Come visitare le cascate di Iguazú; lato Argentino e lato Brasiliano

Tutto quello che devi sapere per visitare le cascate di Iguazu (Argentina e Brasile)

Se si viaggia in Argentina o Brasile la visita alle Cascate di Iguazù dovrebbe essere inclusa in itinerario. Non credo di dire una sciocchezza se affermo che queste cascate siano uno degli spettacoli naturali più sbalorditivi ed imponenti del pianeta. Sarebbe davvero un peccato perdersele.

Nel corso dei miei viaggi, ho avuto l'opportunità di visitare numerose cascate, ma la magnificenza delle Cascate di Iguazù si è rivelata senza pari rispetto a quanto visto in precedenza. Basti pensare che le Cascate d'Iguazù rappresentano uno dei più estesi sistemi di cascate al mondo, le cascate si estendendono per circa 2,7 km e sono composte da circa 270 cascate, le cui altezze variano tra i 60 e gli 82 metri.

Motivi sufficienti per essersi guadagnate il titolo di Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO ma anche quello di una delle Nuove 7 Meraviglie della Natura.

Sono tornata in Sud America dopo un paio di anni. Ritornare a Iguazù non era tra i miei programmi ma non sono riuscita a resistere alla tentazione di rivivere quelle emozioni e così, partita in autobus da Buenos Aires, dopo 18 ore di viaggio, eccomi di nuovo qui nell’umido della foresta subtropicale, in balia di zanzare di varia grandezza… ma felice.

È molto difficile descrivere cosa si prova quando, per la prima volta, ti si presenta d’avanti agli occhi lo spettacolo di 275 cascate gigantesche che fanno sembrare le cascate del Niagara e le Cascate Vittoria delle piscine comunali.

In questo articolo, ti fornirò tutte le informazioni necessarie per visitare le Cascate d'Iguazù, lato argentino e brasiliano, inclusi i consigli su come arrivare, il periodo migliore per la visita, quali tour scegliere e dove alloggiare.

Cascate Iguazu lato brasiliano dall'alto

Qualcosa a proposito delle cascate di Iguazù

Le cascate di Iguazu si trovano al confine tra Argentina e Brasile. Vi si può accedere da due città principali: Foz do Iguaçu in Brasile e Puerto Iguazú in Argentina.

Le cascate si trovano all'interno del Parco nazionale dell'Iguazú in Argentina e del Parco nazionale dell'Iguaçu in Brasile, entrambi dichiarati Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. Il fiume Iguazu scorre attraverso questi parchi e forma le magnifiche cascate prima di fondersi con il fiume Paraná.

La storia delle cascate di Iguazu inizia molto prima dell'arrivo degli europei in Sud America. L'area circostante le cascate era abitata 10.000 anni fa dai cacciatori-raccoglitori della cultura Eldoradense, poi soppiantati dal popolo Guaraní. Le cascate furono incontrate per la prima volta dagli europei nel 1541, quando il conquistador spagnolo Álvar Núñez Cabeza de Vaca ne registrò l'esistenza.

Dal punto di vista geologico, le cascate si sono formate in seguito a un'attività vulcanica avvenuta circa 100 milioni di anni fa. Il fiume Iguazu scorre serenamente fino alle cascate, dopodiché diventa furioso e tremante prima di tornare alla calma quando raggiunge la foce nel fiume Paraná, dove si incontrano i confini di Argentina, Brasile e Paraguay.

Dove dormire a Puerto Iguazù (Argentina) 

Se stai viaggiando in Argentina sicuramente farai base a Puerto Iguazù. Questa piccola cittadina è generalmente molto calda ed umida, soggiornare in un hotel con piscina è sicuramente un vantaggio per rinfrescarsi dopo lunghe giornate afose. 

  • Selva de Laurel è letteralmente avvolto dalla giungla, le camere sono molto belle e spaziose e bellissime aree comuni. 
  • Loi Suites Iguazu, un bellissimo hotel nella giungla con camere spaziose e confortevoli e tre piscine collegate tra loro. 
  • O2 Iguazu è invece un hotel nuovo che offre vista spettacolare dal rooftop ed una piscina. Le camere sono moderne e vicino al centro che si può raggiungere a piedi. 
  • Infine il bellissimo Tupa Lodge immerso nella giungla con vista fiume e Paraguay. Le camere sono bellissime ed il servizo impeccabile. 
Garaganta del diablo iguzu

