni 

Il City Pass da 2, 3 o 5 giorni permette di accedere gratuitamente a oltre 90 attrazioni della città e risparmiare sul costo totale se comprati singolarmente.
Il pass include trasporto per la durata del pass sull’autobus turistico City Sightseeing il cui itinerario raggiunge circa l’80% delle attrazioni, la teleferica di Table Mountain, la crociera al tramonto, il tour a LaGuGu Township, l’ingresso al Giardino botanico di Kirstenbosch, al District Six Museum e allo Slave Museum, un giuro sulla ruota panoramica Cape Wheel e molte altre attrazioni

L’opzione Premium include una delle seguenti esperienze: 
• Immersione in gabbia per vedere lo squalo bianco
• Safari dei Big 5
Giro in elicottero
• Avvistamento balene
• Snorkeling con foche e giro in motoscafo

Il Pass costa a partire da €72 (per due giorni) e €96,80 per pass illimitato 5 giorni. Compra online e risparmia 

cape town

Cape Town città e i suoi quartieri


Cape Town a prima vista soprattutto se non si è dotati di un mezzo proprio potrebbe sembrare piccola, il centro è facile da girare a piedi, una giornata è sufficiente per scoprirne i luoghi salienti. La città è invece enorme e per capirne la vastità non credo sia una cattiva idea considerare alcuni quartieri molto differenti tra loro che raccontano questo variegato e vibrante centro urban

Cape Town Centro

Nel centro di Città del Capo, palazzi di uffici in vetro e acciaio di dimensioni medie si alternano a venditori ambulanti che vendono di tutto, dai fiori e frutta di stagione fino ai i vestiti e le sigarette.
Un concentrato di moderni grattacieli ed edifici storici risalenti al 1600 ed Art Deco questa area della città è abbastanza piccola per essere scoperta a piedi, modalità ideale per imbattersi nelle numerose gallerie, caffè e mercati.

Bo-Kaap

Bo-Kaap è il centro nevralgico della popolazione musulmana di Cape Town, è qui che si trova la moschea più antica del Sud Africa.
Quello che rende questo quartiere probabilmente il più famoso di tutta la città è la schiera di case dalle mura colorate.
Ogni Sabato si tiene un mercato a Wale Street, vicino all’angolo con Rose Street.

bo kaap

V&A (Victoria & Alfred) Waterfront

Il V&A (Victoria & Alfred) Waterfront è il culmine di un progetto a lungo termine intrapreso per dare nuova vita al portuale storico della città. Anche se potrebbe sembrare un pò falsa, una sorta di concentrato luccicoso  di ristoranti e con un enorme centro commerciale in verità può essere un luogo interessante da dove cominciare la caminata per arrivare al Sea Point.

Il Sea Point è infatti una bella passeggiata che costeggia l’oceano che si estende dal suo bordo più meridionale e prosegue fino a Mouille Point.

Costantia

Questa zona prevalentemente residenziale è sede di alcune delle più antiche aziende vinicole del Capo ed offre anche ristoranti eccellenti in cui provare la ottima carne sud africana accompagnata da vino di prima qualità.
Costantia si trova a circa mezz’ora di macchina da Città del Capo ed è necessaria un’auto per muoversi.

Gardens

Questo è uno dei quartieri benestanti di Cape Town ed è popolato in gran parte da giovani professionisti. In questo quartiere si trovano  numerosi ristoranti, bar, alberghi e negozi, così come molte case bellissime. Le sue vie principali, come per esempio Kloof Street, sono piene di boutique funky e gradevoli da scoprire a piedi.

Green Point

Questa zona residenziale e commerciale  che si trova proprio di fronte al mastodontico stadio è sede di numerosi punti di ristoro, la maggior parte dei quali sono nella Main Road (o  Somerset West). Qui si trovano moltissimi ostelli meta ideale per chi viaggia da solo e zaino in spalla.

