I castelli della Loira in camper

Modificato il Dicembre 9, 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su email

I castelli della Loira sono una meraviglia della valle da cui prendono il nome. Questa è attraversata dall’omonimo fiume ed offre moltissime occasioni per un turismo a misura d’uomo e per tutte le tasche. Piste ciclabili uniscono un castello con l’altro e fanno si che si possa fare questo percorso anche in bicicletta e con la tenda.

Spesso, il parcheggio del castello che si sta visitando offre la possibilità di pernottare anche gratuitamente, come a Cheverny o a Blois. In altri, come a Chaumont, ci sono ottime possibilità nelle vicinanze, per lo più gratuite o a prezzi economici. I più blasonati hanno dei parcheggi a pagamento in cui è permesso il pernotto a cifre sempre contenute.

Questa soluzione permette ai turisti di poter ammirare le bellezze degli Chateaux francesi anche illuminati di notte. Spettacoli davvero incredibili, ancora più belli se si capita in determinati periodi in cui vengono organizzati fantastici giochi di luce.

Per chi è abituato a viaggiare in Italia e a dover ricercare le aree sosta camper più tranquille, sicure e low cost, ben sapendo che, se vuole risparmiare, difficilmente potrà prendere in considerazione un campeggio, sarà una piacevole sorpresa la possibilità di dormire direttamente nel parcheggio del castello e poterlo ammirare ad ogni orario, spendendo poco o niente.

Un giro in camper dei castelli della Loira permette di fare un comodo viaggio low cost, portandosi dietro le comodità più importanti di casa (come il bagno e le lenzuola in uso “esclusivo”). Un maggiore risparmio è offerto dalla possibilità di fare la spesa nei negozi cittadini oppure nei centri commerciali, in cui mai viene vietato l’accesso ai veicoli ricreazionali, anche più ingombranti.

Un viaggio comodo ed economico nello sfarzo e nell’eleganza dei castelli francesi, con la possibilità di portare a casa tante foto ricordo, che sono un’altra cosa che troppo spesso in Italia viene vietata nei posti che visitiamo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
Condividi su telegram

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.