Informazioni pratiche per visitare la cascate di Iguazu

  • Il Parco Nazionale di Iguazù lato Argentina è aperto tutti giorno dell'anno a partire dalle 8 alle 18. È consentito entrare nel parco fino alle 16:30 del pomeriggio, ma è necessario uscire entro le 18.
  • Il Parco Nazionale di Iguazù lato Brasiliano è aperto tutti giorno dell'anno a partire dalle 9 alle 18. È consentito entrare nel parco entro le 16:30 del pomeriggio, ma è necessario uscire entro le 18.
  • Il costo di ingresso ai due parchi per i non residenti costa 20.000 pesos (circa $39). Se convalidi il tuo biglietto alle biglietterie in fase di uscita, potrai beneficiare di uno sconto del 50% sulla tua seconda visita (che deve avvenire il giorno successivo).
  • Se volete visitare entrambi i lati dovrete pagare i biglietti di ingresso per entrambi i parchi
  • È possibile effettuare il pagamento sia in contanti (in pesos) che con carta di credito.
  • Il biglietto include tutti i servizi ovvero: l'accesso a tutti i sentieri pedonali verso le cascate (circuito superiore, circuito inferiore e Gola del Diavolo), il traghetto gratuito per raggiungere l'Isola di San Martino (altamente consigliata) e l'uso del Tren de la Selva.
  • All'interno del parco si trovano ristoranti e bagni
  • All'interno del parco è vietato l'utilizzo dei droni
  • Per raggiungere il parco puoi prendere un autobus dalla stazione di Puerto Iguazu oppure un comodo tour con trasporto condiviso. Non c'è bisogno di noleggiare un'auto ad Iguazù.

Il periodo migliore per andare ad Iguazù

Le Cascate d'Iguazù sono accessibili durante tutto l'anno. Non esiste davvero un "periodo migliore". La scelta dipende principalmente dai tuoi interessi personali: assistere alla portata massima delle cascate, godere di cieli sereni e azzurri o evitare le folle.

I mesi estivi, da Dicembre a Febbraio, sono solitamente i più piovosi, il che significa che il livello dell'acqua del fiume sarà al suo picco e le cascate appariranno particolarmente maestose. Durante la mia visita a Dicembre, il tempo era bello e soleggiato, intervallato solo da qualche breve rovescio.

Per maggiori probabilità di trovare cieli limpidi e soleggiati, pianifica la tua visita tra Aprile e Settembre, i mesi meno piovosi. Tuttavia, considera che giugno, luglio e agosto sono anche i mesi più freddi.

Se desideri evitare la folla, tieni presente che le Cascate dell'Iguazù attirano il maggior numero di visitatori in gennaio-febbraio (che corrispondono al picco dei mesi estive), durante la settimana di Pasqua e a Luglio (durante le ferie invernali locali).

Lato Brasiliano cascate Iguazu

Come visitare le cascate di Iguazù - Una delle 7 Meraviglie della Natura

Questa regione, immersa nella foresta subtropicale e conosciuta come Triplice Frontiera, è un’area attraversata dai fiumi Paranà e Iguazù, che creano il confine naturale fra i tre Paesi.

Esattamente al confine ci sono tre città: Ciudad del Este (Paraguay), Puerto Iguazù (Argentina) e Foz do Iguaçu (Brasile). Sia Puerto Iguazù che Foz do Iguaçu dispongono di aeroporti internazionali.

È possibile accedere alle cascate (Cataratas) di Iguazù sia dal lato argentino che da quello brasiliano e consiglio la visita di entrambe perchè le prospettive sono molto diverse ed entrambi i lati meritano di essere scoperti.

Per la visita delle cascate si consigliano almeno due giorni, di cui uno intero per il lato argentino e mezza giornata per quello brasiliano. Ma entriamo nel dettaglio dei due lati!

CONSIGLIO
Il Parco Nazionale è enorme ed esplorarlo tutto in un giorno può essere complicato. Se desideri tornare sul lato visitato il giorno successivo prima di lasciare parco chiedi al personale di convalidare il tuo biglietto, così potrai tornare il giorno successivo con uno sconto del 50%.

uccelli brasile

Come arrivare al Parco Nazionale di Iguazu dal Puerto Iguazu da Puerto Iguazù

Per raggiungere il Parco Nazionale di Iguazù presupponendo che faccia base a Puerto Iguazù, quindi in Argentina, ci sono diversi modo per entrare nel parco: con bus o con tour che prevede prick up presso gli hotel.

Da Puerto Iguazu alle cascate di Iguazù lato Argentino

Per raggiungere le cascate di Iguazù lato Argentino da Puerto Iguazù ci sono 2 principali opzioni: bus e tour con trasporto.