Hout Bay

A circa 25 minuti di auto da Cape Town questo ex tranquillo villaggio di pescatori sulla costa atlantica, è la porta per il Chapman Peak Drive.
E’ necessaria una macchina per raggiungerlo ma la strada che porta in questo angolo di Cape Town famoso per il fish and chips ed il suo porto.
Da venerdì a sabato avviene il mercato di Hout Bay in cui si vendono prodotti di artigianato ma si trovano anche differenti banchi di cucina e molta birra artigianale.

WoodStock

A due passi a nord est di centro, un tempo grintoso Woodstock ha subito una rigenerazione e rivalutazione  massiccia negli ultimi tempi ed è ora sede di numerose gallerie e ristoranti, un nome una garanzia: Old Biscuit!

Wynberg

Noto per la sua scena artistica e per il famoso jazz suonato al club Swingers, questo sobborgo meridionale di Città del Capo è un interessante ed importante via di passaggio per scoprire la penisola.

Blouberg e Table View

A 25 km da Cape Town si trova probabilmente una delle viste più belle della città, da qui sembrerà fluttuare nell’acqua e quasi una città miraggio.
Questo tratto di costa è molto ventoso ed ideale per fare kitesurf.
Consigliato venirci verso il tramonto.

cape town view

Giro panoramico della città – Hop on Hop off bus

L’Hop on Hop off bus rappresenta un modo piacevole e divertente, ideale soprattutto per chi non ha un’auto, per scoprire i principali luoghi turistici delle città nel mondo. Cape Town inclusa! 

hop on hop off bus

Gli itinerari sono differenti e la scelta è vasta:

  • 1 giorno bus : ZAR 180
  • 2  giorni bus : ZAR 290
  • Sunset bus : ZAR 120
  • Bus & elicottero: ZAR 850
  • Cape Point Tout: Zar 3100 (una giornata intera)

Per maggiori informazioni sui tours, itinerari e costi clicca qui.

La Penisola di Cape Town (1 giorno in macchina noleggio)


Questa giornata sarà piuttosto lunga ma rappresenterà sicuramente una delle giornate più belle di viaggio in Sudafrica: GARANTITO!
Partenza alle 8 del mattino e ritorno alle 8 di sera. 
Partite da Cape Town e raggiungete i seguenti luoghi in questo ordine:

  • Cape Town
  • Costantia (la regione dei vini) alternativamente i giardini botanici
  • Meutzemberg (famosa per le cabine colorate di epoca vittoriana)
  • Simons Town e Boulders Beach (dove ci sono i pinguini)
  • False Bay Coastal Road (una bellissima guida lungo quella che nel passato erroneamente veniva scambiata per la baia di Cape Town (ecco perchè il nome di False Bay, Baia Falsa)
  • Cape Point Nature Reserve e Cape of Good Hope (La riserva naturale di Cape Point)
  • Chapman’s Peak Drive (altro bel passaggio in macchina lungo il mare)
  • Hout Bay e Victoria Coastal Road (guidando su una strada a strapiombo sul mare)
  • Ritorno a Cape Town

Tours organizzati alla Penisola del capo

Se preferisci non guidare ovviamente non mancano numerosi tours che seguono questo stesso itinerario.

Le opzioni sono differenti e i prezzi variano tra i €45 ed i €70 al giorno per persona a seconda della durata (dalle 4 ore fino ad una intera giornata, tour che raccomando perchè vale la pena dedicare almeno 8 ore).

Tour di un giorno a Bolders Beach + Capo di Buona Speranza (€46 per persona)

cape town peninsula

 

Table Mountain

Non si può non andare al table mountain e l’opzione spettacolare è farlo in funivia rotante, anche se per i più avventurosi e sportivi è possibile raggiungere la cima camminando.
Inutile dire che una poltrona come me non ci ha pensato due volte a salire in funicolare.

Costi per persona:
Adulti: ZAR 240 (a/r) o ZAR 125 (solo andata)
Bambini dai 4 ai 17 anni: ZAR 115 (a/r) o ZAR 60 (solo andata)
Studeti (solo il venerdi): ZAR 130 (a/r) o ZAR 70 (solo andata)

Orari di apertura e chiusura 2016 

Copia di orari

TIPS

**** Consiglio di comprare in anticipo i biglietti per evitare la fila, che può essere molto lunga. Nel caso in cui si voglia acquistare lo “special Sunset” ovvero la salita per il tramonto a prezzo speciale ricordo che sono disponibili SOLO 180 biglietti quindi quanto prima si prenota quanto più alte sono le possibilità di trovare i biglietti a prezzo scontato.

