come arrivare in Cambogia dalla Thailandia Arrivare in Cambogia dalla Thailandia non è poi così complicato come si può leggere in molti forum, probabilmente le cose nell’ultimo anno sono migliorate, strade incluse, e i procedimenti di acquisto visto e stampi vari velocizzati.
La frontiera più famosa tra Thailandia e Cambogia è Poipet (lato Cambogia) e Aranyaprathet (Thailandia).
Credo che gli unici autobus diretti Bangkok-Siem Reap si possano acquistare con compagnie private e probabilmente a Khaosan Road quindi a causa delle notizie che mi sono giunte a proposito degli autobus da Khaosan Road Bangkok ho optato per il trasporto esclusivamente su mezzi pubblici.
Dalla stazione nord Mochit di Bangkok si può prendere un autobus diretto a Aranyaprathet (costo 212baht) e che parte ogni ora dalle 8 ,30 del mattino sino alle 5,30.
La durata del viaggio è di circa 4 ore e mezzo. L’autobus vi lascerà alla frontiera lato Thailandia.
Qui attenzione a quello che succederà (perchè succederà) e NO PANIC!
In primo luogo se incontrate qualcuno che dice che vi può portare in Cambogia senza dovere acquistare un visto diffidate, non è vero. Il visto serve e si può acquistare sul posto non appena si arriva.
Secondo luogo sappiate che dal lato Thai ci sarà un ufficio dove verrete accompagnati per acquistare la visa on arrival, ovvero il visto per potere rimanere in Cambogia. In questo ufficio thailandese vi verranno chiesti 1000baht ovvero €24 per potere avere il visto.
Però in realtà il visto costa $20 e lo si può fare lato Cambogia senza regalare baht ai Thailandesi. Quindi insistete dicendo che sapere che il visto costa $20 e che non avete baht con voi, risparmierete circa 10 euro, dopo 1 minuto di discussione quelli che prima sorridevano ti sbattono fuori dall’ufficio malamente.
Una volta sulla strada di nuovo attraversate la frontiera a piedi e procedete con l’uscita dalla Thailandia e l’ingresso in Cambogia.
Lì, proprio sotto il portico che dice Kindom of Cambodia, c’è l’ufficio immigrazione dove acquistare il visto. Il visto turistico costa €20 e vi permette di rimanere in Cambogia per 30 giorni.
All’acquisto del visto vi verrà richiesta una fototessera (che consiglio di avere già con voi), in alternativa potrete farla lì e pagare $2 e le impronte digitali.
Anche qui vi chiederanno 100 baht senza motivo, una sorta di mancia che chiedono con nochalance, non datela ma ringraziate per la gentilezza e proseguite.
In alternativa il visto lo si può fare online e applicando direttamente sul sito del Governo della Cambogia. Il costo dell’e-visa è $25 ma arriva in 3 giorni lavorativi e non obbliga a recarsi in Ambasciata. Visto per la Cambogia online.
Proprio fuori dall’ufficio immigrazione troverete un servizio navetta gratuito che vi porterà alla stazione autobus e taxi di Poipet.
Sappiate che se la vostra destinazione è Siem Reap l’utimo bus ($9) è alle 16,30, dopo di che dovrete prendere un taxi che vi diranno che costa a persona $12. Cercate compagni di viaggio con cui dividere le spese e negoziate perchè abbiamo scoperto che in genere è $30. Ma quando si arriva in un nuovo Paese che non si conosce non si sa neanche quando e per quanto contrattare.
Il viaggio dura circa 2 ore di macchina ininterrotte, il taxi vi porterà direttamente sino alla guesthouse.
Se invece di Siem Reap vi dirigete a Battamgan allora l’ultimo bus è alle 18 ma consiglio vivamente di cercare di essere alla frontiera il prima possibile quindi di partire da Bangkok con i primissimi autobus del mattino.
La frontiera chiude alle 8 quindi potreste essere costretti a dormire in uno dei due paesi.
Poipet è una zona di casinò, il che significa camere di alberghi di lusso a prezzi stracciati ma anche molta folla il weekend e comunque è un paese squallido. Da rimanerci solo se si deve e non ci sono valide alternative.
Il mio viaggio è durato circa 12 ore (partendo da Ayutthaia) ma non è stato così doloroso come credevo, il tempo è volato e dovessi rifarlo una seconda volta l’unica cosa che anticiperei sarebbero i tempi di partenza da Bangkok per potere arrivare in tempo a prendere il bus per Siem Reap.

Sharing is caring!

Giulia Raciti

Esperta di Africa e Latino America viaggio ininterrottamente dal 2011 e lavoro esclusivamente online. Ho fatto un giro del mondo in solitaria durato 3 anni. Mi occupo di realizzazione viaggi personalizzati e su misura in Africa e Sud America ma anche di SEO e SEO Copywriting

Questo articolo ha 3 commenti.

  1. alessia

    Ciao!!! Grazie mille per i tuoi consigli, io pensavo di fare il contrario e cioè all’andata dalla tahilandia alla cambogia in aereo e il ritorno in bus quindi passanod il confine via terra…dalla cambogia alla Tahilandia!! Hai consigli per quel che riguarda questo percorso al “contrario”?

    1. Giulia Raciti

      Ciao Alessia, questo post è stato scritto molti anni fa e credo che le cose da allora siano cambiate, ti consiglio di controllare su qualche forum con informazioni più aggiornate.
      Un saluto
      Giulia

  2. Mary

    Ciao Giulia! Grazie per i tuoi consigli..hai descritto benissimo quello che succede esattamente e che ho evitato accuratamente (non la mancia di 100 baht però!).
    Volevo segnalare che da fine febbraio 2013 c’è un nuovo bus diretto che collega Bangkok a Siem Reap e che parte dalla stazione degli autobus di Mo Chit (o meglio di Chatuchak) alle 9.
    Io sono arrivata alla stazione dei bus tardi (8.45) e non ho trovato posto. Costa 750 Baht ed evita tutta l’organizzazione del viaggio dalla frontiera in poi..

    Per chi volesse optare per questa soluzione, consiglio di recarsi in stazione con largo anticipo o di prenotare qualche giorno prima.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.