  • Se hai scelto di prendere il bus devi andare alla stazione centrale degli autobus di Puerto Iguazu, gli autobus partono ogni 20-30 minuti, a partire dalle 7 di mattina. Non c'è bisogno di acquistare in anticipo il biglietto dell'autobus. È possibile semplicemente acquistare un biglietto per il prossimo autobus disponibile al vostro arrivo. Alcune compagnie che coprono questa tratta sono: Rio Uruguay ed El Practico bus. La durata del viaggio è di circa mezz'ora a 40 minuti, il costo è di circa €8. Il bus lascia di fronte l'entrata del parco. Per il ritorno dovi avere il biglietto della compagnia e devi prendere obbligatoriamente il bus prenotato, quindi occhio a non salire su quello sbagliato. Mi raccomando di verificare a che ora è l'ultimo bus per rientare.
  • L'alternativa comoda e abbastanza economica è quella di prenotare un tour pacchetto che comprende il trasporto di andata e ritorno da Puerto Iguazu. Se non te la senti di perderti tra i tanti bus e temi di non riuscire a rientrare in tempo questa è sicuramente la soluzione che consiglio. Il tour costa €14. Si parte alle 7 del mattino e si rientra per le 19. Qui puoi prenotarlo direttamente.

DA SAPERE
Il lato Argentino delle cascate è più grande rispetto quello brasiliano quindi considera un giorno intero per visitarlo, soprattuto se vuoi seguire tutti i circuiti. In aggiunta alla classica visita consiglio di prenotare il Gran Aventura, che è un tour in 4x4 e gommone che porta vicinissimi alle cascate. A me è piaciuto molto e lo consiglio vivamente. La combo trasporto + Gran Aventura cosa €85. Prenota il tour.

Da Puerto Iguazù alle cascate di Iguazù lato Brasiliano

Per visitare il lato brasiliano delle cascate come prima cosa devi ricordare di portare con te il passaporto perchè si dovrà passare la frontiera. Senza non puoi accedere. Anche in questo caso i trasporti sono 3: bus pubblico, tour che include il trasporto e taxi privato.

  • Il bus Rio Uruguay parte dalla stazione dei bus Ominibus di Puerto Iguazù. L'autobus costa 100 ARS a tratta (ma l'inflazione in Argentina fa cambiare i costi velocemente quindi potrebbe essere differente al momento della visita). L'autobus si riempie rapidamente durante le ore di punta, la mattina presto, quindi consiglio di essere in stazione con largo anticipo. Gli autobus passano ogni 20-30 minuti. Tieni presente che stai attraversando un confine bisogna passare per la migrazione. Il tempo di guida è di circa 40-50 minuti.
  • La seconda opzione, che è quella che raccomando e per cui ho optato, è il tour che include il trasporto. Lo consiglio perchè evita di perder tempo aspettando bus che non hanno orari precisi e si viene presi e lasciati presso il proprio hotel. La cosa che per alcuni potrebbe essere un limite, ma il lato Brasiliano è piccolino e si visita benissimo in mezza giornata, è che si parte alle 8 e si rientra per le 13. Costa €21 per persona. Questi tour NON includono il costo di ingresso al parco nazionale. Prenota il tour da Puerto Iguazù alle cascate lato Brasiliano.
  • Infine rimane il taxi privato che permette di organizzare la giornata come si preferisce senza limite di orario di partenza, comunque il taxi aspetta agli ingressi quindi in genere il tempo di attesa è di circa 4 ore.
Vista delle cascate di Iguazu Argentina

Foz do Iguazu - Visitare il lato Brasiliano delle cascate di Iguazù

Foz do Iguaçu è una città di oltre 300.000 abitanti ed è servita molto bene dai servizi pubblici. Con pochi Real (moneta corrente) è possibile prendere un comune autobus cittadino che dall’aeroporto raggiunge il centro della città (lo stesso autobus porta anche alle cascate). Il Parco Nazionale di Iguaçu fa parte dell'UNESCO.

Il biglietto di ingresso costa 52 Real per i turisti stranieri ed include anche il trasporto all’interno del parco. Un Hop-On Hop-Off bus parte dall’ingresso del parco e si ferma all'inizio dei vari sentieri. E' anche possibile fare altre attività come climbing, rafting, sorvolare le cascate in elicottero.

A mio parere, una delle cose più belle di questo parco è la vista sul Parco Nazionale Argentino, che comprende l’80% delle cascate.
L’area del parco accessibile ai visitatori non è molto grande e si può comodamente visitare in poco più di mezza giornata in quanto il percorso si limita alla passerella che porta fino alla base di uno dei salti.