****  Invito inoltre a chiamare prima di arrivare fino all’ingresso perchè in caso di vento il servizio può essere sospeso, chiamare un’ora prima di andare è una buona idea per evitare un eventuale giro a vuoto (cape town sa essere molto ventosa). Nel caso in cui si sia comprato il biglietto online e per sfortuna la funivia è chiusa il biglietto verrà rimborsato attraverso richiesta via sito.

Acquista in anticipo il biglietto combo: Hop On Hop Off bus + Cable car  + walking city tour (€41 per persona)

 

Robben Island

Nelson Mandela ci ha passato 27 anni di prigionia, una isola a poca distanza dalla città ma completamente isolata.

L’isola chiaramente si raggiunge in barca, partenza tre volte al giorno (09h00, 11h00 e 13h00).
I traghetti partono dal Nelson Mandela Gateway al V & A Waterfront.
Il tour dura 3,5 ore compreso il viaggio in traghetto da e per l’Isola.

Lo sbarco avviene sul Bay Harbour di Murray situato sulla costa orientale dell’isola, da qui si comincia la visita che vi porterà in tutti i siti storici intorno all’isola. 

Le guide sono degli ex prigionieri politici e il cammino in questa prigione porterà a conoscerne la storia, vedere i bunkers e le celle di massima sicurezza per culminare con la cella di Nelson Mandela, il PADRE del Sudafrica.

Tours dal Lunedì alla Domenica
Partenze alle: 9:00, 11:00 e 13:00
Costo per adulto: ZAR 300
Costo per bambino: ZAR 160

Prenota il tour online: Robben Island tour 

Tour combinato a Robben Island (Township o Penisola + Robben Island)

Per ottimizzare il tempo, ed i costi, potete comprare un combo che vi porterà dalle Township o alla penisola e Robben Island.
I prezzi variano tra i €50 ed i 70€ per persona ed è incluso: Veicolo e guida/autista, biglietto di andata e ritorno per il traghetto da/per Robben Island, tour guidato di Robben Island, visita alla cella di Nelson Mandela, copertura assicurativa per i passeggeri.

Alcuni tour da considerare sono i seguenti: 

Musei storici – Distric Six Museum e lo Slave Lodge

District Six

Il museo di per sè non mi ha entusiasmata, la guida che avevamo, un ex abitante del district six, l’ha presa troppo per le lunghe e parlando a voce troppo bassa durante una cocente giornata di sole.

Ma il district Six ha un ruolo importantissimo nella storia del Sudafrica dell’apartheid ed è giusto farvi una visita per sentire a voce cosa questo quartiere rappresentava.
District Six ra uno dei pochi quartieri misti (come Sofiatown a Johannesburg) in cui tutte le razze convivevano pacificamente fino a quando si decise che il quartiere doveva diventare bianco costringendo tutte le famiglie a lasciare le proprie case, radendole al suole e trasferirsi a 20 km di distanza fuori dal centro della città. E’ giusto andare perchè è giusto ricordare e in particolare questo museo racconta del quartiere più famoso di Cape Town.

Costo di ingresso: 30 ZAR
Guida (ex abitante del District 6): ZAR 45
Sito ufficiale: www.districtsix.co.za

Slave Lodge – Iziko Musem 

Lo Slave Lodge è uno degli edifici più antichi di Cape Town.
Nel 1998 questo museo è stato ribattezzato Slave Lodge, “Dai torti umani ai diritti umani“, le mostre permanenti al piano inferiore di questo museo aiutano ad esplorare la lunga storia della schiavitù in Sud Africa, mentre altre mostre temporanee hanno lo scopo di far conoscere i diritti umani.

