Come diventare un nomade digitale?

Questa domanda mi è stata inviata da Mary, in data 14 Gennaio 2013

“Ciao Giulia,
sono Mary e ho 26 anni.
Ho conosciuto la tua storia un po’ per caso quando, navigando su internet a fine 2011, mi stavo preparando per il mio anno sabbatico.
A quel tempo stavo facendo uno stage a Madrid e stavo letteralmente sclerando! L’azienda era grande, solida, le possibilità di rimanere c’erano, ma io non mi ci vedevo per niente in quella vita routinaria 9-18..! E come te a Londra, praticamente ogni weekend scappavo da qualche parte.

Son finita così sul tuo sito viaggiare-low-cost e mi sono appassionata sempre di più ai tuoi viaggi! Sono partita per l’Australia a fine gennaio 2012, sono stata lì 3 mesi (troppo ordinata per la mia mente caotica!) e poi sud est asiatico:Bali, Java Est, Malesia, Singapore, Thailandia e Filippine.

Sei una grande fonte d’ispirazione, trasmetti tanta carica, passione e voglia di vivere e ammiro tanto la tua tenacia nel credere nei sogni!

A Madrid, oltre a lavorare in ufficio, insegnavo italiano agli stranieri..un’esperienza bellissima! Ho lasciato Madrid con la convinzione che il marketing non fosse per me,  ho pensato che forse insegnare inglese sarebbe stata la mia strada. Ho anche frequentato un corso del British Council per insegnare inglese in tutto il mondo, l’ho passato con un voto alto…peccato che se non sei madrelingua inglese non ti prendano da nessuna parte!

Nel frattempo, complice anche il blog che ho creato  come diario di viaggio (likearollingstone86.com), mi è ritornata la passione per il marketing, o meglio è sbocciata quella per il web..cercando di capire come sfruttarlo per crearmi un lavoro e viaggiare.
Ho letto le altre storie di nomadi digitali e voglio entrare anche io in questa categoria…il mio sogno è riuscire a fare un lavoro che mi piace e viaggiare per il mondo, che è quello che mi mantiene viva.

Non so nulla di SEO, Social Media strategy, etc…sto leggendo vari blog, la guida di SEOMoz…più i siti che hai segnalato sul tuo sito nella sezione viaggiare e lavorare freelance.
So che ci sono delle piattaforme per freelance tipo Twago, Elance, ma 1) non ho conoscenza 2) non ho esperienza….come faccio a farmi l’esperienza se tutti vogliono gente con anni di pratica?

Cosa mi consiglieresti (libri, altri siti) per specializzarmi in web marketing?
So che è un ambito molto vario, non so se mi piace di più il SEO o il Content Writing, è meglio specializzarsi in un campo?

Dopo un anno di viaggio e totale distacco, mi sento arrugginita, non mi ricordo come si fa a lavorare…ma non voglio neanche stare ad ammuffire in casa!
Tornare alla vita di prima non è quello che voglio fare…nè vorrei ripartire così all’avventura facendo quello che capita per poi essere punto e capo, sto cercando di impostare la mia vita in modo tale da poter viaggiare e lavorare…

Continuerò a seguirti e spero di incontrarti un giorno da qualche parte nel mondo!;-)
Grazie mille!!
un abbraccio
Mary”

Risposta

Ciao Mary,
innanzitutto grazie per la tua email  e per seguirmi…il buongiorno si vede dal mattino e questa è stata una delle prime email che ho letto (prima di quelle di lavoro 🙂 ).
Veniamo subito al punto.
In questo post puoi trovare delle risorse https://www.viaggiare-low-cost.it/viaggiare-e-lavorare-come-freelance/ per tutti i lavori che hanno a che fare con webmarketing, seo, copywrting e risorse online aggiornate e con tutte le novità nei diversi settori. Devi sapere che per lavorare come copywriter adesso devi avere nozioni seo, non sono del tutto separati, anzi! Visto che al momento i motori di ricerca puntano sulla qualità di contenuti ti renderai bene conto che adesso un ruolo fondamentale viene svolto dai copywriter chiamati anche seo copywriter.

La questione è questa, io per prima, nonostante con questo lavoro ci abbia vissuto per ormai 5/6 anni sono la prima che sto cercando alternative, non a caso sono alle Galapagos da molto tempo perchè sto cercando di portare avanti un progetto che con il seo non ha proprio a che fare se non indirettamente nel senso che sapendo come fare un sito internet sfrutto le mie conoscenze per creare qualcosa di diverso. Sono ancora in fase iniziale ma sto buttando le basi per un lavoro che potrebbe dare una svolta.
Purtroppo lavorare come freelance non è facile, è ancora più difficile se non si hanno esperienze nè un portfolio che possa dimostrare i risultati ottenuti.
Quello che mi viene in mente adesso per te è questa cosa.
Ci sono molti siti per lavori freelance (trovi links nel post che ti ho inviato), visto che potevi insegnare inglese e immagino che con lo spagnolo te la cavi anche bene perchè non iscriverti e iniziare a cercare lavoro come traduttrice? Una volta che hai qualche lavoro in archivio puoi estendere le tue competenze al copywriting. Potresti proporti a qualche sito scrivendo gratuitamente su qualcosa di cui tu vuoi parlare a condizione che ti si crei un box autore e quindi tu sia proprietaria dei post in modo tale che questi tuoi lavori possano diventare parte del tuo cv.

Improvvisarti seo è più complicato secondo me per tanti motivi. Prima di tutto DEVI capire come funzionano i motori di ricerca, devi avere conoscenze di HTML, CSS, devi avere dimestichezza con tools, devi essere in grado di riconoscere siti buoni da siti cattivi. Io ci ho messo 2 anni per entrare nel meccanismo e potermi muovere da sola. 3 anni lavorando in un ufficio seguita costantemente prima di potere azzardarmi a dare la mia opinione in merito a strategie da adottare.

Non dico che è impossibile ma dico che lo vedo come un processo più lungo rispetto quello che potresti costruirti tu in base alle tue esperienze. Personalmente vivere con lavori freelance in Europa io la vedo dura, la vedo dura pure per me ecco perchè sto cercando di crearmi una cosa alternativa prima di tornare a casa, ho avuto una intuizione e sto cercando di svilupparla chiusa in casa tutti i giorni tutto il giorno senza a volte sapere se fuori c’è il sole o meno.
Ieri sono andata al mare per la prima volta dopo 30 giorni…e vivo alle Galapagos.

Non perdere le speranze questo non aiuta neanche il tuo spirito a pensare lucidamente e a trovare le giuste opportunità ed erroneamente potresti focalizzarti su un percorso che non è il tuo ma di cui ti piace lo solo lo stile di vita.
Per farti un esempio: io ero entusiasta del lavoro come dottore, dicevo che era il mio sogno. In realtà avevo solo l’entusiasmo di questa professione ma non era la mia, solo mi piaceva tanto l’idea di salvare vite o aiutare ma non era quello che faceva per me e così misi questo “sogno” nel cassetto e non me ne sono mai pentita.

Prima di lavorare in maniera indipendente io credo si abbia bisogno di lavorare per qualcuno ed apprendere i segreti….solo quando si è sicuri di potere camminare con i propri piedi e si è sicuri di saperlo fare si potrà decidere o meno di provarci.
Spero di esserti stata di aiuto in qualche modo, ma per qualsiasi cosa rimango a tua disposizione
In bocca al lupo!
Giulia

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America viaggio ininterrottamente dal 2011 e lavoro esclusivamente online. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America ma anche di SEO e SEO Copywriting

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.