Dopo la visita al parco delle cascate, avendo tempo a disposizione, consiglio di visitare anche il Parque da Aves (Parco degli uccelli), che si trova di fronte al Parco Nazionale delle cascate, basta attraversare la strada! La visita si può fare in poco più di un’ora e ne vale davvero la pena. In questo parco si possono ammirare pappagalli di svariati colori e misure, tucani, anaconda, colibrì, farfalle variopinte e tanto altro. 

In alternativa per chi volesse vivere una esperienza UNICA, consiglio il volo aereo sulle cascate.

Passerelle iguazu

Tour consigliati da Foz do Iguazù

Il lato brasiliano di Iguazù si visita generalmente in mezza giornata, a differenza di quello argentino che richiede un giorno intero, ma le attività extra da abbinare alla vista sono numerose e molto interessanti. Le principali che consiglio sono le seguenti:

  • Visita guidata con guida parlante italiano e trasporto (€25) - Questo tour include il trasporto per le cascate lato Brasiliano ed anche una guida parlante italiano. Il biglietto di ingresso al Parco non è incluso. Potete anche scegliere l'opzione con il Parque da las Aves
  • Giro in elicottero sulle cascate ***SUPER CONSIGLIATO - Questa è l'attività che consiglio vivamente, volare sopra le cascate è sicuramente una di quelle esperienze di viaggio tra le più indimenticabili ed uniche. Il volo dura circa 10 minuti, ma dall'altro si potrà ammirare l'imponenza di questa meraviglia naturale! Prenota online il tuo volo.
  • Parque de las Aves - Per vedere una moltitudine di uccelli tropicali nei loro habitat naturali.
belvedere cascate iguazu

Visitare le Cascate di Iguazù dal lato Argentino

Puerto Iguazù è una cittadina di appena 80.000 abitanti ed sarà la base che molto probabilmente avrete per visitare le cascate se decidete di pernottare in Argentina. Sfortunatamente Il Parco Nazionale non è raggiungibile con mezzi di trasporto pubblici. Si possono utilizzare taxi e gli autobus che partono ogni 15 minuti dal terminal sito al centro della città, al costo di 200 pesos per il tragitto di andata e ritorno.

L’ingresso al Parco Nazionale, anche questo parte dell’UNESCO, costa 260 pesos e deve essere pagato ESCLUSIVAMENTE IN CONTANTI. Se avete voglia di avventura, comprate anche il biglietto per il “Great Adventure”: un giro in gommone con “doccia” sotto le cascate Il parco argentino è molto grande, per visitarlo tutto ci vuole sicuramente un giorno intero.

CONSIGLIO
Consiglio vivamente di prenotare il tour che include il trasporto per il Parco nazionale ed il safari in gommone Gran Aventura che porta fino a sotto le cascate. Il tour permette di coprire i tre circuiti principali del parco argentino e termina con l'escursione in gommone che fa avvicinare fino al Salto San Martín. Prenota il tour delle cascate di Iguazu + Gran Aventura.

I circuiti del lato Argentino di Iguazu

I vari punti panoramici sono raggiungibili attraverso dei lunghi sentieri o con un trenino ecologico. L’highlight del parco è sicuramente la Garganta del Diablo (Gola del Diavolo), il gruppo di cascate più profondo e alto. L'inizio del percorso per la Garganta si può raggiungere solo in treno, spesso dopo una lunga fila! Consiglio di visitare la Garganta del Diablo nel pomeriggio, per poter ammirare le decine di arcobaleni che si formano sulle cascate. 

I circuiti del PArco lato argentino sono 4:

DA SAPERE - IL TREN ECOLOGICO DE LA SELVA
Per muovervi all'interno del parco e coprire alcune distanze che potrebbero essere troppo grandi, il parco nazionale mette a disposizione dei suoi visitatori il Tren ecologico de la selva. Il treno utilizza un carburante speciale che non emette fumo o rifiuti solidi, risultando quindi estremamente rispettoso dell'ambiente. Inoltre, non fa rumore per garantire la tranquillità agli animali. Il treno ha una capacità di 250 persone. Le fermate si fanno a tre stazioni: la prima si trova presso il centro visitatori, la seconda è posizionata nel mezzo del parco, vicino al faro, e infine l'ultima stazione dista circa 2 km dalla Garganta del Diavolo. Il treno ha una frequenza di circa 15-20 minuti a seconda del flusso di persone presenti al momento.