Il museo è aperto dal  Lunedì  al Sabato dalle 10:00 alle 17:00
Costo di ingresso: 30 ZAR
Sito ufficiale: Iziko.org.za

robben island

 

Graffiti di WoodStock e l’Old Biscuit Mill

Adoro Woodstock per tanti motivi, un pò perchè ha l’aria da città africana, un pò per i suoi graffiti nelle strade ed anche perchè è facile trovare bars ed angoli sofisticati che potrebbero farmi credere di essere in qualche zona di Berlino.

Questo quartiere è stato rivalutato da poco ed oggi è considerato il covo degli hipsters e degli artisti e non è difficile capire il perchè.

Girovagare per il quartiere trovando opere di street art è semplice, se si preferisce alcune compagnia offrano degli street art tours in questo quartiere.

***

Street Art Walking Tour
Per conoscere in maniera appropriata l’arte sui muri di Woodstock uno street art walking tour può essere una bellissima idea. 90 minuti a passeggio per il quartiere alla scoperta di questa nuova arte.

Il tour comincia dall’interessante struttura Exchange e per 90 minuti ti porterà alla scoperta di questo nuovo ed eclettico quartiere.
Costo per persona (minimo due persone per far partire il tour): ZAR 350 (€20)
Agenzia: Live Design Woodstock Street Art Tour.

Di gran richiamo è poi il mitico Old Biscuit Mill che il sabato ospita il food market più eclettico della città, ed in questo caso si ha l’impressione di fare un salto a bricklane a Londra.
Il food market è solo il sabato dalle 9 del mattino alle 14. 

 

I giardini botanici Kirstenbosch

Questo luogo è incantevole ed è a metà strada tra dei giardini ed un parco, se avessi saputo in anticipo di cosa di trattava avrei portato tutto il necessario per organizzare un pic-nic in uno dei tantissimi giardini.

Il  giardino botanico è anche sede della passerella “sopra gli alberi”, appena 140m, che permette di camminare a 20 metri di altezza e ammirare una vista bellissima delle montagne e del mare di cape Town.

Orari di apertura:

  • Set-Mar (estate) Lun- Dom dalle 08h00 alle 19h00
  • Apr-Ago (inverno) – Lun – Dom dalle 08h00 alle 18h00

Ingresso per persona: ZAR 55
Costo della mappa: 5ZAR

*** In estate in questo giardino botanico si tengono numerosi concerti per conoscere gli eventi questo il link: Summer Concerts

Kirstenbosch National Botanical Garden

Visita a una township (ed homestay) ****

Ero molto scettica su questa visita fino al giorno che ho incontrato Lenka, una studiosa ed esperta di storia sud africana,  nella selvaggia Wild Coast e mi ha detto che una visita ad una township avrebbe dato molte risposte alle mie tante domande.
Una esperienza di grande valore che non ha nulla a che vedere con la curiosità del vedere come vivono i poveri ma che anzi regala fiducia per un Sud Africa nuovo e giovane L’agenzia a cui mi sono affidata per questa visita è Vamos.
Costo del tour di 4 ore pranzo incluso (in casa di una signora del luogo): ZAR 490 per persona (escluso trasporto).

TIPS
La giornata più interessante è la domenica, infatti è giorno di chiesa e qui si può prendere parte ai Gospel.

Per chi ha più giorni a disposizione è possibile organizzare anche qualche notte in homestay, un modo originale per vivere appieno la vitalità di questo quartiere che profuma di Africa. Per maggiori informazioni clicca qui.

langa cape town

Sessione di percussioni a Long Street (Domenica)

Ogni domenica dalle 14 alle 17 in una traversa di Long street, 159 Longmarket street, la Touareg Trading un negozio di artigianato africano offre sessioni di musica in cui non bisogna fare altro che scegliere la propria percussione, sedersi e cominciare a suonare il ritmo. 

La sessione è organizzata da Touareg Ente e si tiene ogni domenica dalle 14 alle 17 presso 159 Longmarket Street, Cape Town. 
Non è a pagamento ma si lascia una donazione dopo aver suonato. Le percussioni sono date in dotazione.

Sea Point Swimming Pool

Queste sono una delizia rinfrescante in una città che si snoda e si sviluppa lungo una costa meravigliosa ma dove non è semplice fare il bagno a causa di forti correnti, onde e anche acqua particolarmente fredda.
Cape Town offre numerose piscine immerse a loro volta nel mare in cui è bello fare un bagno e rinfrescarsi dopo una lunga giornata al caldo o per passare un giorno nuotando e portando il proprio pic-nic.

Orario di apertura (12 mesi l’anno):

Inverno: 09:00 – 17:00
Estate: 07:00 – 19:00

Costo per persona: 

  • Adulto: R21.00
  • Bambinon: R10.50

Indirizzo: Lower Beach Road, Sea Point

swimming pool cape town

 

Table View e Bloubergstrand

Se Cape Town è bellissima anche stando ai piedi della imponente table Mountain per me lo diventa ancora di più quando ci si allontana dal centro e la si guarda da 30 km di distanza.
La migliore vista di Cape Town la si ha da Bloubergstrand . Da qui è possibile godere una delle viste più belle della città facendola sembrare un isola nel mezzo del mare, un miraggio lontano.


Bloubergstrand.

 

Dove dormire a Cape Town

Ho provato un pò di tutto a Cape Town, dagli ostelli, alle camere in case private ad un piccolo appartamentino a Woodstock e sono stata sempre felice perchè essendo tutti questi in posizioni differenti mi hanno fatto assaggiare differenti luoghi facendomi entrare nel vortice delle domande volte alla comprensione di questa città che trovo a metà strada tra Europa ed Africa. Forse più vicina all’Europa che all’Africa.

Ostelli

Ho dormito in due ostelli e i miei preferiti sono i seguenti, ho optato volontariamente per una zona lontana da Long Street che la notte si anima un pò troppo stando invece più vicina al mare, Green Point.

A Sudflower Stop Hostel – I ragazzi che lo gestiscono sono deliziosi, le camere spaziose e l’ostello ha un bar e una piscina (che nelle giornate di caldo torna più che utile). Letti in camerata a partire da $9.

The B.I.G – Bellissimo ostello in ottima posizione vicino i principali luoghi di interesse, visto il costo superiore la media un ostello non per giovanissimi con belle camere private, per chi viaggia in coppia o con amici. Le camerate sono per 4 persone. Luminoso e pulitissimo.

APPARTAMENTI & CAMERE PRIVATE

Di case ne ho cambiate tre, in quartieri differenti così da aver avuto modo di scoprire tante Cape Town.
Le mie preferenze vanno anche in ordine temporale.

Dirk & Kathy – La camera è bellissima e stare con Dirk e Kathy è una meravigliosa esperienza. L’unica pecca è che è necessaria una macchina in quanto è molto fuori dal centro.

Christiaan La posizione della casa è eccezionale, proprio ai piedi della montagna e dal balcone si vede un pò di mare.  A 5 minuti di macchina da Kloof Street in una zona residenziale e tranquilla.

The Crystal Apartments – Appartamenti bellissimi a Camps Bay, circa 6 chilometri dal centro, di fronte al mare e con vista incredibile. Gli appartamenti sono attrezzati di tutto ed hanno un piscina in condivisione

Margot by Stay Apartments – Gli appartamenti sono nuovi ed in posizione centrale, vicino al District Six Museum. C’è anche una piccola piscina in condivisione.


HOTEL

Far Horizons – Questa bellissima Guesthouse si trova a Camps Bay, quindi a circa 6 km dal centro, le camere hanno anche un piccolo angolo cottura, alcune hanno anche un balcone. La casa ha una piscina in condivisione.

African Home GuestHouse – Camere lussuose e una meravigliosa piscina nel quartiere di Sea Point da dove godere del lungomare della città. Camere luxury doppie a partire da €80.

cape town

Itinerario di tre giorni a Cape Town

Giorno 1 – Cape Town centro – Waterfront inn – Table Mountain al tramonto

La giornata comincia alle 9 del mattino dal District Six ed il museo, da li ci si può spostare verso Market Street (a piedi) e raggiungere i Company gardens passando per Long Street e il Bo Kaap, il quartiere musulmano della città famoso per i muri colorati.
A questo punto ci si sposta verso il Victoria Alfred Waterfront Inn e fare uno spuntino nel food market e una passeggiata nel grande centro commerciale per poi continuare la visita lungo il lungomare di Green Point e Sea Point.