Circuito Superiore

Questo circuito permette di avere una visuale panoramica delle Cascate dell'Iguazù dalle passerelle superiori (esclusa la Garganta del Diablo). Da questa prospettiva, puoi intravedere anche parti del percorso inferiore. Lungo il tragitto di circa 1,75 chilometri, potrai godere di una vista dall'alto su cascate come Dos Hermanas, Chico, Ramirez, Bosetti, Adan y Eva, Mendez e Mbiguá.

Alla fine del percorso godrai di vista mozzafiato che abbraccia sia il parco nazionale argentino che quello brasiliano. Da qui potrai, per esempio, scorgere l'Isola San Martin, il circuito inferiore. Torna alla stazione del Tren de las Cataratas e prosegui per la Garganta del Diavolo

  • Lunghezza: 1750 metri.
  • Difficoltà: Nessuna, non ci sono scale.
  • Tempo stimato: Circa 2 ore.

Circuito inferiore

Questo circuito ti porta all'interno della giungla mediante una serie di scale e passerelle da dove si gode di viste panoramiche stupende delle cascate.

Mentre ti addentri lungo il percorso noterai gradualmente in lontananza, la Garganta del Diablo, l’Isola San Martin e le Cascate Bossetti. Proseguendo, incrocerai alcune scalinate che ti porteranno alla cascata Dos Hermanas. Qui troverai un angolo riposante dotato di sedili dove potrai fermarti e rilassarti. Se continui a seguire il sentiero, ritornerai al punto di partenza. Il percorso presenta una salita ripida, che può risultare impegnativa per alcuni.

  • Distanza: 1700 metri.
  • Difficoltà: Media specialmente a causa di alcune scalinate e del tratto in pendenza nei pressi dell'angolo.
  • Tempo stimato: Circa 2 ore.
vista delle cascate di Iguazu

Circuito della Garganta del Diablo

La Gola del Diavolo (Garganta del diablo) è una delle principali attrazioni delle Cascate d'Iguazù perchè è la cascata più impressionante del parco nazionale. Per raggiungere la Gola del Diavolo, devi prendere il Tren Ecologico de la Selva, che attraversa il parco. Il treno circola tutto il giorno e passa ogni 15 minuti. Se preferisci, puoi anche camminare lungo la strada fino alla Stazione Garganta, ma tieni presente che si tratta di un percorso lungo (circa 2 chilometri).

Dlla Stazione Garganta segui il sentiero di circa 2 chilometri, con alcune aree sosta, che ti porta direttamente alla Gola del Diavolo.

Alla fine del percorso, troverai la piattaforma che affaccia sulla Gola del Diavolo. Considera che di solito ci sono molte persone, quindi armati di pazienza. Se si soggiorna al Melia Iguazu, dentro il parco, consiglio di prendere il primo treno del mattino per arrivare per primi e con molta meno genete intorno.

  • Distanza: 2200 metri.
  • Difficoltà: Bassa, la distanza è piuttosto lunga ma il percorso è pianeggiante e offre numerosi posti a sedere per riposarsi.
  • Tempo stimato: Circa 2 ore.
Cascate Iguazu garganta del diablo

Sentiero Macuco

Il Sentiero Macuco è un circuito di circa 7,7 chilometri (andata e ritorno) che offre l'occasione di esplorare un ambiente totalmente incontaminato dall'uomo. Lungo questo cammino non troverai costruzioni o strutture artificiali, ma solo un sentiero ben delineato per facilitare l'hiking.

Lungo questo percordo potrai osservare un'ampia varietà di specie animali e vegetali uniche in tutto il parco nazionale, come per esempio le scimmie caí tra gli alberi. Per questioni di sicurezza, è vivamente sconsigliato tentare di avvicinarsi o di nutrirle. A termine del sentiero, ti attende la cascata di Arrechea, un piccolo salto d'acqua di 20 metri che rappresenta il perfetto colophon della visita.

DA SAPERE
I servizi igienici sono presenti solo all'inizio del percorso. Pertanto, ti consigliamo di utilizzarli prima di iniziare l'escursione, dato che per oltre 3 ore non incontrerai strutture simili.

  • Distanza: Circa 3600 metri.
  • Difficoltà: Media; i primi 3 chilometri sono tranquilli e non richiedono particolare sforzo, mentre la parte restante presenta una difficoltà leggermente maggiore.
  • Tempo stimato: Circa 3 ore. Il sentiero è aperto soltanto dalle 8:00 alle 15:00.