Se ha un pò di tempo si può fare un bagno nella piscina di Sea Point.
Verso le 17 guidare fino al table Mountain, ricordo che conviene comprare il biglietto in anticipo e di chiamare prima di arrivare, a seconda del vento la funicolare potrebbe essere chiusa, ed attendere il tramonto.

Per cena ci si può fermare a Kloof Street che ha una grande varietà di ristornati, da quelli sud africani (prevalentemente carne) a quelli asiatici e messicani.

porta

Giorno 2 – Cape Town Peninsula

Sveglia presto per mettersi alla guida in prima mettinata, oggi si macinano tanti chilometri per una gita bellissima che porterà fino a cape of Good Hope e anche a vedere i famosi pinguini di boulders beach con cui si può anche nuotare.

Le tappe di questo itinerario possono essere le seguenti:

  • Cape Town
  • Costantia
  • Meutzemberg
  • Simons Town e Boulders Beach
  • False Bay Coastal Road
  • Cape Point Nature Reserve e Cape of Good Hope
  • Chapman’s Peak Drive
  • Hout Bay e Victoria Coastal Road
  • Ritorno a Cape Town

Probabilmente si ritornerà a Cape Town intorno alle 17. Giusto in tempo per un drink a Sea Point in attesa che il sole tramonti.
Per cenare Green Point offre numerosi ristoranti tra cui scegliere.
Per un tour nella penisola, per chi non vuole guidare o noleggiare un’auto, consiglio le seguenti opzioni (optate per quella più lunga, in appena 4 ore non riuscite a godere molto di questo luogo meraviglioso)

12657312_1095060290557213_2912784396801699557_o

Giorno 3 – Langa Township e tramonto a table view

La giornata comincia alle 9 del mattino, questa visita la consiglio vivamente perchè racconta un Sud Africa differente e per nulla triste come si possa immaginare, ma anzi pieno di speranza e di vitalità.
Il tour dura circa 4 ore, se si sceglie quello con pranzo in casa, e termina verso le 13:30.
A questo punto da Langa, che si trova vicino l’aeroporto si può guidare fino a Big Bay dove passare qualche ora in spiaggia ed attendere il tramonto guardando Cape town da un differente punto di vista.

Come muoversi a Cape Town

Sebbene creda che avere un mezzo proprio a Cape Town renda la vita più semplice, per chi non vuole noleggiare le soluzioni per sposarsi all’intero della città o nei quartieri limtrofi sono le seguenti:

MyCity – Rete di trasporti pubblici la MyCiti card, che si può fare velocemente all’aeroporto, prima di prendere il bus che porta al Civic Center, è valida 3 anni e si ricarica presso molte stazioni dei bus. Le corse si pagano a chilometraggio.
Se devi prendere più bus passi la carta su IN quando sali sul prima bus e poi su OUT quando sei arrivato a destinazione, i bus sono dotati di due distinti lettori accanto all’autista. La carta magnetica farà i calcoli da sè.

Taxi – Sono economici e portano dovunque. Che sia in hotel o al ristorante se non disponi di un cellulare con sim card sudafricana chiunque potrà chiamarlo per te.

Uber – Il funzionamento è semplice e funziona con una applicazione. L’applicazione riconosce la tua posizione, inserisci la destinazione e un costo approssimativo apparirà, una macchina ti verrà a prendere. Si paga automaticamente con carta di credito

Auto noleggio –  Ammetto che con la macchina sono andata in posti che altrimenti non avrei neanche saputo esistessero, il noleggio per 50 giorni con Rentalcars, assicurazione tutto incluso, è costato 650€ in totale (una WV Polo con appena 2000km quando presa).

Per le ultime due settimane a Cape Town invece abbiamo osato un “vintage” piuttosto frequente in queste strade, una CHICO di probabilmente 40 anni fa. Costo totale €125 assicurazione totale inclusa. Con questa macchina non si può uscire fuori i 200km da Cape Town. Noleggiata con Rentacheapie.