I tre circuiti principali si possono coprire tutti quanti in una giornata piena. Mi raccomando di arrivare non più tardi delle 9 del mattino.
Ti consiglio anche di includere il safari avventura in gommone che vi porta fin sotto le cascate da dove potete vedere le cascate da un punto di vista differente e fenomenale. Ti bagnerai sicuramente quindi non dimenticare di portare un impermeabile!

Per facilitare il cammino fino alla Garganta del diablo è possibile prendere un trenino che copre i km necessari per raggiungerla.

Importante: il Parco Nazionale in Argentina non accetta pagamenti con carta di credito, solo cash. Se non sei munito di un mezzo puoi prenotare la visita guidata con guida parlante italiano che include anche il trasporto dall'hotel e costa €25 per persona. Non è incluso il costo del biglietto di ingresso al parco. Il tour dura circa 8 e 9 ore.

passerella Iguazu

Attraversare il confine Argentina- Brasile

Se vi trovate in Brasile, potete visitare il lato argentino (e viceversa) in diversi modi: autobus, taxi, tour guidato. In ogni caso ricordate di portare il passaporto per attraversare il confine!

  • Il taxi ha un costo fisso sia sul lato argentino che brasiliano (al momento, 300 pesos in Argentina e il corrispondente in Real sul lato brasiliano).
  • I tour facilitano il trasporto alle cascate e si è accompagnati da una guida. Per avere una idea di costi controlla questo link il costo medio è di €25 per persona.
  • L'autobus è probabilmente il mezzo più economico, ma preparatevi a lunghe attese in dogana. Il conducente vi chiederà di scendere dall’autobus ed attraversare il confine a piedi per mettere il timbro sul passaporto; in “teoria” l’autobus vi aspetterà dall’altra parte del confine, in pratica preparatevi ad aspettare un altro autobus. Questo vale anche per il ritorno.
Cascate iguazu lato brasiliano

Migliori punti panoramici delle cascate di Iguazu

Per quanto riguarda i migliori punti panoramici delle cascate di Iguazu sul lato argentino, ci sono diversi punti notevoli che meritano una visita. Uno dei punti panoramici più popolari è la Garganta del Diablo (la gola del diavolo) che è la cascata più grande e più impressionante del sistema delle cascate di Iguazu. Può essere vista da vicino sia dal lato argentino che da quello brasiliano, offrendo due esperienze distinte e mozzafiato.

Oltre alla Gola del Diavolo, altri punti panoramici sul lato argentino che offrono viste mozzafiato delle cascate sono il Circuito Superiore e il Circuito Inferiore.

  • Il Circuito Superiore permette di ammirare le cascate dall'alto, offrendo una vista panoramica delle cascate e della lussureggiante vegetazione circostante.
  • Il Circuito Inferiore offre una visione più ravvicinata delle cascate, consentendo ai visitatori di sperimentare da vicino la potenza e la bellezza dell'acqua scrosciante.

Sul lato brasiliano delle cascate di Iguazu, il punto di osservazione principale è la passerella nota come "Sentiero della gola del diavolo" ("Trilha das Cataratas").

Questo sentiero offre una vista panoramica mozzafiato della Gola del Diavolo e di altre impressionanti sezioni delle cascate. Il punto di vista offre una prospettiva unica, consentendo di assistere all'immensità e alla grandezza delle cascate da un'angolazione diversa.

Tieni presente che vivere le cascate di Iguazu sia dal lato argentino che da quello brasiliano offre punti di vista e prospettive diverse, ognuna con una bellezza e un fascino unici. Consiglio di visitare entrambi i lati per apprezzare appieno in questa meraviglia naturale.

Belvedere cascate di Iguazu

Centrale idroelettrica di Itaipu

Se hai tempo extra (come me) fate un salto alla gigantesca Centrale idroelettrica di Itaipu, situata esattamente al confine tra Brasile e Paraguay e considerata una delle 7 Meraviglie del Mondo Moderno. La diga è condivisa equamente dai due Paesi e si può visitare da entrambi i lati. La visita è gratuita in Paraguay.
E' un’opera di ingegneria maestosa, che ha eccitato molto i miei compagni maschietti di viaggio (io ho iniziato a sbadigliare dopo il ventesimo minuto di visita). Maggiori info qui: http://www.itaipu.gov.br/en

Punto dei tre confini a Puerto Iguazu

Visto che sicuramente dormirai a Puerto Iguazù nel pomeriggio assicurati di visitare il Punto dei tre confini che segna il punto in cui si incontrano i confini di Argentina, Brasile e Paraguay.

Il punto di riferimento è composto da tre diverse strutture, una per ciascuno dei tre Paesi, dipinte con i colori delle bandiere di ciascun Paese. Da qui si gode di una spettacolare vista sul fiume da ognuna delle tre strutture e allo stesso tempo permette di conoscere la ricca storia e cultura della regione. Il tramonto è particolarmente bello con le tre bandiere illuminate nella notte.

passerella garganta del diablo

Quanti giorni servono per visitare le cascate di Iguazu?

Per visitare sia il lato argentino che quello brasiliano delle Cascate d'Iguazù, è consigliabile dedicare almeno due giorni. Sebbene sia fattibile esplorare entrambi i lati in un'unica giornata, per coloro che dispongono di poco tempo e ci sono anche tour organizzati di 8 ore che lo permettono, per godere appieno della maestosità delle cascate e assaporare la bellezza di questo luogo senza fretta, suggerisco di riservare un giorno per ciascun lato.

Lato Argentino o lato Brasiliano? Quale è il migliore?

Entrambi i lati delle Cascate dell'Iguazú offrono esperienze uniche e vale la pena visitare sia il parco brasiliano che quello argentino per avere un quadro completo, il mio consiglio è infatti di visitarli entrambi. Questo però non significa che non ci siano differenze tra i due lati.

Il parco nazionale brasiliano è più ridotto rispetto a quello argentino e consiste in un unico percorso di circa 1500 metri. Ma una differenza sostanziale rispetto al lato argentino è che lungo tutto questo tragitto si gode di una vista panoramica costante sulle Cascate dell'Iguazú, che permette di apprezzarle da molteplici angolazioni. A causa delle sue dimensioni, questo parco può essere visitato in circa 4 ore. Quindi se hai un volo pomeridiano può considerare anche di lasciare Puerto Iguazu il giorno stesso.

Il parco argentino, invece, è più esteso, conta tre percorsi principali e uno secondario per gli appassionati di trekking (Sentiero Macuco). Questi percorsi principali offrono modi diversi di vivere le cascate, ma richiedono ovviamente più tempo per la visita, in genere un giorno intero.

La decisione su quale lato visitare dipende dal tempo a disposizione. Consiglio di vedere entrambi i lati. Ma se si dispone solo del tempo per un unico parco, suggerisco di visitare quello più vicino all'aeroporto di arrivo. Se per esempio atterri a Puerto Iguazu allora conviene che visiti il lato Argentino così risparmi il tempo necessario per attraversare il confine.

Aggiornato il: 18 Marzo 2024
Scritto da: Barbara Polignano

Disclaimer: In questo post, alcuni dei link forniti sono link di affiliazione, il che significa che posso guadagnare una commissione se si effettua un acquisto attraverso questi collegamenti. Tuttavia, ciò non comporta nessun costo aggiuntivo per te. Le commissioni che ricevo attraverso questi link di affiliazione aiutano a finanziare e supportare il mio blog, mantenendo così la sua indipendenza e la mancanza di sponsorizzazioni. Mi sforzo sempre di fornirti le migliori informazioni e consigli possibili, basati sulla mia esperienza e ricerca personale. Mi preme sottolineare che il tuo sostegno è fondamentale per mantenere vivo questo blog e continuare a fornirti contenuti di qualità. Grazie per il tuo supporto!

Scritto da Barbara Polignano

Autrice del blog Travelling with a wine glass viaggio con un bicchiere di vino e alla scoperta di nuovi nettari in giro per il mondo. Scrivo di viaggi, di vino, amante dell'Argentina di cui conosco ogni angolo, fino alla fine del mondo!

Consulente per idee di viaggio personalizzate in Argentina, per maggiori informazioni clicca qui

20 comments on “Come visitare le cascate di Iguazú; lato Argentino e lato Brasiliano”

  1. ciao Barbara, grazie della tua spiegazione più che esaustiva.
    io sarò alla cascate per fine marzo 27/29 marzo.
    volevo chiederti qualche info.
    secondo te arrivando in aereo su Foz de Iguazu alle 11:30 circa, riesco il giorno stesso a vedere direttamente il lato brasiliano??

    mentre per la parte argentina, i taxi per raggiungere il lato argentino si trovano tranquillamente a Foz??
    i prezzi che hai segnato per la parte argentina sei sicura che siano giusti? al cambio mi risulta qualche centesimo di euro, mi sembra pochino.

    ultima domanda, i biglietti per i due ingressi si prendono tranquillamente in loco o conviene farli online.
    ti ringrazio in anticipo se mi risponderai.

    e complimenti ancora.