Road south africa

rentacheapie

Tours di gruppo da Cape Town

Cape Town e i suoi dintorni richiedono un mezzo provato, soprattutto se si ha poco tempo a disposizione. Per chi viaggia da solo il costo di noleggio non è economico, cosa che cambia se si viaggia in compagnia.

Per sopperire a questo problema la città offre numerosi tours che permettono di fare e visitare tutti i luoghi menzionati in questo post, a costi contenuti.

La selezione di tours di gruppo di un giorno per voi è la seguente:

Chi invece desidera dei tour di gruppo per giù giorni consiglio di dare un occhio ai tours overland a partire da 3 giorni. La durata minima è di 3 giorni ma potete trovare anche itinerari più lunghi, fino a 20 giorni o più. 

Libri sul Sudafrica

Credo che esistano Paesi che più di altri devono essere affrontati con una conoscenza anche se minima ma essenziale del passato storico. Il Sudafrica è uno di questi.
Oltre la figura di Nelson Mandela non sapevo molto, così come non avevo idea di come tutto fosse cominciato credendo che si trattasse di una delle tante storie di colonialismo.

Il Sudafrica invece ha una storia che è un crescendo di lotte, tribali e non , di religione e tradizioni, di necessità e desideri espansionistici, di remissione e voglia di rivincita.

Il Paese on può essere liquidato con una veloce osservazione in cui si parla ancora oggi di bianchi e neri, anche se questo sarà quello che catturerà l’attenzione la prima settimana o forse anche due.

Seguono alcune letture che consiglio. 

Lungo cammino verso la libertà. Autobiografia  Nelson Mandela – Quando l’ho visto ho creduto che non lo avrei mai finito, 600 pagine non proprio con grandi caratteri. Ma sin dalle prime pagine mi ha affascinata. Una bellissima autobiografia di Nelson Mandela che racconta il Sud Africa dal 1918, anno in cui è nato.

Un arcobaleno nella notte (Narrativa. Supertascabili) – Meraviglioso libro Che lucidità e incredibile scorrevolezza racconta parte della storia che non si conosce, la nascita dell’Apartheid, scaturita dal basso e non dai potenti. Un libro controverso che racconta le radici del fenomeno. ****** ALTAMENTE CONSIGLIATO

Ama il tuo nemico. Nelson Mandela e la partita di rugby che ha fatto nascere una nazione – Nel 1994, alle prime elezioni a suffragio universale, Mandela trionfa. Il Sudafrica è fatto, restano da fare i sudafricani. “Madiba” si inventa la più audace e improbabile delle scommesse: usare il rugby, lo sport dei bianchi, per unire una volta per tutte i sudafricani.

Turbamenti di una nazione arcobaleno. Diario sudafricano – Alla fine dell’apartheid il nuovo Sudafrica fu definito la Nazione Arcobaleno: slogan uscito dall’immaginazione dell’arcivescovo Desmond Tutu, amico e sodale di Nelson Mandela. Nei tre anni in cui ha vissuto a Johannesburg, l’autore ha imparato a conoscere il paese: ne è uscito un diario a metà tra il reportage e il racconto, che prova a immaginare il futuro di uno Stato che rappresenta per l’Africa e per il mondo intero una delle grandi scommesse del nuovo millennio.

Sudafrica. Lesotho e Swaziland – Guida importante per cominciare a pianificare praticamente il proprio viaggio in Sud Africa.

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America sono in viaggio perenne dal 2011. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America

Questo articolo ha 2 commenti.

  1. Silvio

    Grazie mille dei consigli, ottimo blog. Per cortesia controlla il motivo per cui il sito si muove su e giu, é quasi impossibile leggere sull’ipad, grazie

    1. Giulia Raciti

      Ciao Silvio, grazie per avermelo detto, cercherò un ipad e cerco di capire quale possa essere il problema perchè da cellulare e computer funziona bene.
      Forsre ha solo bisogno di caricare un pò?
      Grazie per avermi informata, appena posso controllo.
      un saluto dall’India
      giulia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.