    1. Ciao Mario,
      per i costi adesso verifico ma erano i pesos al momento in cui è stato scritto il post. Il cambio pesos, a seconda dell'inflazione del momento (al momento è molto alta), cambia in continuazione. Per quanto riguarda le altre domande io sono sempre andata ad Iguazu da Puerto Iguazu, quindi dall'Argentina, non saprei dirti come è organizzato il lato brasiliano. Ti consiglio di chiedere al tuo hotel che sicuramente sapranno darti suggerimenti aggiornati.
      Buon divertimento!

  2. Ciao, sarebbe possibili visitare entrambe in un giorno? Tipo la mattina lato Brasile e pomeriggio lato Argentino? Grazie

    1. Ciao Domenico,
      non credo. Anche perchè il lato argentino è molto grande e devi comunque muoverti tra i diversi ingressi. In genere serve un giorno e mezzo, volendo puoi fare un giorno lato Argentino e poi il giorno dopo lato brasiliano, mezza giornata, e puoi andare direttamente in aeroporto se hai il volo della sera. Ciao!

  3. Ciao! io partirò per l’Argentina tra due settimane e penso visiterò le cascate uno o due giorni, i primi di ottobre, non vedo l’ora ma leggo solo adesso della febbre gialla. vorrei evitare di fare il vaccino ma allo stesso tempo non vorrei rischiare esperienze spiacevoli tranquillamente evitabili, sulla base della tua esperienza cosa consiglieresti?

    1. Io ti consiglio di farlo anche perchè poi è valido per tutta la vita e non hai idea di quanti Paesi nel mondo lo richiedano come obbligatorio. Il mio consiglio è di fare il vaccino. Ciao
      Giulia

  4. Complimenti per l'articolo.
    Una domanda: Entrando in Argentina dal Brasile, è richiesto il certificato di vaccinazione internazionale (febbre gialla )?

  5. Ciao! Vorrei approfittare del confine a iguazu x lasciare il brasile trascorsi i 90 gg. del voa. Mi confermate pls che al border argentino mi daranno il voa x rimanere nel paese?
    Grazie mille!
    Isab

    1. ciao Isabella, in teoria non dovrebbe esserci alcun problema ma per essere sicuri al 100% ti consiglio di verificare anche su sito di ambasciata.
      ciao!

  6. Grazie dei tuoi consigli...molto utili! Io sarò in Argentina a marzo e dopo aver letto il tuo racconto non vedo l'ora di arrivare alle cascate Iguazu`.

    1. Buongiorno e grazie per l'articolo, molto interessante. Una domanda, arriverei in aereo da Baires alle 8e40 (fine gennaio 2024). Secondo te riuscirei a visitare con il resto della giornata il lato argentino, dormire a Puerto Iguazu, la mattina presto del giorno dopo passare in Brasile, visitare la loro parte e il giorno dopo volare per Puerto Seguro via San Paolo da Foz de Iguazu? Immagino sia una mezza follia, ma sono abituato a ste cose.
      Se si, il visto per il Brasile è fattibile in aeroporto? Ringrazio di cuore chi saprà aiutarmi

      1. Ciao Luca, secondo me ti conviene fare lato brasiliano, che richiede mezza giornata, quando arrivi da Buenos Aires. Lato argentino il giorno dopo (serve tutto il giorno) e poi puoi partire il giorno dopo. Per visitare le cascate basta che porti il passaporto e passi tranquillamente dal parco. In genere un giorno e mezzo pieno, se ben coordinato con trasporti per Iguazu e da e per aeroporto, è fattibilissimo. Per il visto Brasile credo che si faccia in aeroporto ma verifica sul sito Viaggiare Sicuri che nella sezione documenti trovi informazioni aggiornate. Se hai ancora dubbi ti consiglio di chiamare direttamente l'ambasciata brasiliana in Italia e chiedere a loro. Ciao!

    1. Ciao Daniele, bella Cordoba! Ci sono mille cose da fare, non perderti il Parco Nazionale Quebrada del Condorito. Sei vai a Iguazù in autobus e hai tempo, fermati a San Ignacio a visitare le rovine gesuitiche e le piantagioni di mate. Ho visto dei tramonti da paura in quella zona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Alcune immagini pubblicate sono state tratte da Internet, nel caso in cui, il loro utilizzo, violasse diritti d’autore, mandateci una mail a [email protected] e verranno immediatamente rimosse.

Copyright © 2010 – 2024 All Rights Reserved
Viaggiare Low Cost - Di proprietà di Giulia Raciti - P. IVA 03630400830
cross chevron-down linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram